Leggere l'etichetta al supermercato

Come leggere le etichette degli alimenti

Leggere le etichette degli alimenti è fondamentale per fare acquisti in modo consapevole e curare la dieta: scopriamo come farlo.

Come leggere le etichette degli alimenti?

A tutti è capitato, almeno una volta nella vita, di cercare di interpretare ciò che c’è scritto nel packaging di un prodotto al supermercato. Colori, immagini e scritte spesso ci confondono impedendoci di capire cosa stiamo realmente acquistando. La lettura dell’etichetta infatti rappresenta una sorta di carta di identità del cibo ed è fondamentale per i consumatori (soprattutto in caso di intolleranze alimentari o allergie).

Come leggere le etichette degli alimenti: una guida

Oggi più che mai è diventato importante per i consumatori fare una scelta d’acquisto consapevole.

L’offerta di prodotti infatti è vasta ed è essenziale imparare a scegliere consapevolmente cosa mettiamo nel carrello.

A volte infatti una confezione colorata oppure una pubblicità efficace possono nascondere un inganno che, solo grazie all’etichetta, possiamo scoprire.

Imparare a leggere le informazioni riguardo gli alimenti ci aiuta a proteggere noi stessi e chi amiamo a tavola ed è il primo passo per un’alimentazione intelligente e consapevole.

Simboli particolari, nomi e avvertenze vi confondono? Niente paura, vi aiutiamo noi!

Come leggere le etichette degli alimenti: gli ingredienti

La lista degli ingredienti di un alimento è sempre in ordine crescente di peso, da quello più abbondante a quello che è presente in minore quantità. Meglio dunque scegliere sempre il prodotto in cui l’elemento che lo caratterizza appare per primo. Un esempio? Il latte di mandorla dovrà avere tra i primi ingredienti le mandorle.

Una volta letta la lista degli ingredienti sarà il momento di prendere in considerazione additivi, allergeni ed edulcoranti, ma anche i correttori di acidità, gli antiossidanti e gli esaltatori di sapidità.

Ricordatevi che gli allergeni devono apparire in modo riconoscibile, mentre tenetevi alla larga da alcune sostanze. Fate attenzione ad edulcoranti come aspartame, sucralosio E955, E951, acesulfame K ed E950, che vengono inseriti al posto dello zucchero, evitate i coloranti come rosso allura (E129) e il giallo chinolina (E104).

Come leggere le etichette degli alimenti: la durata, l’origine e la conservazione del prodotto

Spesso quando leggiamo le etichette in modo errato confondiamo la data di scadenza con il Termine Minimo di Conservazione.

Il primo indica “da consumare entro”, mentre il TMC identifica la data in cui è “preferibile consumare”.

Un occhio di riguardo è necessario anche per l’origine del prodotto importante non solo per frutta e verdura, ma soprattutto per carne e pesce.

Infine valutate le indicazioni per la conservazione e il reale quantitativo di zucchero, senza lasciarvi ingannare dalle scritte che spesso ci sono sul packaging.



cibi ad alto contenuto proteico
Vivere bene

5 cibi ad alto contenuto proteico (altro che uova)

Alimenti antiossidanti naturali
Vivere bene

Alimenti antiossidanti naturali, quali sono e i benefici

Fare jogging con il cane
Vivere bene

Fare jogging con il cane: consigli su come fare e dove andare

Cosa succede al tuo corpo quando salti i pasti
Vivere bene

Cosa succede al tuo corpo quando salti i pasti

5 tips per mangiare in modo più sano
Vivere bene

5 tips per mangiare in modo più sano

prova costume
Vivere bene

Perché ci siamo stufate di sentire ancora parlare della “prova costume”

esercizi di stretching
Vivere bene

10 esercizi di stretching per iniziare la giornata

Vivere bene

Rimedi naturali per prevenire le doppie punte