Marianna Cimini: intervista alla giovane designer

In occasione della Milano Fashion Week abbiano incontrato la stilista emergente Marianna Cimini, che ci ha presentato la sua collezione dedicata ai profumi e ai colori della Costiera Amalfitana

Marianna Cimini, giovane designer, ci presenta la sua collezione per la Primavera/estate 2015
Marianna Cimini, giovane designer, ci presenta la sua collezione per la Primavera/estate 2015
  • Marianna Cimini, giovane designer, ci presenta la sua collezione per la Primavera/estate 2015
  • Photo Credits: Marianna Cimini Facebook Page
  • Per la Primavera/Estate 2015 Marianna Cimini propone una collezione in cui il black and white dominano sulle stampe e le stoffe, per dare una sensazione di
  • Marianna Cimini introduce la sua collezione per la primavera/estate 2015 a Palazzo Morando
  • La stampa a fiori sull'abito riprende un motivo presente sulle ceramiche di Vietri, vicino Amalfi
  • La collezione primavera/estate della stilista Marianna Cimini, i colori sono basic, come il bianco e il nero, così come le linee e le forme per creare una sensazione di leggerezza

Marianna Cimini ci saluta con un sorriso raggiante, e la passione che trasferisce nelle sue creazioni è la stessa che traspare dai suoi occhi luminosi. Originaria della Costiera Amalfitana, per la sua collezione primavera/estate 2015 ha voluto rivolgere lo sguardo alla sua terra nativa, e a quel passato fatto di sapori e colori che, nostalgici, ritornano nella mente della stilista, ormai da anni trapiantata nella fervente Milano, dove si era trasferita per frequentare l’Istituto Marangoni.

Dopo entusiasmanti esperienze in Max Mara prima e nel gruppo Tod’s poi, inizia nel 2012 la sua avventura individuale. Finalista di Next Generation, Marianna sa distinguersi per l’equilibrio perfettamente bilanciato con cui mescola gioco e pulizia delle linee, minimalismo e audacia.
Il bianco si fa protagonista nella sua collezione primavera-estate 2015: tessuti leggeri, impercettibili, chiusi da lunghi nastri che bandiscono l’uso di bottoni. Il leit motif  è infatti la “sospensione” del corpo.
L’unica stampa è un fiore dai contorni grafici, “rubato” dalle ceramiche vietresi. Ancora una volta un rimando alle radici campane, come nella capsule di sandali flat fatti a mano dagli artigiani del territorio.

Una terra, quella di Marianna Cimini, di cui è imposisbile non innamorarsi. Lasciamoci ispirare dalle atmosfere magiche del suo mondo e ascoltiamo cos’ha da dirci questa talentuosa designer!


Vedi altri articoli su: Abbigliamento | Fashion Weeks | Interviste Fashion Weeks | Milano Fashion Week |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *