Vivienne Westwood
Moda

I colori e le ispirazioni di Vivienne Westwood

Vivienne Westwood con la sua collezione Red Label rivendica il ruolo della cultura e dell’arte, si schiera dal lato green. In passerella ci sono giochi di look, stile punk e molta arte.

Vivienne Westwood è, anima e corpo, nella sua nuova collezione autunno inverno 2015 2016.

Libri, musei, arte e cultura

Vivienne è la ragazzina fortunata che dalla campagna giunse nella City, ad anni 17, è ferratissima sui nomi degli alberi, 10 e lode in botanica. Ha sempre amato leggere libri e andare per musei, l’arte scorre nelle sue vene come linfa ispiratrice e, se invitata a dibattere sull’argomento, sostiene il ruolo cruciale della cultura.

Giochi tra le righe

La sua nuova collezione gioca con i look, questo è il messaggio che si legge tra le righe.
E il gioco è fatto di gonne scozzesi abbinate a maglioni color kaki, di pantaloni di seta i cui colori e fantasie richiamano alla mente Gustav Klimt. Sfilano in passerella t-shirt con scritto “Unite Art Lovers” e cardigan destrutturati, un miniabito di paillettes oro; il gioco continua e giunge al culmine con gli elementi punk di cui Daisy Lowe si fa icona indossando un abito nero di pizzo.

Power to culture

La ragazza Red Label di Vivienne Westwood è green, promuove la cultura, rifiuta il consumo. “The power” è nelle mani dell’1% della popolazione mondiale che predica il consumo, la guerra e ci sta conducendo, dice, verso un epilogo rovinoso. Per questo Vivienne Westwood e la sua collezione Red Label si schierano da parte Green.

Trucco e parrucco, ispirazioni da Londra

Dalla London Fashion Week e dalla catwalk di Vivienne Westwood il coro make up sembrerebbe avere in gradimento i toni scarlatti, l’eye-liner nero e grafico, l’incarnato naturale. L’hairstyle ha un allure messy ma opaco.

Brevi cenni sulla storia di Vivienne

Altro sodalizio, noto e visibile anche dalle passerelle, è Westwood-musica. Lei, stilista talentuosa, originale e carismatica, riduce al minimo il confine tra musica e moda e porta in scena icone punk.
La sua storia da designer prende il volo con la realizzazione di vestiti per la boutique “Let it Rock” di Malcolm Mc Laren, musicista e manager dei Sex Pistols e suo compagno.
Il fenomeno punk degli anni ’70 l’ha ispirata e portata alla creazione di capi d’abbigliamento e accessori in stile, anche make-up e capelli rivestono un ruolo cruciale nella definizione di uno stile unico e scioccante. Con il tempo, lo stile “Vivienne” è, giustamente, evoluto espandendosi dal punk e dalla moda di strada alla storia del costume del XVII e XVIII secolo, un viaggio temporale che attinge dalla sartoria del passato per proiettarsi nel futuro.
Un’arte, la sua, che spazia tra storia e pittura, impegno sociale e politico. Non a caso Vivienne ha ottenuto vari riconoscimenti.



Mom jeans
Abbigliamento

Mom jeans come indossarli

Reggiseno in vista, quando è glamour e quando no
Intimo

Reggiseno in vista, quando è glamour e quando no

Torna di moda il lattice: dal tailleur, ai vestiti
Abbigliamento

Torna di moda il lattice: dal tailleur ai vestiti

Come mi vesto per un colloquio di lavoro online
Cosa mi metto

Come mi vesto per un colloquio di lavoro on line?

Guida alle taglie scarpe
Scarpe

Guida alle taglie scarpe

Taglie forti, consigli di stile
Cosa mi metto

Taglie forti, consigli di stile

Back to school, come vestirsi il primo giorno di scuola
Cosa mi metto

Back to school, come vestirsi il primo giorno di scuola

Wrap dress perchè non deve mancare nel tuo armadio l'abito a portafoglio
Abbigliamento

Wrap dress: perché non deve mancare nel tuo armadio l’abito a portafoglio

Come indossare la gonna a ruota
Abbigliamento

Come indossare la gonna a ruota

Come indossare la gonna a ruota per modellare il corpo e renderlo armonioso, sensuale, femminile ed elegante.

Leggi di più