Nasce Diversamente taxi: il car-sharing per i ragazzi disabili

Originale quanto interessante idea dell'Associazione Sostieni il Sostegno, trattasi di un pulmino gratuito attrezzato a disposizione delle famiglie con ragazzi disabili di Milano

Diversamente TAxi

Quasi sempre nella vita il modo più semplice per imparare è l’esperienza. E proprio davanti ad una esperienza, vissuta in prima persona attraverso gli occhi dei loro figli, che ormai sei anni fa un gruppo di genitori che gravitavano intorno ad una scuola milanese costituì l’associazione Sostieni il Sostegno Onlus. Cosa avevano visto? Semplicemente come i ragazzi, gli insegnanti e perfino i genitori stessi avessero imparato, quasi per osmosi, una posizione umana di accoglienza, di apertura verso ogni persona nella sua unicità e totalità, senza pregiudizi, a partire dal fatto di avere in classe una ragazza disabile. Che si era rivelata una ricchezza sorprendente ed inesauribile per tutti. Nacque così l’idea di creare un’organizzazione stabile con lo scopo di promuovere la cultura dell’accoglienza e di sostenere, anche economicamente, le famiglie di minori in difficoltà a causa di disabilità fisiche, psichiche o di situazioni di disagio in genere nei loro percorsi educativi. Famiglie che proprio per la loro situazione incorrono in ingenti spese aggiuntive rispetto ad una situazione “normale” cui spesso faticano a far fronte. Non ultime quelle legate alla possibilità di scegliere liberamente la scuola in cui educarli.

Diversamente Taxi

Un progetto diverso dagli altri

Diversamente Taxi
Fra i tanti progetti sostenuti dall’associazione in questi anni, l’ultimo è proprio in questi giorni giunto a “compimento”, ed è talmente geniale e nel contempo semplice da stupire del fatto che nessuno ci avesse mai pensato. Provate ad immaginare che difficoltà si trova ad affrontare una famiglia con un ragazzo disabile negli spostamenti e nei trasporti: verso la scuola o verso altri ambienti dove svolge terapie, frequenta centri di aggregazione o segue percorsi di recupero. I costi, per le attrezzature, per disporre di vetture adatte o semplicemente per servirsi di operatori specializzati, sono spesso notevoli e quasi sempre a carico delle famiglie. Per rispondere a questo bisogno – perché è l’esperienza che fa emergere i bisogni ed aguzza l’ingegno su come rispondervi – è nata l’idea di Diversamente Taxi, il car-sharing in soccorso dei ragazzi disabili. “Diversamente Taxi, è un tentativo – sostiene Giovanni Prinetti, presidente dell’Associazione – perché come tutte le cose che facciamo non è nata da un piano prestabilito. Negli anni scorsi Ela e Tamara accompagnavano Elisa alle terapie, e quando non potevano loro la accompagnava la nonna. Diventando grande Elisa, si è presentato il problema del seggiolino, che non essendo più da bambini ma specifico per disabili, doveva essere trasbordato da una macchina all’altra. E poi un secondo problema: spostarla dalla carrozzina al seggiolino. E così via… Il problema dei trasporti diventa sempre più complesso“.

Come un furgone diventa taxi. Diversamente…

Il Kangoo di Diversamente Taxi
Il Kangoo di Diversamente Taxi
Quante famiglie hanno gli stessi problemi?  Molte: ed ecco quindi l’idea. Procurarsi un furgone con il pianale ribassato ad attrezzato per il trasporto dei disabili, mettendolo a disposizione di tutte le famiglie che lo richiedano a titolo completamente gratuito, con il solo contributo per la benzina. “Abbiamo pensato conclude Prinetti – di aiutare le famiglie fornendogli un mezzo attrezzato per quando ne hanno bisogno e, dove possibile, anche un autista. In fondo si tratta soltanto di applicare il concetto di car-sharing alle esigenze di una famiglia con un disabile…” Un progetto che si è realizzato grazie ai numerosi contributi dei tanti amici dell’Associazione i cui nomi saranno scritti sulle portiere del Renault Kangoo che da febbraio scarrozzerà Elisa e gli altri ragazzi disabili per le vie di Milano. Ma non è finita, ovviamente: manutenzioni e funzionamento del mezzo costano e serve pure qualche autista volontario. Se siete a Milano e avete un po’ di tempo, potete trovare come contribuire nel sito dell’associazione sostienilsostegno.com. Sulle portiere di Diversamente Taxi c’è ancora spazio anche per la vostra firma…


Vedi altri articoli su: Attualità | Cultura |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *