Per Alexander Wang la donna della primavera-estate 2014 è androgina

Lo stilista cita se stesso e propone una donna sexy anche in abiti dai tagli prettamente maschili

I tagli della sartorialità maschile rivisitati per una donna androgena e sexy. Questa la collezione spring/summer 2014 alla NYFW di Alexander Wang
I tagli della sartorialità maschile rivisitati per una donna androgena e sexy. Questa la collezione spring/summer 2014 alla NYFW di Alexander Wang
  • I tagli della sartorialità maschile rivisitati per una donna androgena e sexy. Questa la collezione spring/summer 2014 alla NYFW di Alexander Wang
Pantaloni a vita bassa, boxer da uomo, maglioni in pelle che traggono ispirazione dalle tute da lavoro e felpe dall’effetto vedo non vedo (che piace tanto in questa settimana della moda nella Grande Mela) con tanto di etichetta Parental Advisory Explicit Content a coprire il seno. Si può riassumere in questo modo la collezione spring/summer 2014 di Alexander Wang presentata sabato 7 settembre allla New York Fashion Week.

Alewander Wang cita Alexander Wang

Lo stilista statunitense di origini asiatiche, uno dei più amati dalle star del jet set e più in vista nel fashion system internazionale, ha presentato una collezione mascolina ma provocante. Leit motiv della sfilata il marchio, o sarebbe meglio dire il nome di Alexander Wang che il principe della moda ha deciso di incidere con il laser sulla maggior parte dei capi. Un minuscolo ritaglio che campeggia su maniche, corsetti e addirittura interi abiti che a prima vista sembrerebbero essere a stampa monocromatica, ma aguzzando bene la vista è possibile scorgere l’ingegnoso dettaglio che ha mandato in visibilio i presenti allo show. Solo Wang poteva essere capace di tanto.

Trent’anni a dicembre, direttore creativo di Balenciaga dal 2012, la collezione primavera/estate 2014 di Alexander Wang propone maglie e giacche squadrate con allacciatura al collo che si aprono a triangolo lasciando scoperto il resto del busto, shorts ampi, minigonne strette, a balze e gonne pantaloni. Giochi di forme, tessuti e trasparenze censurate hanno ispirato lo stilista che si è sbizzarrito nel ricreare una collezione che potesse essere sia super femminile che mascolina, sempre però con estrema sobrietà e pacatezza, si intende. E per rendere questo gioco Wang ha utilizzato i classici tessuti della sartorialità maschile, come la viscosa e un mix di pellami. Scelte inusuali per lo stilista che per questa collezione ha comunque deciso di puntare ancora una volta sul minimalismo.

Uno stile androgino che parte dalle sopracitate camicie abbottonate al collo che lasciano scoperto il busto e arriva a tute che si trasformano in abiti. Capi senza fantasie (oltre a quella della firma di Wang), monocromatici e dalle tinte piuttosto neutre come il bianco, rosa pallido, azzurro chiaro, con punte di grigio e nero.

A completare lo show, gonne a pieghe in versione mini e sotto il ginocchio, mentre gli shorts vengono abbinati a magliette che strizzano l’occhio al guardaroba maschile.


Vedi altri articoli su: Fashion Weeks | New York Fashion Week |

Commenti