Abbronzatura in gravidanza: come proteggere la pelle

Come proteggere la pelle delle future mamme dal forte sole estivo

protezione-pancione
Il consiglio per le future mamme è di scegliere una crema solare ad alta protezione

La pelle dei bimbi è delicata… ma anche quella delle future mamme. Durante la gravidanza il corpo della donna è infatti soggetto a tanti cambiamenti. Cresce la pancia, e questo costringe le donne a rivedere il proprio look e rifornire il guardaroba di indumenti adatti, i livelli ormonali alterano l’aspetto dei capelli, che appaiono più folti, il seno cresce di volume, mentre l’aumento del flusso sanguigno e del metabolismo ha effetti benefici sulle unghie.

A modificarsi, durante i nove mesi di gravidanza, è anche l’aspetto della pelle. I cambiamenti di tono della pelle sono infatti piuttosto comuni nelle donne in dolce attesa: molte noteranno un’aumentata pigmentazione di alcune zone, quali areole, nei e lentiggini. La pelle del corpo è più delicata e sensibile e deve essere protetta con maggiore cura. Per evitare che con il sole le macchie scure si notino maggiormente i dermatologi consigliano un’esposizione “consapevole” e moderata, soprattutto alle future mammine dai capelli biondi e rossi e dalla pelle chiarissima, più soggette ad eritemi solari e scottature.

Proteggere la pelle dal sole

Abbronzatura in gravidanza
La pelle in gravidanza è più delicata e ha bisogno delle giuste cure, ma questo non significa che le donne con il pancione non possano stendersi su un lettino a bordo piscina o in spiaggia a prendere il sole. Anzi. Le future mamme devono “solo” prestare particolare attenzione per evitare tutti i possibili danni, ma anche vedere nel sole un alleato per contrastare l’acne e per favorire il buon umore: il sole è infatti considerato un antidepressivo naturale. I suoi raggi stimolano la produzione di endorfine, gli ormoni del piacere e di serotonina, che regalano alle donne in dolce attesa (ma anche agli altri) il sorriso.

I rischi di scottature ed eritemi, proprio perchè durante i nove mesi di gravidanza la pelle è più sensibile e delicata, sono però più alti ed è per questo indispensabile non esporsi mai al sole senza protezione. Il consiglio degli specialisti è quello di scegliere creme con un indice protettivo dal 30 fino al 50+. I fattori più alti, indispensabili per le cuti più chiare, sono in realtà fortemente consigliati durante la gravidanza anche alle donne che una carnagione olivastra e che si abbronzano con facilità. L’ultimo suggerimento per le future mamme è quello di scegliere, tra i prodotti in profumeria, un cosmetico a basso rischio allergico e privo di profumazioni aggiunte, per evitare reazioni, e di rinnovare l’applicazione ogni 2 o 3 ore per non perdere col tempo l’efficacia protettiva della crema solare.

Fate attenzione al sole: peggiora le macchie sul viso

Non esistono contraddizioni per le future mamme con il pancione che amano la tintarella e crogiolarsi al sole… fatta eccezione per le donne in dolce attesa che soffrono di macchie cutanee, problema che si accentua durante i nove mesi di attesa proprio per un’azione ormonale. Il sole, infatti, stimola ulteriormente i melanociti, ed il rischio di comparsa o di aumento della macchie in gravidanza lievita in modo significativo. In questi casi, per le donne in gravidanza che proprio non sanno rinunciare al mare, il consiglio è quello di iniziare ad adattarsi all’orario dei futuri bebè, limitandosi ad un’esposizione al sole nelle ore meno calde della giornata: la mattina fino alle 10,30 e dopo le 17, per concludere con un latte doposole arricchito da olio nutriente da spalmare su tutto il corpo per mantenere la pelle idratata ed elastica.


Vedi altri articoli su: Gravidanza |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *