Viaggio di nozze alle Maldive

Natura esotica e paesaggi marini mozzafiato. Per molte coppie di sposi le Maldive restano il viaggio di nozze per antonomasia

Sri Lanka / @flickr / whl.travel
Sri Lanka / @flickr / whl.travel
  • Sri Lanka / @flickr / whl.travel
  • Maldive, alberi di cocco
  • Maldive / @flickr / StanleyC
  • One Only Reethi Rah / @flickr / Sarah_Ackerman
  • Ristorante Ithaa
  • Tramonto Maldive / wikipedia
  • Kanuhara / @flickr / nicadlr
  • Barca pescatori Sri Lanka / @flickr / whitecat sg
  • Maldive, anemone / wikipedia
  • Male Aeroporto Internazionale
  • Resort One Only Reethi Rah / @flickr / Sarah Ackerman
  • Snorkeling Maldive / @flickr / LucaM- Photography
  • Soneva Fushi / @flickr / sarnau
  • Spiaggia Maldive
  • Madoogali, Maldive / wikipedia
  • Sott'acqua Maldive / fotopedia / Laurent Legoupil
  • Barriera Corallina / wikipedia
L’incontaminato paesaggio tropicale puntellato da palme, distese di spiagge bianche, lagune turchesi e barriere coralline sono tutti validi motivi per definire le Maldive una delle mete viaggio più gettonate dagli sposini. Un paradiso naturale dove godersi il meritato riposo dopo la fatica organizzativa del matrimonio. Le Maldive sono composte da 1.192 isole, tra nord e sud, sfumate di blu e verdi di vegetazione. Di queste isole 130 sono occupate da villaggi turistici e circa 200 sono abitate dalla popolazione locale. Le Maldive, oltre ad essere meta privilegiata, hanno il record di minor elevazione media (poco più di un metro) sul livello del mare. In un centinaio di anni questo paradiso potrebbe scomparire completamente a causa dell’innalzamento delle acque. Quindi cosa aspettate a prenotare?

Dove si trovano e come arrivare

Le Maldive si trovano nell’Oceano Indiano, a sud-est rispetto allo Sri Lanka e all’India, si estendono da nord a sud per oltre 800 km. L’aeroporto internazionale, localizzato sull´isola di Hulule e vicinissimo alla capitale Malè, si raggiunge dall’Italia con voli diretti e plurisettimanali da Milano e da Roma. L’esperienza di atterraggio è di per sé suggestiva: l’isola è costruita per ospitare l´aeroporto e, negli ultimi anni, anche le basi delle due compagnie di idrovolanti. La durata del viaggio per raggiungere le Maldive è di 9/10 ore nel caso di voli diretti da Milano o Roma. Il fuso orario rispetto all’Italia è di quattro ore, tre ore durante l’ora legale.

Spostarsi tra le isole

Dopo l’approdo, lo spostamento tra le isole può avvenire in tre modi: tramite i voli interni, l’idrovolante o la barca. Con il volo interno si raggiungono resort molto distanti oppure luoghi di partenza per crociere molto a sud. L’idrovolante permette di spostarsi velocemente verso i villaggi turistici più lontani o scomodi da raggiungere in barca. Le due compagnie che effettuano i trasferimenti in idrovolante sono la Maldivian Air Taxi e la Trans Maldivian Airways. Con le barche si raggiungono i villaggi più vicini.

Quando andare

Il periodo migliore per visitare le Maldive è compreso tra la terza settimana di dicembre e la fine di marzo. Da metà maggio a inizio luglio sarebbe meglio evitare di programmare la vacanza: il clima tropicale presente raggiunge temperature comprese tra i 25°C e i 30°C e il tasso di umidità può variare dal 70% al 90%.

Lingua e moneta

Il dhivehi è la lingua locale, un misto tra arabo e cingalese. Data la forte presenza turistica la lingua più parlata è l’inglese, nella maggior parte dei villaggi turistici si parla anche l’italiano. La valuta maldiviana è la Rufiyaa (Rufia maldiviana). Tra le monete maggiormente usate compare il dollaro, ma negli ultimi anni i villaggi hanno iniziato ad accettare anche l’euro.

Quali documenti servono

Per un viaggio alle Maldive serve il passaporto, all´ingresso viene, poi, rilasciato il visto turistico della durata di 30 giorni. La prenotazione alberghiera permette l’ingresso senza controlli ulteriori che consistono nel verificare il possesso del biglietto di ritorno e la quantità di denaro disponibile (25 dollari circa a persona per ogni giorno di permanenza). Si può volare con due bagagli, da massimo 20 Kg quello da stiva e da 5 Kg il bagaglio a mano. Consiglio: nel bagaglio a mano è bene prevedere maglietta e costume, nell’eventualità di ritardi o nella più pessimistica ipotesi di perdita bagaglio. Il trasporto di conchiglie, madrepore e coralli è punito con una multa che va da 250 a oltre 500 dollari.

In valigia cosa metto?

Alle Maldive ci si dimentica, o quasi, cosa siano gli abiti e le scarpe. Il costume da bagno è l’outfit ufficiale da mattina a sera, si cammina a piedi nudi sulla sabbia soffice, purchè non si rischi la scottatura. La valigia contiene solo l’indispensabile: parei, costumi, abbigliamento casual (t-shirts, vestiti di cotone ecc…), occhiali da sole, cappelli e creme solari.
Sulle isole abitate dagli autoctoni e nei locali pubblici è bene vestire tenendo conto della tradizione locale: magliette a mezze maniche e bermuda o parei non trasparenti che coprano le ginocchia per le donne; t-shirt e bermuda per gli uomini.

Sport acquatici e itinerari suggestivi

Chi si reca in vacanza alle Maldive intende concedersi momenti di ozio e relax a massimi livelli e due sposini innamorati in viaggio di nozze non sono da meno. Il mare, la spiaggia e il sole scandiscono il ritmo delle giornate.
Per chi può contemplare il paesaggio sotto l’ombra della palma per non più di un giorno, le attività tra cui scegliere sono varie: escursioni in mare e sulle isole, immersioni subacquee e snorkeling. L’esplorazione dei fondali è una delle attività più apprezzate, per questo i resort dispongono di un centro subacqueo con corsi per principianti e immersioni per sub già brevettati. Tra gli altri sport acquatici ci sono windsurf, canoa, surf da onda, kite, catamarano, pesca d´altura e vela. La visita ai vari atolli o il tour nello Sri Lanka sono altre attività degne di nota. L´isola di Madhiriguraidhoo, nell´atollo di Lhaviyani, ad esempio, va annotata sul taccuino come “must do it”. È una delle più grandi isole delle Maldive con quattro chilometri di spiaggia, a nord dell’isola c’è  una lingua di sabbia che si allunga verso il mare, punto perfetto da cui guardare il tramonto. L’isola è circondata da una grande laguna e sul lato esterno dell’atollo c’è la barriera corallina.

Resort  e bungalow maldiviani

Madoogali, Kuda Huraa, Kanuhura e l’atollo di Addu sono tra le isole più gettonate per soggiorni di relax. Qui i novelli sposi a caccia di  riposo e quiete possono trovare il resort che fa per loro. I resort presenti alle Maldive possono essere raggruppati in tre categorie. Resort ad hoc per quanti praticano immersioni e trascorrono la maggior parte del loro tempo sott’acqua. Le case sulle scogliere sono bellissime da vedere. Resort per famiglie, dovele strutture sono ampie e dotate di ogni comodità. Resort per jet set e coppie in luna di miele con arredamento ricercato e cibi esotici. Si tratta sopratutto di ville sull’acqua raggiungibili solo con barchette a remi. Infine c’è la classica abitazione maldiviana: il bungalow sull’acqua, edificato su pali direttamente sopra la laguna. Per quanto sia elevata la suggestione offerta, questi alloggi hanno degli svantaggi, infatti in presenza di mare mosso risulta praticamente impossibile dormire e la privacy viene compromessa dal fatto che le abitazioni sono molto vicine le une alle altre.

I Resort top

L’arcipelago conta circa 100 resort, l’elevato numero permette di scegliere, secondo le proprie esigenze, tra il 2 stelle, più spartano e completamente immerso nella natura, e il 5 stelle, lussuoso e curato fin nel minimo dettaglio. Per esemplificare l’idea di lusso basti pensare al ristorante subacqueo dove mangiare circondati da pesci di ogni tipo. Tra le strutture top appare la stupenda isola di Madhiriguraidhoo con il Palm Beach Resort & spa, una struttura realizzata nel totale rispetto della natura. Le camere sono tutte indipendenti, la vegetazione rigogliosa fa da elemento divisore; sugli hundoli, tipici dondoli, si ha un punto d’osservazione privilegiato sulla spiaggia e sul mare. Compaiono tra i più quotati i resort One & Only Reethi Rah, Coco Palm Bodu Hithi, nell’atollo di Male, Hilton Rangali, ad Ari sud, Soneva Fushi nell’atollo di Baa, Naladhu e Island Hideaway sono due ville immerse nella natura dove si può disporre di maggiordomo privato.

Una vacanza responsabile

Alle Maldive è anche possibile fare turismo responsabile. A Ribudhoo, nell’atollo di Dhaalu a circa 150 km dalla capitale Malè, si trova la prima guest house,Villa Stella. L’isola, detta anche l’Isola dei Gioiellieri, è abitata esclusivamente da locali. In compagnia di Ali, il padrone di casa, si assapora lo spirito più autentico delle Maldive, lontano dai ritmi artificiali dei villaggi turistici. La barca privata, con accompagnatore, è a disposizione per esplorare ogni giorno una barriera corallina diversa, per organizzare pic-nic sulle isole deserte e le lingue di sabbia vicine a Ribudhoo.
Gli appassionati di pesca possono partecipare a una tipica battuta di pesca al tramonto, secondo le tradizioni dei pescatori locali.


Vedi altri articoli su: Viaggi | Viaggio di nozze |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *