Lorella Cuccarini scatenata e sexy in tailleur

05/04/2022

Negli anni ’80 Lorella Cuccarini ci faceva sognare tutti esibendosi nei suoi succinti costumini di scena sul palcoscenico di Fantastico. Ora che ha 56 anni lo fa ballando come se non ci fosse un domani in tailleur. Nell’ultima puntata del serale di Amici la showgirl “più amata dagli italiani” si è scatenata con il ballerino Raimondo Todaro in una splendida coreografia di La notta vola. Poi ha litigato con Rudy Zerbi per il modo in cui trattava Alex, uno dei giovani talenti dell’Accademia della tv. “Non sai a cosa attaccarti per parlare male di Alex. Si sente il rumore delle unghie sui vetri”, ha detto irritata.

Lorella Cuccarini e Raimondo Todaro

Lorella Cuccarini in tailleur e Raimondo Todaro ad Amici (ph Instagram @lcuccarini)

Un tailleur chic cucito su misura per lei

Ma come si fa a ballare così agevolmente con un tailleur? Il segreto sta nel tessuto e nella manifattura. Per affrontare con slancio la trasmissione di Maria De Filippi, Lorella Cuccarini ha scelto un capo creato appositamente per lei da Post Scriptum, un brand con una modellistica studiata per rendere versatile la vestibilità grazie all’utilizzo di tessuti con elastane.
Per confezionare il doppiopetto con pantaloni svasati e top coordinato si è quindi partiti dalla scelta del tessuto. Lorella Cuccarini, che nella trasmissione interpreta sia la “Prof” e sia la scatenata “showgirl” danzante, ha scelto un outfit autorevole, grazie alla fantasia maschile, ma anche femminile e da sera, grazie alla pioggerella di paillettes. Soprattutto, ha preteso un capo comodissimo e performante, in grado di accompagnare ogni suo movimento durante il “guanto di sfida” tra Prof. Il tailleur pantalone di Lorella Cuccarini per ora è un pezzo unico, ma non lo rimarrà a lungo.


Leggi anche: Tailleur pantalone: il trend di stagione

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Lorella Cuccarini (@lcuccarini)

Quando a cucirle l’abito da sposa fu sua madre

Per Lorella Cuccarini l’abito cucito su misura non è una novità. Nel corso della sua carriera ne ha indossati tantissimi. Anche se quello al quale è rimasta più affezionata è il suo abito da sposa. “Lo cucì mia madre”, ha raccontato qualche giorno fa ospite di Silvia Toffanin a Verissimo, “Cucì perlina per perlina, ci impiegò tutta la notte. La scorsa estate ho festeggiato i 30 anni di matrimonio con mio marito. Siamo entrambe persone molto indipendenti, ma ci fa piacere ritrovarci, insieme ai nostri quattro figli, per fare un viaggio assieme. Ho sempre pensato che i figli siano una grande benedizione”.

Lorella Cuccarini tailleur

 

Il tailleur Post Scriptum di Lorella Cuccarini (postscriptumitaly.com)

Il segreto piccante di Lorella Cuccarini e suo marito

Lorella Cuccarini è sposata con il produttore musicale e televisivo Silvio Testi. Sono una coppia molto affiatata. Sposati dal 1991, hanno avuto quattro figli: Sara, Giovanni, e i gemelli Giorgio e Chiara. I momenti di crisi, però, non sono mancati. Qualche tempo fa stavano addirittura per lasciarsi. E’ successo quando entrambi stavano vivendo un periodo bruttissimo a causa della perdita delle loro madri. “Viviamo il dolore in modo diverso e per risanare le ferite del cuore necessitiamo di cure diverse”, aveva spiegato Lorella Cuccarini, “io mi ricarico nella famiglia e nel dialogo, lui invece ha bisogno di isolarsi e di silenzio”.


Potrebbe interessarti: Michael Schumacher uscito dal coma e dimesso

Lorella Cuccarini e Raimondo Todaro

Lorella Cuccarini e Raimondo Todaro dopo la loro esibizione (ph Instagram @lcuccarini)

Tuttavia, hanno resistito e ora sono una delle coppie più longeve del mondo dello spettacolo. Il loro segreto? Fare l’amore almeno due volte la settimana. “Non è una questione di tempistiche nette, non te lo ordina il medico, ma la cura è il letto, due volte alla settimana il sesso ci sta”, ha rivelato la showgirl che oggi con il marito desidera diventare nonna. “Mi piacerebbe”, ha spiegato, “ma ancora non ci sono i presupposti”.

Foto copertina: Credit Agenzia Fotogramma

Le foto in questo articolo sono state concesse dall’ufficio stampa di Post Scriptum