Amici, Tommaso Stanzani si sfoga: “Non ci si accontenta sui diritti, siamo persone!”

05/09/2022

Tommaso Stanzani, ex ballerino di Amici 20 e fidanzato di Tommaso Zorzi, si è lasciato andare ad un duro sfogo su Instagram. Tutto è partito da una frase sulle unioni civili, che ha fatto partire una profonda riflessione da parte del ballerino: è impossibile, infatti, potersi “accontentare” quando si parla di diritti e pari dignità… 

Tommaso Stanzani ha voluto chiarire alcuni aspetti tramite una sfogo, duro e profondo, sul suo profilo Instagram. L’ex ballerino di Amici 20, attualmente fidanzato con Tommaso Zorzi, non ha mai nascosto la sua omosessualità e ne ha sempre parlato apertamente, battendosi anche per il riconoscimento e la pari dignità della comunità LGBTQ+. 

Tutto è partito da una frase che si è sentito dire, il cui concetto era: i gay dovrebbero accontentarsi di aver ottenuto le unioni civili e non chiedere altro. Tommaso Stanzani ha sottolineato che esprimere un pensiero simile sottolinea la diversità tra persone e non mira affatto all’uguaglianza, e così, dopo aver ricevuto diversi commenti che paragonavano nella sostanza le unioni civili al matrimonio, il ballerino ha voluto specificare come stanno le cose.

Tommaso Stanzani si batte per i diritti

foto_tommaso_stanzani_

Tommaso Stanzani, infatti, ha sottolineato che non è assolutamente vero che l’unione civile può essere equipara al matrimonio. Ma questo è solo il primo punto di uno sfogo che coinvolge la comunità LGBTQ+ in senso più ampio, partendo dal riconoscimento dei legami fino ad arrivare alle adozioni:


Leggi anche: Tommaso Zorzi e Tommaso Stanzani: intervistati insieme per la prima volta

Dire: “Tu hai già le unioni civili”, in poche parole significa: “Tu che sei diverso, accontentati, stai buono e ringrazia!”. E dire che siamo in una democrazia fa proprio ridere, perché in una democrazia tutti i cittadini devono avere pari dignità e pari diritti, e non è così! Ad esempio in Italia le famiglie formate da coppie omogenitoriali non sono riconosciute dallo stato, e questi bambini per lo stato hanno un solo genitori!

Il ballerino di Amici 20 si è fatto portavoce di tutti coloro che non vedono riconosciuti i propri diritti quotidianamente, e ha lanciato un appello importante, invitando a guardare oltre una semplice terminologia:

“Non diteci di accontentarci, perché non ci si accontenta dei diritti, noi siamo persone!”.