Lacoste primavera-estate 2016: da New York a Rio

Per la seconda volta scelto per vestire la delegazione francese alle Olimpiadi di Rio, alla NYFW SS 2016 Lacoste presenta una collezione sospesa tra passato e futuro, lusso e casual attitude, che celebra lo sport e la sua heritage

Tra passato e futuro, casual mood e lusso, la collezione Lacoste SS 2016 celebra lo sport
Tra passato e futuro, casual mood e lusso, la collezione Lacoste SS 2016 celebra lo sport
  • Tra passato e futuro, casual mood e lusso, la collezione Lacoste SS 2016 celebra lo sport
  • Lusso ed eleganza, mood sportivo e comfort scandiscono la collezione Lacoste SS 2016
  • L'abito lungo e fluido della collezione Lacoste SS 2016 realizzato in tela di paracadute
  • Lo stile della linea uomo rimane ancorato alla tennis attitude di Lacoste anche collezione SS 2016
  • Passato e futuro si fondono nella collezione Lacoste SS 2016
  • Un dettaglio degli accessori della collezione Lacoste SS 2016
  • I colori primari scelti da Felipe Oliveira Baptista per la collezione Lacoste SS 2016
  • Un momento della sfilata Lacoste SS 2016
  • Maxi stemp e simboli ispirati alle bandiere dei vari paesi nella collezione Lacoste SS 2016
  • La bandiere americana è uno dei leit motiv della sfilata Lacoste SS 2016
  • Per i critici, l'esagerato uso di stampe ispirate alle bandiere ha tolto eleganza e originalità alla collezione Lacoste SS 2016
  • Il look board della sfilata Lacoste SS 2016
  • Allestimento della location per la sfilata Lacoste SS 2016
  • Backstage della sfilata Lacoste SS 2016
  • La location high tech e minimalista della sfilata Lacoste SS 2016

In una giornata storica per il tennis italiano, il marchio della racchetta per eccellenza, Lacoste, ha sfilato alla New York Fashion Week portando in passerella una collezione che allo stesso tempo rende omaggio e si ispira allo sport.

Il brand del coccodrillo, infatti, per la seconda volta vestirà la delegazione francese alle Olimpiadi di Rio e così lo stilista portoghese Felipe Oliveira Baptista per la primavera-estate 2016 ha deciso di proporre una selezione di capi che mescolano eleganza e funzionalità, attenzione per il dettaglio e minimalismo, lusso e casual attitude.

Tra passato e futuro

E’ ardita l’operazione compiuta da Felipe Oliveira Baptista per la collezione SS 2016 di Lacoste. Il talentuoso fashion designer delle Azzorre, infatti, ha scavato nell’heritage del marchio e ha utilizzato materiali inusuali e high-tech per creare una serie di abiti e accessori che oscillano tra passato e futuro, lusso ed eleganza estremi e stile sportivo e informale.

La tela dei paracadute si trasforma così per lei in un maxidress e in una jumpsuit dalle forme fluide e avvolgenti e per lui in giacche a vento leggere e canotte stretch, mentre i capi stilemi del marchio – polo, pantaloncini, gonnellini, miniabiti – si arricchiscono di dettagli glamour che stemperano il rigore e l’essenzialità delle linee.

Scolli profondi, tagli, inserti, vestibilità attillata, zip che si aprono maliziosamente e tessuto di rete disegnano una donna sportiva e sensuale, che non accetta compromessi tra funzionalità e lusso, comfort ed eleganza, camminando sul filo sottile della provocazione giocosa.

Sul versante maschile, invece, la sporty attitude del marchio resta più marcata e lo stile tennis è solo in parte stemperato da dettagli come finiture a contrasto, maxi reverse e pantaloni asciutti con piega centrale.

Cromo-shock

Unconventional e raffinatamente sopra le righe, Felipe Oliveira Baptista ha arricchito la collezione primavera-estate 2016 di Lacoste di una palette di colori primari “shock” e di una grande quantità di bandiere e dettagli presi a prestito dai vessilli dei vari paesi, in primis gli Stati Uniti.

Una scelta, quest’ultima, che vuole rendere omaggio allo sport e alla sua celebrazione più importante, le Olimpiadi, che nella prossima edizione di Rio de Janeiro vedono il marchio del coccodrillo ancora protagonista nei panni di fornitore della tenuta ufficiale della delegazione francese.

Tuttavia, la gamma di blu, rossi, verdi, gialli e arancioni e il “trionfo” di scritte, numeri e simboli ispirati a quelli delle bandiere hanno fatto storcere più di qualche bocca. Il revival anni ’80 e ’90, infatti, toglie eleganza all’insieme e avvilisce un’opera di contaminazione tra passato e futuro, eleganza e mood sportivo, lusso e vestibilità altrimenti impeccabile.


Vedi altri articoli su: Fashion Weeks | New York Fashion Week |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *