Assegni familiari e INPS: le novità del 2015 ed il recupero degli arretrati
Mamma

Assegni familiari e INPS: le novità del 2015 ed il recupero degli arretrati

È uscita la circolare dell’INPS che come ogni anno fissa le tabelle e gli importi per l’accesso agli assegni di sostegno per il nucleo familiare per il periodo 2014-2015

Mentre la crisi economica che ha attanagliato il nostro Paese negli ultimi anni sembra allentare leggermente la sua morsa dando un piccolo respiro ai conti delle famiglie, rimangono sempre molti coloro che si vedono costretti a richiedere l’accesso agli strumenti di sostegno al reddito messi a disposizione dallo Stato. Non a caso, gli ultimi anni hanno visto un significativo incremento delle richieste per gli Assegni per il Nucleo Familiare, meglio noti come Assegni Familiari. Si tratta sostanzialmente di un aiuto economico erogato dall’INPS ai lavoratori, il cui reddito complessivo risulti inferiore a determinate fasce stabilite e rimodulate per legge ogni anno. L’11 giugno 2014, l’INPS ha emesso l’annuale circolare con cui fissa limiti e gli ambiti dei livelli reddituali e corrispondenti valori mensili per l’accesso a tali assegni per il periodo che va dal 1° luglio 2014 al 30 giugno 2015, mentre no sono snacora state rese note le tabelle relative agli importi per il periodo 2015-2016.

Assegni Familiari: le novità del 2015

Si tratta di una comunicazione corrente e dovuta, dal momento che la legge stessa che ha istituito e regola l’istituto dell’assegno a sostegno del nucleo familiare, prevede che sia l’accesso che la quantificazione dell’assegno sia annualmente rivista in base alle rilevazioni dell’ISTAT sull’inflazione e sull’incremento dei prezzi al consumo. Per esempio, l’ultima tabella oggi in vigore discende dalle rilevazioni di tale indice per il periodo 2012-2013: essendo stata registrata una variazione in incremento  dell’1,1%, tutti gli importi degli assegni nelle diverse fasce di spettanza, sono stati aumentati della medesima percentuale rispetto ai parametri. La tabella con i valori di dettaglio per ogni singola combinazione di reddito e composizione del nucleo familiare (inteso come numero totale comprensivo dei genitori) è scaricabili direttamente dal sito dell’INPS, dove sono presenti anche le tabelle speciali dedicate alle famiglie che abbiano un componente inabile. Non è cambiata invece la procedura di accesso e la modalità di calcolo del reddito rilevante per l’individuazione del valore dell’assegno, che rimane la somme di tutti i redditi percepiti dal nucleo nel corso del 2014 e dichiarati ai fini IRPEF attraverso il 730 o il modello Unico se necessari.

Assegni familiari arretrati: i requisiti

Almeno fino ad oggi – non ci sono ancora indicazioni sul prossimo biennio –  è possibile riscuotere gli Assegni Familiari riferiti ad una occupazione pregressa e per la quale non si era mai fatta richiesta all’Inps. In altre parole, anche qualora il lavoratore abbia perduto il posto di lavoro, la normativa consente di beneficiare retroattivamente del contributo, facendo specifica richiesta di riscossione degli arretrati non percepiti. Tre sono le condizioni che permettono di accedere agli arretrati:

  • il diritto del lavoratore alla percezione dell’assegno si prescrive per legge (circolare INPS del 1992) nel termine di cinque anni. In altre parole, l’Istituto di Previdenza riterrà valide solo le richieste che si riferiscono ai 5 anni precedenti il mese in viene formulata la domanda.
  • il lavoratore ha diritto all’assegno familiare arretrato solo qualora abbia sempre versato all’INPS quanto dovuto in termini di contributi. Possono fare richiesta sia i lavoratori dipendenti sia quelli iscritti alla Gestione Separata.
  • il lavoratore ha diritto all’assegno familiare arretrato qualora il suo livello di reddito (nel periodo oggetto di richiesta) sia compatibile con le fasce economiche previste per l’accesso allo strumento. Per verificare questo aspetto è necessario consultare le apposite tabelle disponibili sul sito dell’INPS.

Procedura di richiesta e documenti necessari

La richiesta di riscossione degli Assegni familiari arretrati deve essere presentata all’INPS compilando il modulo SR16/ANF, disponibile sul sito internet dell’Istituto o presso le sedi locali. È importante compilare il modulo in maniera accurata, inserendo sempre i dati relativi al periodo per il quale si presenta la richiesta di arretrato. Per questa ragione è fondamentale avere a disposizione i seguenti documenti:

  • documenti attestanti il reddito familiare relativo all’anno di richiesta;
  • stato di famiglia del periodo in questione;
  • ragione sociale dell’azienda per cui si lavorava nel periodo in questione.

La corretta compilazione del modulo – cruciale ai fini della buona riuscita della richiesta – può rappresentare un passaggio ostico. Può quindi essere opportuno ricorrere all’assistenza un esperto o di un patronato. L’azienda in cui si lavorava nel periodo oggetto di richiesta è tenuta a versare gli arretrati dovuti. Nel caso in cui si verificassero resistenze o preclusioni, il lavoratore ha la possibilità di appellarsi alla DPL (Direzione Provinciale del Lavoro) o al Giudice di Pace.



Capezzolo introflesso dopo l'allattamento
Allattamento

Capezzolo introflesso dopo l’allattamento      

In montagna coi bambini, divertimento assicurato
Consigli per mamme

In montagna coi bambini, divertimento assicurato

Madre surrogata, significato e come funziona
Mamma

Madre surrogata, significato e come funziona

Quale carne posso mangiare in gravidanza
Gravidanza

Quale carne posso mangiare in gravidanza

Sesso del bambino 10 modi simpatici per annunciarlo
Gravidanza

Sesso del bambino: 10 modi simpatici per annunciarlo       

Lavoretti da fare in estate con i bambini
Giochi per bambini

Lavoretti da fare in estate con i bambini

Fine anno con insufficienze Sette consigli per preparare tuo figlio al back to school
Asilo e Scuola

Fine anno con insufficienze? Sette consigli per preparare tuo figlio al back to school

Vacanze studio all'estero per bambini e ragazzi consigli utili
Consigli per mamme

Vacanze studio all’estero per bambini e ragazzi: consigli utili

Lavoretti da fare in estate con i bambini
Giochi per bambini

Lavoretti da fare in estate con i bambini

Nei lunghi e assolati pomeriggi estivi, i bimbi cercano la complicità di mamma e papà per realizzare lavoretti a tema vacanze. Vi diamo degli spunti creativi per passare ore spensierate in famiglia, riciclando materiale di recupero e sbizzarrendo la fantasia.

Leggi di più