Meteo di fine luglio: instabilità crescente nel week-end

Sabato e domenica variabili e piovosi al nord, con l'instabilità che si estenderà anche alle regioni del centro per domenica.

Meteo del week-end 23-24 luglio

Una generale tendenza al bel tempo specialmente al centro-sud che lascerà il passo per domenica ad una maggiore instabilità foriera di un calo di temperatura. E’ questa in sintesi la situazione metereologica sulla nostra Penisola in questo fine settimana di luglio, il penultimo del mese.

Una perturbazione di origine centro-europea e caratterizzata da correnti più instabili e carica di aria umida fin da venerdì ha cominciato stazionare sulle regioni alpine e del nord contribuendo a rinfrescare il clima e a portare piogge e temporali, anche forti: sabato insisterà soprattutto sulle regioni del nord-ovest, mentre domenica si spingerà ben più a fondo lungo lo stivale andando ad influenzare anche gran parte del centro, della dorsale appenninica e anche della Sardegna, lasciando solo il sud ancora caratterizzato da un prevalente bel tempo.

meteo tendenze

Scendiamo nel dettaglio iniziando dunque da sabato 23, giornata nella quale il bel tempo ed il clima caldo ed estivo sarà ancora largamente prevalente nelle regioni del centro-sud, con temperature stazionare anche fino ai 35 gradi. A nord, invece, la situazione è più variabile: sul Piemonte, la Valle d’Aosta e l’arco Alpino le piogge ed i temporali, anche forti, saranno presenti fin dal mattino, per poi “estendersi” nel corso della giornata sulle Prealpi, sulle pianure lombarde specialmente nell’area occidentale, sulla Liguria e sulla Sardegna settentrionale.

Migliore la situazione sulle Venezie che vedranno mantenersi la prevalenza del bel tempo. Nelle regioni interessate dalla perturbazione le massime saranno in calo fino ai 25 gradi.

Domenica 24 questa tendenza sarà decisamente accentuata. Tempo decisamente instabile con diffuse piogge e forti temporali in tutto il nord e sulla Sardegna, con sconfinamenti piuttosto decisi in Emilia e Toscana e parziale “risparmio” solo del Friuli. Nel pomeriggio la situazione tenderà a peggiorare anche al centro soprattutto sul versante tirrenico. Meglio su quello adriatico, mentre resterà sostanzialmente bello il tempo sul sud e sulla Sicilia.

 

Meteo della settimana dal 18 al 22 luglio

Rimonta decisa del sole, innalzamento delle temperature e ritorno ad una situazione più tipicamente estiva. La penultima settimana di luglio sembra proprio ristabilire l’equilibro climatico che era stato sovente “spezzato” dalle perturbazioni della scorsa settimana che avevano portato un raffrescamento dell’aria e una buona quantità di piogge.

A partire da lunedì e fino a venerdì – anche se per il fine settimana sono previsti un buon numero di temporali sulle Alpi – l’ago del barometro si stabilizzerà sul bel tempo in maniera sostanzialmente generalizzata per tutta la Penisola e con poche eccezioni, sostenuto dall’anticiclone africano che prenderà stabilmente “possesso” delle latitudini intorno all’Italia. Torna l’estate, dunque, anche se occorre dire che il clima resterà comunque ventilato e che probabilmente i livelli di afa, anche nelle grandi città, si manterranno fortunatamente a di sotto dei livelli di guardia…

meteo tendenze

Scendendo nel consueto dettaglio, percorriamo il clima della settimana giorno per giorno. Già da lunedì 18 il sole ed il bel tempo saranno decisamente prevalenti su tutto lo Stivale con qualche isolato piovasco a foggia temporalesca dovrebbe limitarsi ad alcune aree delle Alpi sul confine austriaco e, solo nel pomeriggio, sul Friuli. Le temperature saranno in lieve ma costante aumento e le coste, soprattutto al centro-sud, resteranno comunque ventilate. Pochissime modifiche allo status quo si registreranno anche martedì 19: temperature in ulteriore lieve aumento e qualche rovescio possibile sulla Calabria interna.

Il trend rimarrà costante anche per mercoledì 20, dove l’unica eccezione da segnalare è la possibilità di un maggiore annuvolamento nel pomeriggio sulla dorsale appenninica sena però la sostanziale probabilità di arrivare a scrosci di pioggia. Giovedì 21, ferma restando l’alta pressione ed il bel tempo costante su tutto il centro-sud che non subirà variazioni sostanziali, una frangia di perturbazione arriverà invece sul nord Italia e principalmente sull’Arco Alpino, dove qualche pioggia e qualche temporale in più si potrebbe verificare specialmente a partire dal pomeriggio. In serata una leggera instabilità sconfinerà anche sulle zone più basse della Lombardia, del Piemonte e dell’Emilia.

Venerdì 22 l’area perturbata sarà allargata a tutto il nord che subirà una nuova inversione di tendenza sulle temperature. Dalla Liguria compresa in giù, il clima sarà invece estivo, soleggiato e caldo senza alcuna eccezione.

 

Meteo del week-end 16-17 luglio

La vasta area instabile che ha caratterizzato la fine della settimana uscente e che soprattutto nel centro-sud – ma a tratti anche al nord – ha portato veri e propri nubifragi accompagnati da raffiche di vento forte in molte regioni, sembra andare ad esaurirsi con l’arrivo del prossimo week-end, che vedrà dunque un tendenziale miglioramento della situazione climatica generale sull’Italia.

Tale miglioramento non sarà comunque sufficiente ancora per riportare le temperature sui livelli precedenti all’arrivo della perturbazione: stazionaria rispetto agli scorsi giovedì e venerdì sarà la colonnina di mercurio per la giornata di sabato e solo in leggero aumento nel corso della domenica. Sembra dunque profilarsi all’orizzonte un fine settimana piacevolmente sbilanciato sulla modalità “tarda primavera” che su quella “estate” che, se forse scoraggerà qualche ora in più sulla spiaggia, permetterà a chi in vacanza non è di vivere senza calura…

meteo tendenze

Scendiamo dunque nei dettaglio dei prossimi due giorni: sabato 16 – abbiamo scollinato anche la metà del mese di luglio! – si aprirà in mattinata con una configurazione del tempo molto simile a quella di venerdì. Al nord e sulla Sardegna temperatura fresca e venti piuttosto intensi ma cieli sereni e rischi di pioggia praticamente assenti. Al centro-sud ed in special modo sul versante adriatico – su quello tirrenico le cose andranno leggermente meglio – saranno protagonisti ancora la pioggia ed i frequenti temporali con rischio di acquazzoni e nubifragi.

Piogge, anche se meno intense, saranno presenti anche sulla Calabria e sulla Sicilia, specie orientale. La situazione tenderà a migliorare in serata e nella notte, quando le piogge si attenueranno decisamente fino a scomparire quasi del tutto su tutta la Penisola. Domenica 17, infatti, il bel tempo sarà in ripresa con il sole che si manifesterà decisamente prevalente in tutte le regioni. Ragion per cui, anche la temperatura sarà in leggero aumento. Anche i venti, specie al nord, saranno in diminuzione pur se ancora presenti in alcune zone e segnatamente sull’Adriatico. Qualche residuo di pioggia potrà manifestarsi soprattutto al mattino sulla Puglia e sulla Calabria jonica.

 

Meteo della settimana dall’11 al 15 luglio

Prima parte della settimana sulla falsariga dei giorni precedenti. Da mercoledì sera un discreto calo termico su tutta la Penisola con una maggiore incidenza di instabilità soprattutto al nord. Sono queste in estrema sintesi, le linee-guida che descriveranno la condizione climatica dello Stivale nella prossima settimana, quella che ci porterà al “centro” del mese di luglio. Infatti, pur mantenendo la sua caratteristica fondamentalmente estiva, il caldo spesso afoso – almeno nelle grandi città – che ha segnato gli ultimi giorni, subirà nei prossimi giorni una mitigazione dovuta ad un gruppo di correnti più fresche che saranno traghettate sull’Italia da una perturbazione di origine atlantica che, soprattutto al nord, porterà con sé anche la possibilità di rovesci e manifestazioni temporalesche.

Soprattutto sulle pianure del centro-nord, infatti, le masse di aria calda accumulatesi nei giorni precedenti si scontreranno con quelle fredde in arrivo alle nostre latitudini innescando così piogge e temporali talvolta anche di notevole entità. Al centro-sud resterà invece quasi indisturbato il sole, sebbene anche in queste regioni il calo di temperatura nella seconda parte della settimana sarà sensibile portando sovente la colonnina di mercurio a massime inferiori ai 30 gradi.

meteo tendenze

Entriamo dunque nei dettagli delle singole giornate che si aprono con una situazione di gran caldo e cieli tersi e sereni per lunedì 11 e martedì 12 luglio, con punte di temperatura fino a 37-38 gradi nei centri urbani del Centro Italia. Rare le eccezioni a questo quadro, che si limiteranno a qualche piovasco accompagnato da isolati temporali fra la sera di lunedì ed il mattino di martedì sull’arco alpino e più raramente sulle Prealpi lombarde e piemontesi.

La situazione tenderà a peggiorare leggermente nella serata di martedì, con una accentuazione ed intensificazione dei temporali nelle zone suddette, preludio dell’arrivo “vero” della perturbazione previsto per la notte di mercoledì 13. Sulle regioni del nord, ed in particolare sulle Venezie, ma anche sull’Emilia Romagna, sulla Toscana interna e più occasionalmente su Umbria e Marche, si presenteranno piogge più costanti e sempre meno intermittenti.

Gli effetti di questa situazione non si sentiranno ancora sulle temperature che rimarranno ovunque sostanzialmente stazionarie. Sarà giovedì 14 la vera “giornata-spartiacque” della settimana. Se infatti paradossalmente le precipitazioni saranno più contenute sia come area di influenza che come intensità – oltre al nord-est si manifesteranno solo sulla dorsale appenninica in forma leggera – l’aria fresca “vincerà il duello” con quella più calda portando ad un sensibile calo termico: al nord le temperature massime scenderanno al di sotto dei 30 gradi, mentre al centro-sud resteranno di poco al di sopra.

Infine per venerdì 15 la “trasformazione” sarà completa: la pioggia sarà praticamente assente o circoscritta a qualche zona soprattutto sulla costa adriatica, ma in compenso la temperatura sarà ancora in calo, toccando i 21-22 gradi al nord ed attestandosi sui 27-28 gradi nel resto delle regioni.

 

Meteo del week-end 9-10 luglio

Una cartina dello Stivale con decisa prevalenza di giallo. A simboleggiare il sole, naturalmente. E’ questo quello che troverete consultando una qualunque previsione metereologica che si riferisca al prossimo week-end. Pare infatti ormai assodato il fatto che l’estate sia definitivamente arrivata sulla nostra Penisola anche dal punto di vista meteorologico, oltre che da quello del calendario.

Un ampio anticiclone di provenienza africana stazionerà infatti nei prossimi giorni alle nostre latitudini portando stabilmente l’ago del barometro sul bel tempo, perfino con un tendenziale aumento delle temperature progressivo a partire da domenica e specialmente sulle regioni del centro-sud. All’estrema periferia “nord” del anticiclone, una perturbazione atlantica recante aria più fresca sfiorerà le Alpi portando l’unica eccezione di rilievo allo satus quo che si rileverà in Italia nei prossimi giorni: qualche pioggia sulle zone alpine concentrate preventivamente nella mattinata di domenica.

meteo tendenze

Facile dunque descrivere la situazione di sabato 9 e domenica 10 luglio: sole e caldo stabile su tutte le regioni con poche e locali eccezioni. La probabilità che si verifichino rovesci, sempre di entità lieve e classificabili come piovaschi isolati, è estremamente bassa e limitata solo ad alcune zone degli Appennini fra Lazio ed Abruzzi e al Gargano sabato e all’arco alpino piemontese-lombardo, all’Umbria e alla Calabria appenninica domenica.

Le temperature rimarranno costantemente sopra ai trenta gradi per quanto riguarda le massime, con punte vicine ai 35 nelle grandi città del centro e sulla Sardegna con tendenza all’aumento per l’inizio della prossima settimana. Null’altro da segnalare e, dunque, buona estate!

 

Meteo della settimana dal 4 all’8 luglio

Sole e caldo per la stragrande maggioranza del tempo e sulla stragrande maggioranza del territorio della Penisola con solo il nord, e specie nella prima parte della settimana, interessato da qualche passeggero episodio di instabilità.E’ questa in estrema sintesi la situazione climatica che si presenterà per gli italiani nella settimana che ci apprestiamo ad attraversare, la prima interamente del mese di luglio e quella successiva alla, ahimé, dolorosa uscita della nostra Nazionale di calcio dai Campionati Europei, per mano della rivale Germania.

Ma tant’è: la bassa pressione, portatrice di stabilità e bel tempo, dominerà in maniera sostanzialmente incontrastata da lunedì a venerdì sulle regioni del Centro e del Sud con temperature massime prettamente estive generalmente superiori ai trenta gradi. Sull’arco alpino e, di riflesso, nelle aree più basse ad esso confinanti, perdurerà fino a metà settimana una situazione più variabile anche se difficilmente “condita” da piogge convinte o rovesci. Sulla Pianura Padana e sulle Venezie tale situazione porterà quindi più che altro stati di annuvolamento ed una piacevole assenza di afa anche in presenza di temperature che rimarranno nel complesso elevate.

meteo tendenze

Non è difficile affrontare la descrizione di dettaglio del tempo della settimana lungo i giorni che la compongono, a cominciare da lunedì 4 luglio: al nord cielo più nuvoloso e variabile specialmente sulla Lombardia e sul Triveneto, anche se qualche precipitazione isolata dovrebbe verificarsi solamente in qualche zona alpina. Coperto nel pomeriggio anche sul Piemonte occidentale. Sereno o poco nuvoloso senza segnalazioni particolari da fare il clima sul resto delle regioni, Stivale ed Isole comprese.

Nessuna variazione da segnalare per martedì 5, giornata ancora si pieno sole al centro-sud e più variabile al nord con le solite precipitazioni “a scacchiera” sull’arco alpino. Da segnalare come “novità” solo la possibilità di qualche annuvolamento pomeridiano accompagnato da qualche goccia di pioggia sugli Appennini centrali.

Con mercoledì 6 la vicinanza dell’area instabile che “disturbava” il nord dovrebbe essere ormai un ricordo. Il sole ed il bel tempo ritorneranno protagonisti anche su Piemonte e Lombardia, lasciando qualche strascico di pioggia solo sul Friuli. Nel pomeriggio saranno possibili nuovi annuvolamenti accompagnati da qualche temporale lungo la dorsale appenninica. Infine giovedì 7 e venerdì 8 che si possono chiosare con un bel “nulla da segnalare”. Unici “movimenti” possibili saranno qualche isolato rovescio sul Trentino e ancora sul Friuli e la possibilità del formarsi di qualche accumulo temporalesco nella zona interna fra Lazio ed Abruzzi.

 

Meteo del week-end 2-3 luglio

Meteo

Luglio col bene che ti voglio… È arrivato finalmente il settimo mese dell’anno, quello che ci proietta a tutti gli effetti nell’estate in tutto il suo splendore, il suo calore e il suo “tempo libero” a disposizione. È vero che è agosto il mese “vacanziero” per eccellenza, ma non per questo si può snobbare luglio come opzione per prendersi qualche meritato periodo di riposo ispirati anche dal bel tempo e del caldo che in genere porta definitivamente con sé.

E anche in questo 2016 l’inizio è promettente: il primo fine settimana del nuovo mese parte subito con un “pieno” di sole e caldo, una situazione ideale in tutte le spiagge ed i luoghi di villeggiatura della nostra beneamata penisola. Poche, pochissime le eccezioni, ristrette in genere ad alcune zone delimitate – ad esempio le Alpi orientali – ed inerenti per lo più al formarsi di temporali improvvisi e violenti ma anche dalla vita generalmente breve. Insomma, il tutto in perfetto “stile estate”.

meteo tendenze
Meteo

Oltre i 30 gradi. Così saranno le temperature massime nella giornata di sabato 2 luglio nella stragrande maggioranza delle regioni italiane. Una ampia zona di alta pressione di origine africana, sarà infatti l’elemento dominante di tutta la situazione climatica sull’Italia, portando la colonnina di mercurio a stazionare stabilmente su livelli prettamente estivi e a raggiungere in alcune zone del sud – segnatamente Sicilia e Calabria jonica – i 35 gradi. Uniche eccezioni a questa situazione saranno costituite dalle zone che si ritroveranno sui margini dell’anticiclone, ovvero la fascia alpina che potrà essere teatro nel corso della giornata di piogge e temporali anche violenti, causati dall'”incontro” dell’aria più calda con quella più fresca che staziona sul Centro Europa. Se nella prima parte del giorno i rovesci saranno soprattutto probabili sui rilievi del Piemonte e della Lombardia, in serata si accentuerà il rischio pioggia sul Triveneto, con la possibilità di qualche sconfinamento a quote più basse.

La situazione si manterrà sostanzialmente stabile anche per domenica 3: sole e caldo in tutte le regioni con l’eccezione delle Venezie e della Lombardia orientale dove permarrà una situazione maggiormente instabile che si protrae dai giorni precedenti. L’incidenza delle piogge su queste zone tenderà a diminuire nel corso della giornata per sparire quasi completamente a sera. Da lunedì, infatti, il bel tempo dovrebbe essere generalizzato e senza alcuna eccezione su tutto lo Stivale.

Meteo

 


Vedi altri articoli su: Meteo |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *