pillola pasto immaginario

Una nuova dieta: la pillola del pasto immaginario

Una pillola che dà l’impressione di aver mangiato e che permette di affrontare la giornata senza la fame perenne: ecco la nuova frontiera delle diete.

Una pillola che permette di ingannare il corpo e di fargli credere di aver già mangiato.
Un sogno per te che sei a dieta e che devi fare i conti con il senso di fame perenne durante la giornata?
Pare che non sia più solo un sogno, ma una realtà che, anche se per adesso è testata solo sui topi, sembra lasciar ben sperare tutti coloro che lottano ogni giorno con il loro peso, soprattutto chi ha problemi di obesità e di disturbi del metabolismo.

La pillola del pasto immaginario

La cosiddetta “pillola del pasto immaginario” si chiama , in realtà, fexaramina ed ha un funzionamento molto semplice: una volta assunta, inganna lo stomaco facendogli credere di aver già mangiato e facendogli cominciare il processo di digestione, alimentando la formazione di succhi gastrici pur non avendo assunto alcun cibo.
A questo punto il senso di fame sparisce e ci si può liberare dalla voglia di correre al frigorifero ogni due ore o di non essere sazi se si è mangiata solo verdura.
La ricerca è stata effettuata dal Gene Expression Laboratory del Salk Institute di La Jolla in California dal team di ricercatori guidati da Ronald Evans.
Per il momento la sostanza è stata testata solo su topi obesi, ma la sperimentazione sembra dare buoni risultati: infatti questa sostanza pare che acceleri il metabolismo già dopo l’assunzione controllata in cinque giorni, oltre a bloccare il senso di fame, permettendo al corpo di bruciare più facilmente i grassi.

Una possibile cura per l’obesità

Certamente può sembrare una manna per tutti noi che lottiamo con i chili di troppo ogni giorno, ma è stata pensata più per chi soffre di problemi di peso con entità più preoccupanti, come gli obesi che devono perdere molti chili e tenere a bada un appetito certamente non comune e per chi ha disturbi metabolici consistenti.
Anche perché per il momento ha dimostrato di non avere effetti collaterali sul fegato ed altri organi poiché agisce solo sull’intestino, a differenza di altri farmaci anti-obesità già testati che entrano in circolo nel sangue e finiscono quindi anche in fegato e reni.
Infatti la sua somministrazione è per via orale e non per via endovenosa.
Inoltre ha dimostrato di essere in grado di trasformare il grasso bianco, quello più “fastidioso” e difficile da eliminare, in grasso scuro, anche detto grasso buono.
La sperimentazione sull’uomo è probabile che partirà entro tre anni in modo da verificare se anche sull’uomo ha gli stessi effetti per combattere l’obesità ed i disturbi del metabolismo.



cibi ad alto contenuto proteico
Vivere bene

5 cibi ad alto contenuto proteico (altro che uova)

Alimenti antiossidanti naturali
Vivere bene

Alimenti antiossidanti naturali, quali sono e i benefici

Fare jogging con il cane
Vivere bene

Fare jogging con il cane: consigli su come fare e dove andare

Cosa succede al tuo corpo quando salti i pasti
Vivere bene

Cosa succede al tuo corpo quando salti i pasti

5 tips per mangiare in modo più sano
Vivere bene

5 tips per mangiare in modo più sano

prova costume
Vivere bene

Perché ci siamo stufate di sentire ancora parlare della “prova costume”

esercizi di stretching
Vivere bene

10 esercizi di stretching per iniziare la giornata

Vivere bene

Rimedi naturali per prevenire le doppie punte