Jenny Packham: la sfilata SS 2015 alla NYFW

Colori decisi e tagli inusuali, per la collezione di Jenny Packham che fa delle trasperenze il suo dress code.

La collezione primavera-estate 2015 di Jenny Packham
La collezione primavera-estate 2015 di Jenny Packham
  • La collezione primavera-estate 2015 di Jenny Packham
  • Abito ricamato
  • Tuta con scollo a cuore
  • Gonna lunga con camicia trasparente ricamata
  • Gonna al ginocchio con camicia trasparente ricamata
  • Abito lungo con stampa a fiori
  • Abito lungo con maniche lunghe in tessuto cangiante
  • Abito nero con trasparenze ricamate in oro
  • Gonna lunga con camicia trasparente ricamata
  • Abito con ampio scollo e trasparenze ricamate in oro
  • Abito al ginoccchio con ricami dorati
  • Abito al ginocchio in colore pastello
  • Abito lungo a manica lunga con top ricamato
  • Abito al ginocchio a stampa con capospalla ricamato
  • Abito con gonna al ginocchio ricamato
  • Abito lungo ricamato
  • Abito lungo ricamato con trasparenze
  • Abito lungo con gonna ampia
  • Abito lungo in voile ricamato
  • Abito con scollo ampio all'americana
  • Abito lungo con ricami
  • Tuta a manica lunga con top ricamato
  • Abito in voile ricamato con trasparenze
  • Abito color carta da zucchero con capospalla a contrasto
  • Tubino a manica lunga in tessuto stampato
  • bito morbido con profondo scollo a V
  • Abito con gonna al ginocchio e scollo all'americana
  • Abito con top monospalla e gonna lunga in voile a contrasto
  • bito con gonna al ginocchio con trasparenze
  • bito corto con coprispalle in voile
  • Gonna sotto al ginocchio con camicia a stampa
  • bito lungo
  • Abito con gonna sotto il ginocchio con topricamato
  • Abito lungo in tulle ricamato a fiori
  • bito lungo cangiante in tessuto morbido
  • Abito lungo a stampa
  • bito lungo con gonna ampia a stampa
  • bito lungo ricamato
  • Abito lungo
  • Abito lungo a stampa
  • Una delle borse accessorie agli outfit in passerella
  • Jenny Packham a fine sfilata

Si può sicuramente trovare molto degli anni ’60 in questa collezione di Jenny Packham per la Primavera Estate 2015 presentata alla New York Fashion Week.
Scolli all’americana, gonne ampie e quel look un po’ alla Jackie O e un po’ alla Marylin Monroe rendono questi capi dei veri classici USA, con un’aura classica reinventata in un’ottica molto moderna.

Quel vedo non vedo

Jenny Packham ha davvero saputo giocare con le trasparenze: non solo i tessuti creano quel vedo non vedo seducente, ma anche le trame di capi che sono tutto tranne che trasparenti, ma che lasciano intravedere forme e morbidezze in maniera sensuale.
Abiti nude fatti di lustrini, piume, frangie e reti che nonostante la loro trasparenza riescono a impreziosire senza caricare troppo e scadere nell’eccesso, si tratta di una seduzione discreta dove si scoprono le spalle e le caviglie, una seduzione senza arroganza.
Decisamente preziose sono le stampe e le trame che riescono a traghettare questi capi dal sapore un po’ retrò direttamente nel nostro millennio regalandogli una bellezza senza tempo.
Unica pecca forse è la tuta in azzurro carta da zucchero che, pur rimanendo molto elegante, resta ancora alle stagioni passate e risulta un po’ troppo abusata sulle passarelle degli ultimi anni ed è probabilmente destinata più ad una visione commerciale del marchio.

Un’attenzione maniacale per i dettagli

I ricami utilizzati per questi capi sono davvero impressionanti e non si limitano a fare solo da contorno al capo, ma sono, in certi casi, il capo stesso. L’attenzione per il dettaglio, quindi, anche il più piccolo è palese e maniacale e rendono i capi davvero preziosi. Persino nel suo ispirarsi agli anni ’60, riprende i tagli, i volumi, i colori e persino i tessuti di quel periodo.
Eppure riesce a fare un’operazione molto moderna ed attuale proprio grazie ai pieni e ai vuoti ovvero ai ricami, agli inserti luminosi e alle trasparenze.
Anche le pochette coordinate che hanno sfilato sono piccoli concentrati di ricami che danno luminosità all’outfit.
La scelta dei colori è decisa, ma non aggressiva: i gialli, gli azzurri e persino i rossi scivolano in tonalità quasi autunnali e un po’ malinconiche, ma mai scialbe.
Le scarpe sono quasi impercettibili, mentre grandi protagonisti sono gli occhiali da sole che aiutano a conferire alle modelle proprio quel look anni Sessanta che la stilista cercava.
Una collezione affascinante e sensuale, quindi, che sa ammaliare ed intrigare, ma senza aggredire.


Vedi altri articoli su: New York Fashion Week |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *