Torino, il gelato in Ape Car

Se quest'estate vedete un Ape Car bianca e blu in giro a Torino non abbiate paura: si tratta della gelateria RivaReno, pronta a rinfrescarvi con tante golose proposte da street food

Aperivareno

Estate è quasi sempre sinonimo di gelato. A ogni età, scegliendo ogni gusto, in qualsiasi città, spiaggia, montagna, da Nord a Sud dello Stivale, il gelato è un must dei mesi caldi. E in questa estate 2013 è partita da Torino una simpatica iniziativa. Si chiama Ape RivaReno e, seguendo la moda dello street food, in ricordo del carretto dei gelati dell’Italia degli anni ’50, porta il gelato nelle strade, nelle vie e nelle piazze in sella alla mitica Ape Car della Piaggio.

Aperivareno
RivaReno

La simpatica iniziativa è merito della gelateria RivaReno di Torino che, dopo quasi 10 anni di attività, oggi conta già tre punti vendita e… un Ape Car. Anima di RivaReno è Diana De Benedetti, esperta e amante dell’enogastronomia. Prima di occuparsi delle gelaterie, Diana nel 1988 ha iniziato la sua avventura culinaria gestendo il ristorante Botan in provincia di Torino (premiato con la stella Michelin solo due anni dopo). Poi, nel 2005, la dolce “conversione”. La chiave del successo è sempre la stessa: passione, creatività e ingredienti di qualità.
I gusti dell’Ape RivaReno cambiano ogni giorno. Potrete trovare sapori classici, ma anche qualcosa di più originale, come la granita ai fiori di Sambuco o il sorbetto al cioccolato extra Fondente senza latte.
A cambiare non sono solo i gusti, ma anche i percorsi e gli orari dell’Ape RivaReno. Niente paura: mangiare un gelato non diventerà comunque una disperata caccia al tesoro perché gli spostamenti dell’Ape RivaReno vengono segnalati in tempo reale sui profili Facebook e Twitter dell’Ape più golosa d’Italia.

Aperivareno
Street Food

Street Food significa letteralmente “cibo da strada”. Per noi italiani non è qualcosa di nuovo, ma anzi fa parte della nostra cultura da sempre. Pensate alle tigelle emiliane, alla focaccia di Recco, alla piadina romagnola, agli arancini, alle olive all’ascolana, a pani ca’ meusa… sono tutte ricette “da strada” ovvero, nella definizione data dalla Fao, cibi e bevande venduti in strada, pronti per essere gustati.
Quello che era tradizione è ormai diventato moda e tendenza, con tanto di programma televisivo sulle reti nazionali italiane. Questo non solo in Italia, ma anche all’estero: a Londra ci sono ristoratori ambulanti (dal simpatico nome Eat.st), in California i tacos di lusso della Kogi BBQ. In Italia, ora, abbiamo recuperato la tradizione del gelato in strada.


Vedi altri articoli su: Attualità |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *