Provenza e lavanda: qual è il periodo migliore per andare

Provenza e lavanda: qual è il periodo migliore per andare

Una regione bellissima che ci regala uno spettacolo unico, quello della fioritura della lavanda. Provenza e lavanda, qual è il periodo migliore per visitarla?

Son tanti i motivi per cui è famosa la Francia. L’ultimo è indubbiamente la sua cucina. Perché tutto soccombe sotto al fascino della Provenza in fiore, vera bellezza della terra francese. Provenza e lavanda: un binomio perfetto per indicare una regione e un fiore meraviglioso che vanno a braccetto in un certo periodo dell’anno. E attirano visitatori, e rilassano i sensi. Questa antica provincia del Sud-Est della Francia, infatti, dà il suo massimo tra giugno e agosto, quando la lavanda è in fiore. Ed è proprio questo il periodo migliore per andare a visitare questa terra, dove la lavanda è sicuramente la prima attrazione, ma di certo non l’unica.

A proposito di Provenza

La Provenza è una delle Regioni più visitate della Francia. E non a torto. L’area è particolarmente nota sia da un punto di vista storico che geografico. Si suddivide geograficamente in Alta Provenza, Provenza cristallina e Bassa Provenza. Ognuna con le sue caratteristiche fisiche e morfologiche, ognuna con la sua storia: tutti fattori che hanno ampiamente influenzato anche la cucina del luogo, tra le migliori tradizionali della Francia. L’antica Provenza, tuttavia, fa oggi parte della regione amministrativa Provenza-Alpi-Costa Azzurra, che confina con l’Italia a Est ed è baciata dal Mediterraneo a Sud. A ovest, invece, si estende dalla parte sinistra del Rodano. Così inizia e finisce con l’acqua.

Marsiglia

Città chiave della bella Provenza, e in generale della Francia, è Marsiglia. Si tratta del capoluogo della regione Provenza-Alpi-Costa Azzurra e seconda città della Francia. Marsiglia vanta anche altri primati: città principale del Sud della Francia e primo porto francese. È il quarto, invece, a livello europeo. Marsiglia è una città molto antica. Basti pensare che fu fondata nel 600 a.C. da dei marinai greci. E da allora brilla di uno splendore unico, storico, culturale e geografico. Non a torto nel 2013 è stata eletta Capitale Europea della cultura: qui si fondono perfettamente modernità e tradizione. E sempre da qui si può partire per visitare il resto della Provenza e i campi di lavanda.

La lavanda

La Provenza è luogo natale della lavanda. Tanto che qui, nel paese di Valensole, le si dedica una festa. Si dice che fu la fata Lavandula -che è anche il nome scientifico del fiore- a portare la lavanda in queste terre bellissime. Infatti mentre cercava un altro posto in cui vivere su un libro di paesaggi, vide le terre aride e desolate della Provenza. Ne fu tanto rattristata che pianse e le sue lacrime macchiarono di blu il libro. Per rimediare al danno, decise di prendere un pezzo di cielo e di stenderlo sulle lande tristi della Provenza, che da allora brilla di blu e violaceo grazie a questi fiori bellissimi e profumati. Lavanda, infatti, deriva dal latino: greci e latini usavano usare questo fiore proprio per i loro bagni nelle terme, profumati e dolci grazie alla lavanda.

Effetti benefici della lavanda

Già da allora si conoscevano gli effetti benefici della lavanda, dei quali la Provenza ne è massimo conoscitore oggi. Le sue proprietà terapeutiche, infatti, sono conosciute sin dai tempi antichi. Oltre che per lavarsi, Greci e Romani la usavano anche per curare la salute e il benessere di pelle e capelli. Veniva utilizzata come infuso o come olio essenziale. Il vero segreto di questo fiore, bellissimo alla vista, è il suo profumo. La lavanda, infatti, è particolarmente indicata in casi di stress, insonnia e nervosismo. Si dice che il suo odore intenso, che sa di pulito e di tenerezza, abbia effetti distensivi. Ma è utilissima anche per infiammazioni delle vie respiratorie, asma, candide, crampi.

Provenza e lavanda

Se è vero che la lavanda fa così bene, immaginiamo cosa sia perdersi nei suoi campi. Un’immersione che fa bene alla mente e al cuore, perché si vive tre volte: con gli occhi, con il naso, con le mani. Vista, olfatto e tatto sono i sensi coinvolti in questo tuffo nella lavanda, ma anche udito e gusto ne traggono vantaggio: il rumore del vento tra le piante di lavanda -che superano anche il metro d’altezza- è pura poesia; mentre della lavanda si fa largo uso anche in cucina. La Provenza è il regno perfetto per questa esperienza purificante nei campi di lavanda. Qui se ne trovano di due tipi: la lavanda, molto pura, e il lavandin, un’ibridazione. Entrambe son parte della stessa famiglia: le Laminaceae.

Arrivare in Provenza e dove andare

Per vivere questo spettacolo, il viaggio è davvero breve. La Provenza, infatti, è direttamente collegata con l’Italia. Conta molto anche il fatto che, dalla Liguria, si può raggiungere direttamente in auto. O in treno. Un volo dalle principali città italiane (Milano, Roma, Bologna, Venezia, Napoli), tuttavia, dura poco più di un’ora e i prezzi sono abbastanza bassi. Varie le città sulle quali si può approdare, l’importante poi è raggiungere le aree giuste della bella regione storica francese. La lavanda, infatti, cresce in varie zone della Provenza: tra Albione e Plateaux de Soleil, dove le colline ondulate sono perfettamente violacee; a Digne e Haut Diois, zone di montagna ricche di lavanda; nella zona di Les Baronnies, campagna secca e fiori blu.

Quando andare in Provenza

La massima concentrazione, ad ogni modo, si trova nel Plateau de Valensole, dove i campi coltivati a lavanda si perdono a vista d’occhio. Qui la fioritura, tuttavia, ha durata breve: inizia a fine giugno e va avanti fino a metà luglio. In questi 15 giorni, infatti, si concentra il periodo migliore per andare in Provenza a vivere l’armonia della lavanda. Questo non significa che tutto finisca qui. Nelle zone montane, ad esempio, le valli sono in fiore da metà giugno fino a fine agosto, a seconda di dove ci si spinge. Questo è anche il periodo perfetto per vivere il clima mite -più del solito all’inizio dell’estate- della Provenza. Il resto del sogno blu e violaceo continua nei borghi isolati e pittoreschi della Provenza, di una bellezza unica. Ma anche nella genuinità delle persone, sorridenti e semplici. E anche nel buon cibo di una volta. Anche qui si sente il profumo di lavanda.



Isole Chatham destinazione del mondo più lontano dall'Italia
Viaggi

Isole Chatham, il luogo più lontano dall’Italia

Giardini da visitare in inverno, luoghi tutti da scoprire
Viaggi

Giardini da visitare in inverno, luoghi tutti da scoprire

Viaggi in Puglia
Viaggi

“No, non venite in Puglia”, l’account che ti fa venir voglia di visitare la Puglia

Un romantico autunno destinazioni da vivere in coppia
Viaggi

Un romantico autunno: destinazioni da vivere in coppia

Viaggi

Boom di viaggi dog-friendly: istruzioni per l’uso

Viaggi

Albarella: l’isola green immersa nella natura

Vendemmia 2020, le destinazioni perfette per chi ama il vino
Viaggi

Vendemmia 2020, le destinazioni perfette per chi ama il vino

Forest Bathing, cos'è e dove farlo in Italia
Viaggi

Forest bathing, il benessere arriva dagli alberi

Flavio Cattaneo chi è il marito di Sabrina Ferilli
Celebrity

Flavio Cattaneo: chi è il marito di Sabrina Ferilli

Flavio Cattaneo è il marito di Sabrina Ferilli e l’uomo che l’attrice ha sposato in segreto a Parigi.

Leggi di più