Un pianoforte sulla collina: la poesia di una sera a San Francisco

A Bernal Heights, nei sobborghi della città californiana, un pianoforte è “spuntato” su una collina. E un recital “spontaneo” è partito sul far della sera…

Bernal Heights

Bernal Heights è una collina brulla e tozza nella periferia sud di San Francisco. La vista da lassù è interessante perché tutta la città è a portata d’occhio, anche se le case più vicine appartengono ad un quartiere residenziale non particolarmente affascinante alla vista. Ma tant’è: di tanto in tanto qualche curioso o qualche affezionato frequentatore si spinge sulle sue pendici per godersi il panorama. Ma chi è andato su quella collina la sera del 29 giugno si è trovato davanti ad uno spettacolo particolare ed inatteso. Guardando la vallata davanti a loro e la città che si snoda prima all’imbrunire e poi nella sera, i passanti si sono imbattuti in un pianoforte. Sulla collina. Come sia arrivato lì, lo sapevano solo in pochi. Ma in tanti si sono fermati ad ascoltare  l’improvvisato recital di diversi pianisti che si sono dati appuntamento sul web.

Bernal Heights
Bernal Heights

Una serata diversa a Los Angeles

Erano in tanti, più di 200 alla fine, da una ventina di presenti all’inizio. Perfino i poliziotti che si erano mobilitati per bloccare la non autorizzata jam session si sono fermati per ascoltare rapiti dalla poesia e dalla originalità del momento. Era successo che due amici che stavano sgomberando il proprio ufficio nella periferia di San Francisco per trasferirsi in uno nuovo, avessero trovato in un angolo un vecchio pianoforte. Da qui la bizzarra idea: metterlo a disposizione di tutti. In sei amici lo hanno trasportato sulla cima della collina e gli hanno messo sopra un cartello: “suonami”. La cosa non ha tardato a diffondersi grazie al web ed in breve diversi pianisti hanno cominciato a cimentarsi, tanto che Christopher e Todd, i due ideatori di questa strana versione di flash mob “prolungato”, hanno pensato ad organizzare, rigorosamente tramite Facebook, un vero e proprio recital. E così diversi artisti più o meno professionisti si sono alternati proponendo improvvisazioni jazz, pezzi di Rachmaninov o musica leggera. E ad un certo punto, qualcuno ha organizzato, poco sotto nel pendio della collina, un inatteso spettacolo pirotecnico. La cronaca di una serata diversa a Los Angeles…

Photo Credit: Nk


Vedi altri articoli su: Cultura |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *