made in africa

Made in Africa: l’Africa che crea e produce

Cresce sempre di più l’interesse per il made in Africa. Molti marchi scelgono oggi di collaborare e produrre abiti e accessori con l’aiuto di artigiani africani

Made in Africa, è la nuova tendenza che si sta sviluppando per la produzione di gioielli e abiti. L’obiettivo è quello di dare un’opportunità ed insegnare un mestiere per migliorare le condizioni di vita delle popolazioni di questo continente.

Elisabetta Capolino, Cristina Cisilino e Annalisa Bernardi hanno deciso di unire le loro esperienze nel campo della moda e del design per fondare in Kenya, nel Febbraio 2012, il marchio Crea Africa. La loro idea è infatti quella di generare un cambiamento sociale promuovendo l’artigianato locale e producendo il 100% su  territorio africano. Vari artigiani e donne della comunità collaborano con Crea, utilizzando tecniche tradizionali su materiali come il metallo, il legno, l’osso e la pelle. Ogni artigiano, infatti, viene scelto con cura sulla base della personale esperienza e della capacità di lavorare con ogni materia prima.

Da qui nascono poi collaborazioni con grandi marchi come Moschino Cheap & Chic ed Edun.

made in africa
Ali Hewson, fondatrice del marchio Edun assieme al marito Bono e la nuova direttrice creativa Danielle Sherman, hanno avuto la possibilità di visitare la sede operativa di Crea ed osservare il lavoro e le tecniche degli artigiani africani. Il marchio, creato nel 2005, non solo produce una collezione di t-shirt interamente prodotte in Africa, ma per la fine di quest’anno punta a produrre il 40% della collezione su territorio africano.

Made è un altro brand, con sede in Kenya, che nasce con la stessa idea di utilizzare la manodopera di questo popolo. Gioielli fatti a mano da artigiani altamente qualificati che creano prodotti unici e di grande artigianalità. Dalle borse di pelle  alle collane di perline tutto è realizzato con amore utilizzando materiali africani. Made inoltre collabora con grandi marchi come Louis Vuitton, Tommy Hilfiger, Topshop, Stefanel e Asos. Queste collaborazione hanno contribuito a dare una grande visibilità al brand, aiutando a creare maggiore opportunità di crescita.

Produrre moda sembra essere una soluzione possibile per aiutare alcuni popoli africani ad uscire dalla povertà, ma è anche un modo per avvicinarsi alla loro cultura, offrendo loro la possibilità di svilupparsi in questo settore. L’avvicinamento delle grandi case di moda a questo territorio aiuta a focalizzare l’attenzione su questo Paese e sulle sue capacità.

Oggi bisogna infatti pensare all’Africa come Paese che crea e produce.



Milano Fashion week 2020: sfilate ed eventi a cui partecipare
Fashion Weeks

Milano Fashion Week 2020: sfilate ed eventi a cui partecipare

Dove si trova il girovita?
Abbigliamento

Dove si trova il girovita?

Come si misura il busto di un uomo
Moda

Come si misura il busto di un uomo?

Giacca invernale, bomber anni 90 e maxi piumini per sconfiggere il freddo
Abbigliamento

Giacca invernale, bomber anni 90 e maxi piumini per sconfiggere il freddo

Cosa vuol dire cotone doppio ritorto?
Abbigliamento

Cotone doppio ritorto cosa vuol dire?

Dal pantalone agli abiti, l’importante è che sia velluto
Abbigliamento

Dal pantalone agli abiti, l’importante è che sia di velluto

Cos'è il drop nei vestiti
Abbigliamento

Cos’è il drop nei vestiti

Le borse più belle da sfoggiare nel 2020
Borse

Le borse più belle da sfoggiare nel 2020

Milano Fashion week 2020: sfilate ed eventi a cui partecipare
Fashion Weeks

Milano Fashion Week 2020: sfilate ed eventi a cui partecipare

Tra sfilate, eventi e presentazioni, Milano si tinge di tendenza in occasione della MFW 2020. Qui stilisti di tutto il mondo propongono le loro ultime collezioni.

Leggi di più