Le serie tv da vedere

Le serie tv sembrano essere diventate oggetto di dipendenza televisiva a tutte le età: diteci la verità, voi quali seguite?

modern family
Il cast di Modern Family agli Emmy dell'anno scorso

Magari in principio eravate tra quelle che “non intendo iniziare a vedere un serial, che poi non finisce più”. Ci siamo passate tutte. Però con il tempo abbiamo guadagnato fiducia verso questa nuova ed estranea forma di intrattenimento televisivo che ci sembrava solo un minestrone tra le sempre immutabili telenovele e i sempre più polizieschi telefilm.

Oggi posso affermare che il dubbio su iniziare o meno una serie è diventato l’opposto: chiuderanno questa serie prima che finisca? Mi abbandoneranno senza rispondere a tutte le domande e i misteri che mi hanno tenuta incollata allo schermo finora?

Ebbene, questo è il destino di molte serie americane e non, che per il calo degli ascolti si trovano costrette a chiudere i battenti, lasciando a volte la trama sospesa.

January Jones-Jon Hamm mad men
I protagonisti di Mad Men, January Jones e Jon Hamm

In Italia è stato il caso di The Event, trasmessa da Mediaset Premium, che nonostante gli inizi promettenti ha dovuto chiudere alla seconda stagione senza un finale. In realtà molti progetti non superano la prima stagione: Alcatraz, misteriosa creazione di J.J. Abrahams (uno dei geni dietro al leggendario Lost) ambientata nella storica prigione nella baia di San Francisco. Viaggi nel tempo? Storie multidimensionali? Non lo sapremo mai.

Ma veniamo invece alle serie tv a cui appassionarsi davvero! Al primo posto va senza dubbio Mad Men. Come non lasciarsi sedurre dal glamour del mondo della pubblicità americana degli anni ’60, il mondo delle agenzie di Madison Avenue (da qui il titolo) e di quei creativi affascinanti e mascalzoni che dietro ad un prodotto scovano e raccontano emozioni e stili di vita? Anche il mondo della moda non ha saputo restare indifferente, ed è così che Banana Republic ha dedicato alla serie tv una capsule collection.

Simon Baker
Simon Baker, protagonista di The Mentalist.
Sempre rimanendo in quel periodo, la versione rosa è senza dubbio Pan Am la cui protagonista Christina Ricci veste i panni di una hostess della compagnia aerea. Ritratto di un’epoca e delle differenze sociali, del lusso di cui le compagnie aeree ne erano il simbolo, e i piloti erano come rock star. Amore in alta quota e intrighi hanno fatto il successo di questa serie che tuttavia per i suoi costi eccessivi ha chiuso i battenti dopo soli 14 episodi.

Sul fronte della commedia è diventato un vero e proprio caso Modern Family, brillante serie la cui storia ruota intorno a due generazioni di una stessa famiglia, e al complicato ma divertente rapporto padre-figli-cugini e suoceri.

Infine, per tutti i nostalgici di Jessica Fletcher e dell’Ispettore Derrick, due serie poliziesche agli antipodi: Castle, famoso scrittore di gialli di New York che decide di affiancare la bella detective Beckett per trarre ispirazione per i suoi libri, e The Mentalist, serie di culto ambientata nella West Coast che segue le indagini dell’ex sensitivo/truffatore Patrick Jane alla ricerca dell’assassino della sua famiglia, l’efferato serial killer John il Rosso. Il primo per chi ama un pizzico di humor tra un’indagine e l’altra, e il secondo per coloro in cerca di emozioni forti, di rompicapi cerebrali e suspense.

Ma ora tocca a voi: qual è la vostra serie preferita? Vi si è spezzato il cuore quando hanno deciso di sospenderla? Cosa è assolutamente da evitare?


Vedi altri articoli su: Celebrity |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *