New York Fashion Week SS 2016 al via tra leggerezza e lusso

Sospesa tra leggerezza e lusso, prende il via la New York Fashion Week SS 2016, la prima senza il main sponsor storico Mercedes Benz. In attesa di entrare nel vivo, il prologo della kermesse ha già mostrato diversi spunti interessanti

La NYFW SS 2016 inizia all'insegna della leggerezza e del lusso, tra isprazione floreale, suggestioni bohemiènne ed eleganza essenziale
La NYFW SS 2016 inizia all'insegna della leggerezza e del lusso, tra isprazione floreale, suggestioni bohemiènne ed eleganza essenziale
  • La NYFW SS 2016 inizia all'insegna della leggerezza e del lusso, tra isprazione floreale, suggestioni bohemiènne ed eleganza essenziale
  • Tela e fiori per la collezione SS 2016 di À Moi
  • La proposta di À Moi per la prossima stagione è all'insegna della leggerezza
  • La stilista Alejandra Alonso Rojas in passerella con le sue modelle
  • Un completo della collezione À Moi primavera estate 2016
  • Colori saturi, stampe ispirate alla natura e semplicità per Sachin and Babi SS 2016
  • La crew di Sachin and Babi
  • Per la primavera estate 2016 Hellessy propone una linea lussuosa, in materiali preziosi e colori caldi
  • Victor Alfaro punta sulle geometrie e sulle lavorazioni per la collezione SS 2016
  • Dettagli di stile da Victor Alfaro primavera estate 2016
  • Il lusso è evidente, ma mai urlato nella proposta SS 2016 di Victor Alfaro
  • La collezione SS 2016 di Victor Alfaro in una parola? Newyorkese
  • Un ensemble della collezione SS 2016 Victor Alfaro
  • La collezione primavera estate 2016 di Whit è ispirata a
  • Un dettaglio della nuova collezione di Whit
  • Gioco e colore per Whit SS 2016
  • Per la sua collezione primavera estate 2016 Lisa Perry si ispira nientemeno che a Mondrian

Pronti, partenza, via. Il tourbillon delle settimane della moda dedicate alla primavera estate 2016 è ufficialmente iniziato con il prologo della New York Fashion Week (da questa edizione orfana del main sponsor storico Mercedes Benz) e – come tradizione – a inaugurare la kermesse sono stati giovani (e meno) talenti emergenti e stilisti di nicchia.

Emozionatissimi, ma determinati a farsi strada nel mondo del moda (almeno a leggere i post sui social con cui hanno annunciato defilé e presentazioni), hanno portato in passerella un caleidoscopio di colori e suggestioni, spaziando da mood naturali a ispirazioni sofisticate e lussuose, con uno stile in alcuni casi un po’ acerbo, in altri non proprio originale, ma sempre molto interessante.

Fiori e leggerezza

L’apertura della New York Fashion Week SS 2016 è toccata a lei e la stilista del brand À Moi Alejandra Alonso Rojas ha affrontato il difficile compito di “rompere il ghiaccio” con una collezione giovane e fresca, caratterizzata da materiali leggeri, colori delicati e linee morbide. Le gonne tridimensionali, i trench e il bomber in tela semi-grezza con applicazioni di fiori, la giacca in seta con lavorazione a rilievo, il vestito a sottoveste, i pantaloni fluidi tagliati sotto al ginocchio e la bellissima camicetta in seta con maniche trasparenti sono forse semplici al limite del semplicistico, ma testimoniano un lavoro di ricerca teso a creare una commistione tra arte e vestibilità che giustifica – almeno per ora – le piccole e grandi ingenuità della collezione.

La leggerezza (seppure declinata in un’altra accezione) fa da filo conduttore anche alla proposta per la primavera estate 2016 di Sachin & Babi. In una location suggestiva e originale, ovvero la loro nuova casa fresca di ristrutturazione, il duo di stilisti marito e moglie ha presentato infatti una serie di capi dove la levità è data da lavorazioni simil sangallo, tessuti impalpabili e trasparenti, volumi vaporosi e contrasti tra tinte sature, stampe floreali, bianco e nero.

E’ animata dalla stessa filosofia, infine, anche la collezione SS 2016 di Warm disegnata da Tracy Feith (stilista tra i preferiti di Michelle Obama), che ha creato una linea dove ispirazione bohemiènne, beach style, suggestioni seventies e semplicità tratteggiano un mood versatile e casual chic.

Eleganza essenziale

La camicia-top in tessuto stretch e cotone, i pantaloni in pelle con bottoni alla caviglia e l’abito lungo foderato con scollo alla coreana probabilmente possono fare storcere il naso, ma i capi della proposta primavera-estate 2016 portati in passerella da Hellessy alla New York Fashion Week è compiutamente lussuosa nella sua eleganza essenziale e grazie a una tavolozza di colori calda e naturale, che spazia dall’avorio al blu, dal rosso terra bruciata al marsala, è perfetta tanto per il giorno che per la sera.

Un leit motiv, quello dell’eleganza essenziale, che caratterizza anche la collezione SS 2016 di Victor Alfaro. Lo stilista messicano ha scelto infatti di puntare su tessuti preziosi, forme, linee e tagli geometrici e contrapposizioni di colori e materiali per comporre una linea lussuosa ma discreta, chic ma non snob. In una parola: newyorkese.

Tribal & Art

Tra le collezioni più interessanti del prologo della New York Fashion Week SS 2016 rientrano senza dubbio quella di Whit e di Lisa Perry.

Tutto è nato dall’idea di mongolfiere colorate sopra la savana“, ha spiegato Whitney Pozgay per raccontare la sua proposta per la prossima stagione, fatta di vestiti e vestitini, completi top e gonna e top e pantaloni, camicie e short caratterizzati da un mood giocoso, colori accesi e tenui in contrapposizione, fantasie di ispirazione tribale e un che di vintage e bon ton.

Lisa Perry invece ha scomodato nientemeno che Piet Mondrian per creare una collezione dalle linee e dalle tonalità marcate e definite, ma non per questo severa. Anzi. Il risultato è un insieme di abiti divertenti e allo stesso tempo eleganti, unconventional e dalla vestibilità versatile.


Vedi altri articoli su: New York Fashion Week |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *