Suffumigi con bicarbonato: a cosa servono e come si fanno

Suffumigi con bicarbonato: a cosa servono e come si fanno

I suffumigi con il bicarbonato di sodio sono semplici da fare e permettono di contrastare problemi tipici dell’inverno come raffreddore e mal di gola.

-
21/11/2021

I suffumigi con bicarbonato sono un rimedio naturale sfruttato da secoli allo scopo di contrastare i malanni tipici dell’inverno. Quando le temperature diminuiscono l’organismo di molte persone ne risente diventando più debole. A causa degli sbalzi di temperatura infatti è facile ammalarsi nonostante le accortezze. Anche chi si veste in modo adeguato prima di uscire di casa infatti deve fare i conti con influenze stagionali e raffreddori.

Per contrastare i malanni stagionali spesso si abusa di medicinali, ma questa non è affatto una buona idea per la salute. Esagerare con i farmaci significa curare un problema, ma anche introdurre sostanze che alla lunga diventano dannose per l’organismo. Proprio per tale motivo è bene affidarsi anche a rimedi naturali che possono dimostrarsi efficaci per ritrovare il benessere.

Prima di ricorrere a medicinali quindi vi suggeriamo di optare per i suffumigi con bicarbonato di sodio. Questo rimedio della nonna è apprezzato da secoli per via dei suoi benefici per la salute. In maniera semplice infatti consente di lenire i problemi tipici dell’inverno come raffreddore, naso chiuso ed eccesso di muco.


Leggi anche: Bicarbonato: tutti gli usi

Suffumigi: un rimedio antico

I suffumigi sono apprezzati da molti secoli per via dei numerosi benefici che regalano all’organismo. Conosciuti anche con il termine fumenti a causa della grande quantità di vapore che emanano, i motivi per utilizzarli sono davvero disparati. Il motivo principale per cui li si sfrutta sono le loro proprietà in grado di attenuare i sintomi legati al raffreddamento.

Sfruttare questo rimedio è davvero semplice, infatti basta far bollire dell’acqua e inalarne i vapori che ne fuoriescono. Per ottenere un risultato ancora migliore suggeriamo di utilizzare un asciugamano che permetta di ottenere una specie di effetto serra. In questo modo infatti riuscirete a non disperdere il vapore e avrete modo di respirarlo a pieno.

Già nell’Antica Roma si conoscevano i benefici legati ai suffumigi per combattere i problemi causati dal freddo. La loro funzione decongestionante era apprezzata già a quei tempi e per questo è facile comprendere il perché ancora oggi siano spesso utilizzati. Tanto antichi quanto efficaci, i suffumigi si possono praticare utilizzando vari ingredienti. Tra i migliori e ci sono i fumenti con bicarbonato di sodio che permettono di decongestionare le vie respiratorie.

A cosa servono i suffumigi con bicarbonato: i benefici

Il bicarbonato di sodio non è un antisettico naturale puro in quanto non si tratta di un disinfettante vero e proprio, ma comunque è davvero benefico. Questo prodotto è infatti in grado di modificare e regolare il PH creando un ambiente sfavorevole alla proliferazione batterica. Alla luce di questa sua capacità, il bicarbonato risulta avere dei benefici che lo accumunano molto ad un antisettico naturale. Per tale motivo il suo utilizzo è ideale allo scopo di ridurre problemi legati al raffreddamento.


Potrebbe interessarti: Come pulire casa con il bicarbonato di sodio

Alla luce di quanto detto, si comprende che i suffumigi con il bicarbonato sono in grado di regalare effetti benefici importanti. La funzione del bicarbonato è potenziata dall’azione del calore del vapore acqueo dei fumenti e quindi le virtù aumentano ancora.

I fumenti con bicarbonato possono dunque essere utili in caso di problemi come:

-Raffreddore
-Sinusite
-Mal di gola
-Mal di testa
-Tosse
-Asma
-Bronchite
-Faringite
-Laringite

I migliori oli essenziali da aggiungere ai suffumigi

Per aumentare i benefici dei suffumigi con bicarbonato di sodio è possibile aggiungere degli oli essenziali. A seconda del beneficio specifico che si vuole ottenere è necessario scegliere un prodotto differente dal momento che ognuno vanta virtù uniche. Scopriamo quindi quali sono gli oli da utilizzare a seconda dei casi:

-Olio essenziale di canfora in caso di mal di gola
-Olio essenziale di pino in caso di tosse
-Olio essenziale di betulla in caso di mal di testa
-Olio essenziale di trementina in caso di infiammazione ai bronchi o asma
-Olio essenziale di cajeput in caso di infezioni alle vie respiratorie
-Olio essenziale di eucalipto per decongestionare le vie respiratorie

Fumenti con bicarbonato per una pelle del viso perfetta

I fumenti con bicarbonato non sono però utili solo per contrastare i problemi dell’apparato respiratorio. Questi suffumigi infatti si rivelano in grado anche di regalare benefici a chi desidera prendersi cura della pelle.

Chi soffre di acne, brufoli o punti neri può quindi trarre enormi benefici dai fumenti. Effettuare suffumigi con bicarbonato infatti dilata i pori in modo del tutto naturale e quindi permette di eliminare l’eccesso di sebo. Tale trattamento dunque prepara la palle a trattamenti specifici come maschere viso o scrub.

Nonostante questo trattamento sia naturale e privo di rischi, è bene che le persone con pelle arrossata o screpolata non lo eseguano. Il bicarbonato e il vapore acqueo caldo possono infatti irritare la cute peggiorando la situazione.

Suffumigi con bicarbonato: come si fanno

Fare i suffumigi con il bicarbonato è davvero molto semplice, infatti i passaggi da seguire sono davvero facili. Per riuscire a sfruttare a pieno i benefici di questo rimedio naturale è necessario dunque:

-Versare un litro di acqua in una pentola abbastanza capiente.
-Accendere il fuoco ed attendere fino a quando l’acqua non inizierà a bollire.
-Aggiungere un cucchiaino di bicarbonato di sodio e mescolare.
-Far bollire per ancora qualche minuto in modo da far amalgamare al meglio il bicarbonato di sodio.
-Aggiungere qualche goccia di olio essenziale a preferenza a seconda anche delle proprie esigenze specifiche.
-Spegnere il fuoco e lasciar raffreddare l’acqua per circa 5 minuti.
-Appoggiare la pentola con l’acqua ancora ben calda sul tavolo da cucina.
-Sedere davanti alla pentola e utilizzare un panno pulito (o un asciugamano) per coprire il liquido. Questo passaggio è importante perché consente di non disperdere il vapore acqueo.
-Alzare il panno leggermente e mettere la testa sotto allo scopo di inalare tutto il vapore acqueo che fuoriesce.
-Spostare la testa fuori dall’asciugamano ogni 2 minuti per riprendere aria. Tale operazione è fondamentale in quanto consente di evitare problemi e per questo deve essere svolta.

Per avere dei benefici reali è bene eseguire questo procedimento almeno due volte al giorno. Solo in questo modo infatti le proprietà dei fumenti potranno essere in grado di aiutare a ritrovare il benessere.

Elisa Cardelli
  • Scrittore e Blogger