Drag Race Italia 2: Giorgia Meloni ospite nel programma? La proposta

30/09/2022

Tutto pronto per la seconda stagione di Drag Race Italia che tornerà dal 20 ottobre su Discovery+. In giuria confermati Chiara Francini, Tommaso Zorzi e Priscilla, che hanno svelato in esclusiva a Vanity Fair cast e novità del programma, lanciando un invito inaspettato ad una delle persone più discusse di questi giorni, Giorgia Meloni! 

Drag Race Italia, dopo il grande successo avuto a livello internazionale partendo dall’Australia e arrivando fino alle Filippine, è sbarcato lo scorso anno anche in Italia, con una stagione che è stata decisamente brillante. Ecco perché dal 20 ottobre, sempre su Discovery+, ci sarà la possibilità di seguire la seconda edizione del programma che lo scorso anno ha visto il trionfo di Elecktra Bionic. 

In anteprima esclusiva Vanity Fair ha svelato il cast di Drag Race Italia 2, dando alcune anticipazioni sulla formula, che in parte sarà rinnovata: si passa da otto a dieci concorrenti, tutte di età compresa tra i 24 e i 34 anni, e i giudici-ospiti saranno tutti volti nuovi e tutti italiani. Ma tre le novità di questa edizione potrebbe esserci un’ospite decisamente inaspettata: vediamo cosa hanno detto i giudici!

Drag Race Italia 2: i giudici vogliono Giorgia Meloni?


Sicuramente Drag Race Italia è un programma che mira a dare un messaggio importante, di integrazione, rispetto e riconoscimento di una forma d’arte che spesso viene giudicata solo attraverso il pregiudizio. Ecco perché, i giudici non si sono tirati indietro di fronte alla possibilità di coinvolgere nel programma anche un personaggio politico. L’idea è stata lanciata subito da Chiara Francini: “Se Giorgia Meloni accettasse, significherebbe che si mette in gioco”.

Della stessa idea anche Priscilla, che vorrebbe avere la possibilità di far entrare Giorgia Meloni in empatia con le drag che hanno sofferto:

Vorrei farle vivere l’esperienza dal punto di vista umano, perché ascoltasse cosa hanno provato quelle di loro cacciate di casa per il loro orientamento, da genitori ispirati da una politica sulla famiglia tradizionale.

In chiusura, anche Tommaso Zorzi non ha escluso l’ipotesi di vedere a Drag Race Italia qualche esponente della politica più conservatrice, quella che “limita i diritti“. L’influencer e conduttore ha concluso con un messaggio chiaro verso una certa corrente politica:

Decidere le preferenze sessuali altrui è inaccettabile, un gesto vigliacco e arrogante. E, se mascherato da morale cattolica, mi sembra una bestemmia: non sei Dio!