Una collezione a misura di donna, Vionnet autunno inverno 2015 2016

Una collezione a misura di donna, Vionnet autunno inverno 2015 2016

Vionnet presenta a Parigi la sua collezione autunno inverno 2015 2016 e colpisce. Sembra richiamare l'antica Grecia, una donna che si veste di trasparenze, eterea negli abiti fluidi e leggeri e poi, d'un tratto, statuaria con l'incursione di forme geometriche.

-
06/03/2015

Forma e materia, fondamentali e complementari. A loro il primato nella sfilata, il tratto distintivo di abiti, accostamenti, idee e visioni di un’intera collezione.

Design e studio accuratissimo

E proprio l’organza ben si presta alla creazione di piccole costruzioni tridimensionali che avvolgono il corpo, si concede, fiduciosa, alle mani sapienti di chi la manipola. Il satin, dalla sua, gioca con i contrasti cromatici e i panneggi, la pelliccia, invece, rompe il color blocking, i tessuti avveniristici dialogano alla pari con plissettature classiche. L’aderenza dei tessuti alla silhouette è stata ottenuta con un accurato studio dell’elasticità delle stoffe, le cuciture diventano quasi superflue, inesistenti. Il design degli abiti ma soprattutto le scarpe, con gli ampi nastri ad avvolgere la gamba, rendono manifesta l’ispirazione all’antica Grecia.

Gli opposti si attraggono: tessuti fluidi e forme geometriche

Un’allure romantica, delicata e sensuale. La collezione Vionnet autunno inverno 2015 2016 è realizzata a misura di donna: avvolgente è l’abbraccio di tessuti fluidi intorno al corpo femminile, in contrasto con le forme geometriche a creare una struttura ferma. Il mistero attraversa la collezione: una donna che sembra provenire dal passato, catapultata dai templi antichi con una veste moderna e statuaria. Le forme contemporanee sono fedeli interpreti del gusto e dello stile di Madeleine Vionnet.

Colori, trasparenze e tessuti

Le lunghezze si alternano contemplando gli opposti, anche qui complementari: mini e maxi.
Il passaggio dal rosa cipria al beige, dall’azzurro fiordaliso al blu acciaio, dalle nuances più intense come il bordeaux, dal blu al nero. Si fa insistente il gioco di trasparenze e la dominanza di forme geometriche su maxi gonne, pantaloni, abiti e giacche. Trionfano l’organza, lo chiffon, la seta, e poi ancora pizzo, satin, spalmati, i laminati e la pelliccia.
Hanno una parte caratterizzante, nella collezione autunno inverno 2015 2016 di Vionnet, i tagli svasati, a sacco, le asimmetrie e i concetti oversize, le silhouette affusolate e quelle a sirena.
Tra gli accessori le mule di pelle con cinturino alla caviglia hanno la meglio.


Leggi anche: Al via le quattro Fashion Week

Barbara Vaglio
  • Scrittore e Blogger