Alberto Zambelli: sfilata e intervista per la collezione S/S 2015

Alberto Zambelli chiude la Milano Fashion Week con la sua splendida collezione primavera-estate 2015: la nostra videointervista al designer e le impressioni post-sfilata

Geometrie e trasparenze alla sfilata S/S 2015 di Alberto Zambelli alla Milano Fashion Week
Geometrie e trasparenze alla sfilata S/S 2015 di Alberto Zambelli alla Milano Fashion Week
  • Geometrie e trasparenze alla sfilata S/S 2015 di Alberto Zambelli alla Milano Fashion Week
  • Alberto Zambelli presenta una collezione ispirata alla pop art e all'oriente
  • Lo stilista bergamasco rivisita un grande classico: le giacche rendendole moderne e originali
  • Trasparenze e colori si alternano nei capi di Alberto Zambelli
  • Le stampe sdrammatizzano l'abito e si abbinano alla perfezione alla giacca lunga
  • I must di Alberto Zambelli: black&white e trasparenze
  • Contrapposizione di tessuti e materiali con la maglia trasparente e la gonna in pelle
  • Una collezione con look chic e semplici da portare
  • Capi minimal, con geometrie e black&white
  • Un lungo abito trasparente, con stampe by Alberto Zambelli
  • il must della collezione sono le calze alte, da portare con gonne cortissime
  • Super chic gli occhiali con Swarovski e lenti colorate
  • Zambelli gioca con le geometrie e le trasparenze
  • Look minimal e chic per una donna femminile e grintosa
  • Gli abiti di Alberto Zambelli fasciano il corpo e lo disegnano grazie alle geometrie sui tessuti
  • Il black&white domina in questa collezione
  • Applausi soprattutto per le camicie bianche, un classico rivisitato da Zambelli
  • Veli d'organza e trasparenze
  • Backstage: A ogni modella il suo outfit - Photo Credits: Giada Divisato
  • Make up nude e chignon bassi - Photo Credits: Giada Divisato
  • Focus sullo sguardo e un raccolto leggermente scomposto -Photo Credits: Giada Divisato
  • Ready for the fashion show - Photo Credits: Giada Divisato
  • Seta, stampe e trasparenze: pronte per la passerella - Photo Credits: Giada Divisato
  • Backstage: un beauty look luminoso ma di carattere - Photo Credits: Giada Divisato
  • Le mani esperte dell'hairstylist donano perfezionano l'updo - Photo Credits: Giada Divisato
  • Backstage - Photo Credits: Giada Divisato
  • Stringate con platform dal sapore un po' dark - Photo Credits: Giada Divisato
  • Makeup artist at work - Photo Credits: Giada Divisato
  • Calze in nylon trasparente con finiture colorate - Photo Credits: Giada Divisato
  • Un tocco pop e futuristico: gli occhiali ricoperti di cristalli Swarovski - Photo Credits: Giada Divisato
  • Un ultimo tocco di cipria prima che si accendano le luci - Photo Credits: Giada Divisato
  • Backstage: (quasi) pronte per la passerella - Photo Credits: Giada Divisato
  • In passerella! L'esordio di Alberto Zambelli alla MFW - Photo Credits: Giada Divisato

Alberto Zambelli chiude la Milano Fashion Week, presentando la sua collezione primavera-estate 2015. Lo stilista bresciano, per la prima volta su questo palcoscenico, ha partecipato al progetto “N-U-D-E New Upcoming Designers” dedicato agli stilisti emergenti. Dopo aver conquistato l’Oriente, lavorando con successo tra Tokyo e Shangai, è stato accolto da applausi e critiche entusiaste anche a Milano.

Geometrie, black&white e un tocco pop

Uno stile deciso quello di Alberto Zambelli, che riesce a diventare subito iconico e riconoscibile. Dominano il bianco e il nero, spesso combinati in stampe che riproducono figure giapponesi e personaggi stilizzati o si trasformano in un tributo ai pattern e alle pavimentazioni rinascimentali.
La cornice è quella, splendida, della Sala delle Cariatidi a Palazzo Reale. Una passerella d’eccezione da cui emerge una donna in bilico fra Oriente e Occidente con abiti decorati, preziosi dettagli in cristallo, micro e macro sfere smaltate. Una collezione minimal ma curata in ogni dettaglio, in cui sete liquide, jacquard e doppi crêpe si alternano a veli di organza cellophane di impalpabile leggerezza.
Giochi di volumi e trasparenze eseguiti con maestria sartoriale, puntando sempre sulla raffinatezza e l’eleganza che identificano il brand. Lo stilista rivisita la pop art nei grafismi, con classe e un pizzico di ironia, usand una palette dalle nuances ricercate e perfettamente calibrate: il latte, il salmone, il nude, la lavanda, il cedro e ovviamente il nero.

Capi classici ed essenziali

Una collezione deliziosamente pret-à-porter ma, al contempo, sofisticata e mai banale. Le silhouette allungate slanciano la figura femminile, la camicia bianca riacquista la sua naturale eleganza, trafori e trasparenze donano una femminilità assolutamente chic. Un lavoro sartoriale che parte dai capi classici come blazer, gonne longuette, abiti a trapezio e li rielabora. Un gioco di materiali e volumi che regala una nuova personalità ai capi, senza -al contempo- destrutturarli in maniera eccessiva rischiando di snaturarli. La geometria, le linee pulite, i rimandi alla moda di fine anni ’60, tengono in piedi il tutto con grande armonia.

Tra minimal ed eccessi: gli accessori

Tra i must have della prossima stagione troviamo le calze in nylon trasparente con finiture colorate: corte poco più su della caviglia o lunghe fino al ginocchio. Il tocco divertente ed eccessivo sono invece gli occhiali da sole con lenti a specchio sfumate e colorate, rivestiti da una pioggia di cristalli Swarovski: so glamorous!

Ammirate con noi la sfilata e godetevi l’esclusiva intervista al designer, a cura di Giada Divisato.


Vedi altri articoli su: Fashion Weeks | Interviste | Interviste Fashion Weeks | Milano Fashion Week | New Designers | Sfilate |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *