La lettera di Federica Pellegrini alla figlia in arrivo: “Nascerai in un mondo difficile”

06/12/2023

Manca davvero poco alla nascita della figlia di Federica Pellegrini e Matteo Giunta. La coppia non vede l’ora di abbracciare la piccola, che dovrebbe venire al mondo nel periodo natalizio, ma alla luce degli ultimi fatti di cronaca non può non riflettere sul futuro della bambina. L’omicidio di Giulia Cecchettin ha particolarmente colpito l’ex nuotatrice, così come tutta Italia, tanto da voler scrivere una lettera alla figlia in arrivo.

“Nascerai in un mondo difficile”

Attraverso le pagine di Vanity Fair, la Pellegrini ha messo nero su bianco tutti i suoi tumori. “Nascerai in un mondo difficile, ma spero con tutto il cuore di darti gli strumenti per poter scegliere – ha confessato -. Tutti ci siamo trovati in momenti bui, o in compagnie sbagliate, ed è in quel momento che devi decidere che strada prendere”. Riferendosi agli atteggiamenti morbosi tenuti da Filippo Turetta nei confronti dell’ex fidanzata, la campionessa olimpica ha sottolineato: “Adesso si confonde tantissimo la gelosia con l’amore. Scambi il fatto che lui ti dica: ‘ok però questo vestito lo metti solo quando ci sono io’ con delle attenzioni”.

Le pressioni sulla Pellegrini dopo l’addio allo sport

Dopo essersi ritirata dallo sport, in molti si sono chiesti quando la Pellegrini e Giunta avrebbe allargato la famiglia. E questo ha creato non pochi problemi. “Si tende a incasellare la donna sempre e solo nel ruolo di madre – ha detto Federica -. Non ho mai sentito fare le stesse domande sessiste a un atleta maschio in conferenza stampa”. La campionessa ha quindi raccontato le conseguenze di queste pressioni esterne e la necessità di rivolgersi a una terapeuta: “Ci abbiamo messo alcuni mesi a rimanere incinti, e quindi forse quell’attesa, che a noi è sembrata eterna perché da sportivi si è abituati al tutto e subito, ci aveva messo in tensione. Abbiamo cominciato a farci delle domande”.


Leggi anche: Federica Pellegrini con il mantello da regina per l’evento Rai e Unicef

Il timore di non rimanere incinta

Sulla paura di non riuscire ad avere bambini l’ex nuotatrice ha ammesso che “da donna ti carichi di paure, pensi di non funzionare… Quando arrivava, regolare, il ciclo, mi assaliva la tristezza. Però a un certo punto mi sono anche detta che se non doveva arrivare andava bene, abbiamo quattro cani, siamo felici così e non c’è nessun tipo di problema” .

Leggi anche: Federica Pellegrini con il mantello da regina per l’evento Rai e Unicef

La scoperta della gravidanza

I timori della coppia erano però infondati. La Pellegrini è riuscita a rimanere incinta, ma a scoprirlo è stato Matteo. “Come gliel’ho detto? Me lo ha detto lui. Sono sempre stata molto precisa con il ciclo, un orologio. Quando ho visto il ritardo di un giorno, e quando aspetti per mesi anche un giorno è tutto, volevo subito fare il test. Ma Matteo no. Dopo tre giorni, ancora, aspetta, e anche dopo cinque. Alla fine della settimana ho detto basta, facciamo il test. L’ho fatto, l’ho lasciato in bagno e l’ha guardato lui. Poi è uscito con la faccia da imbecille: eravamo incinti”.

Il futuro da mamma di Federica Pellegrini

Su come sarà come mamma, la Pellegrini ha replicato: “Non lo so, aspetto di partorire e di cambiare, così mi dicono. Io di sicuro non ho la pazienza di mia mamma, che aveva smesso di lavorare perché sentiva l’esigenza di seguire i figli. Non esistevano le tate. Io ci proverò, ci sarò, poi a un certo punto sclererò anch’io: la mia voglia di continuare a lavorare e a realizzarmi come persona dovrà conciliarsi con la mia nuova condizione. Non mi illudo che sia semplice“.

(Foto copertina: credit agenzia Fotogramma)