Lifestyle

Madame bufera sui social “Non farmi alzare per una foto”

La cantante, interrotta da sconosciuti mentre era a cena con la sua famiglia, si è sfogata su Twitter ed il suo intervento ha scatenato una bufera alla quale ha risposto alcune ore dopo.

Oggi la cantante di Marea è finita in una bufera di polemiche legate ad un suo intervento su Twitter.

Dopo ore di critiche che hanno diviso il web, Madame ha deciso di rispondere alle accuse con un lungo video postato nelle sue Instagram stories in cui fa chiarezza sul suo punto di vista legato al suo rapporto con i fan, e mette in chiaro la propria posizione.

Il tweet incriminato

Una richiesta al momento sbagliato da parte di un fan che non sarebbe stato un vero fan.

Sarebbe proprio questa la ragione dello sfogo di Madame su Twitter, che è intervenuta con dure parole che hanno lasciato ampio spazio al fraintendimento, come spesso accade sui social, e in particolare su Twitter, dove la possibilità di esprimersi è ostacolata anche dal tetto limite di caratteri:

“Se non hai ascoltato il disco o se non hai preso il CD o il biglietto o se non sai di che parlo, se non hai fatto nulla per me non farmi alzare mentre mangio per una foto.

Io sono Madame per 24h solo per chi mi usa per la musica, per il resto sono una scorbutica veneta di 19 yo”

Il tweet della cantante, che ha raggiunto la fama trasversale grazie alla sua partecipazione a Sanremo 2021, ha scatenato una lunga serie di polemiche che girano intorno al quesito se un artista debba essere a disposizione esclusivamente del pubblico pagante.

Il chiarimento di Madame

Madame ha deciso, dopo alcune ore in cui la bufera social stava crescendo, di intervenire con un più ampio concetto attraverso le proprie Instagram stories, aprendo il discorso con delle scuse per aver sbagliato il modo di esprimere un pensiero, che è molto più ampio dei caratteri concessi da Twitter:

“Dovete sapere che il rapporto fan-artista è un rapporto assolutamente sacro, ed è un rapporto assolutamente personale.

Può esserci una persona che è stata colpita da una parola che ho usato e può volermi bene per quella parola che l’ha colpita, o può esserci un apersona che sa tutta la mia discografia a memoria. Sono due rapporti diversi.”

La cantante ha poi spostato il discorso sul tema dell’educazione:

“Adesso parliamo anche un attimo di rispetto invece. Io penso che un mio fan con cui ho un rapporto, non mi interromperebbe mentre mangio con la mia famiglia per chiedermi una foto.

Io penso e sono sicura che aspetterebbe che io finisca di cenare, perché è un momento così intimo quando una persona sta con la sua famiglia, che è veramente poco rispettoso interromperlo.

Io in quel momento è evidente che non stia lavorando, è evidente che non sia Madame, ma in quel momento io sia figlia di mia madre, sorella di mio fratello, figlia di mio padre e zia di mia nipote. Non sono Madame in quel momento ragazzi.

Non sono Madame soprattutto se non mi segui, soprattutto se non mi ascolti.

Poi Madame racconta l’episodio che l’ha spinta a sfogarsi su Twitter:

“Un fan me lo fa sapere che è un fan. Ci tiene a dirmi cosa l’ha colpito, ci tiene a dirmi “ho preso il biglietto del disco”, “che bello il tuo ultimo singolo”, che c’è un rapporto tra me e leui.

Un non-fan, ironia della sorte, ci tiene a dirmi che non mi segue, ed è quello che mi è successo l’altra sera. “Io non ti seguo, non so cosa fai, non mi piace il tuo genere però ti ho vista a Sanremo, possiamo farci una foto?”

Nonostante i modi poco gentili, madame ha specificato che però la foto con il non-fan l’ha fatta, perché, come ha spiegato, concederà sempre una foto a chi la chiede, che sia fan o hater.



Lifestyle

Belen e la serenata per la figlia, il video

Celebrity

Balotelli: nuovo amore per il calciatore

Celebrity

Paola Turani: come ha scelto il nome del figlio?

Celebrity

Guè Pequegno diventa papà

Celebrity

Giulia De Lellis condurrà Sanremo?

Celebrity

Pierpaolo Pretelli: proposta di matrimonio per Giulia Salemi?

TV

Mara Venier: la foto da bambina

Celebrity

Giulia De Lellis furiosa: “Dichiarazioni gravi”