Meteo di fine aprile: temperature fresche e variabilità contenuta

L'ultima settimana del mese di aprile sarà piuttosto vedrà una variabilità contenuta ma anche temperature più basse dei giorni precedenti.

Meteo della settimana dal 26 al 29 aprile

Prevalenza di cieli sereni ma con temperature ancora in flessione rispetto alle scorse settimane ed un peggioramento previsto nel week-end. Questa in sintesi la situazione sull’Italia dell’ultimo scorcio del mese di aprile che, curiosamente, si configura come il più fresco di tutto il mese.

Dopo aver infatti regalato per lunghi tratti un clima quasi estivo su gran parte della penisola, una catena di perturbazioni e di correnti più umide e fredde hanno caratterizzato gli ultimi giorni portando con sé, oltre a qualche pioggia in più, soprattutto un percettibile calo termico. E anche i prossimi giorni non derogheranno a tale regola generale, anche se caratterizzati spesso dal sole.

meteo tendenze

Scendiamo più rapidamente del solito nei dettagli: martedì 26 aprile, giornata post-festiva che suona tristemente come un lunedì, confermerà la regola con una prevalenza di sole ma con la colonnina di mercurio stazionaria su tutta la Penisola fra i 12 ed i 19 gradi per le massime, vale a dire in alcuni casi ben 10-12 gradi in meno della settimana precedente. La prevalenza del sereno è mitigata soprattutto sul nord-est dove potranno verificarsi diverse precipitazioni che potranno addirittura essere nevose sull’arco alpino sebbene non a quote basse. Più variabile la situazione al centro dove dal cielo nuvoloso arriveranno rovesci sporadici specialmente sulla Toscana, il Lazio e l’Umbria, mentre al sud e sulle isole prevarrà decisamente il sole sebbene con i limiti di temperatura già ricordati.

La situazione resterà pressoché immutata anche per mercoledì 27: meno frequenti le piogge, circoscritte al Veneto e al Friuli, ma ancora stazionarie – se non in leggero calo – le temperature con l’eccezione della Sicilia dove si torneranno a “sfondare” i 20 gradi. Anche per giovedì 28 sono poche le novità: le zone interessate dalla pioggia saranno “spostate” verso il centro ed in particolare nella fascia Toscana-Umbria-Marche e sugli Abruzzi e, in nottata, anche sulla Sardegna. Per il resto permane una situazione di sereno o poco nuvoloso con una intensificazione delle nubi in serata. Temperature sostanzialmente stazionarie.

Infine venerdì 29: ancora clima mite e fresco associato ad un prevalenza di cieli sereni destinata a stabilizzarsi quasi ovunque nella seconda metà della giornata dopo che nella mattina qualche rovescio aveva interessato soprattutto il centro ed il versante adriatico. Una situazione però destinata nuovamente a peggiorare in vista del week-end del 1° maggio.

 

Meteo del week-end 23-24 aprile

Fine settimana all’insegna del maltempo. Le attese e le previsioni, anticipate nel corso della settimana che volge al termine, saranno purtroppo confermate in vista del prossimo week-end che sarà caratterizzata da una recrudescenza di maltempo causata da una perturbazione di origine nord-atlantica che entrerà nei nostri radar a partire dalla notte fra venerdì e sabato e contribuirà decisamente a rendere “bagnato” ed instabile il clima sulla Penisola del fine settimana.

La particolare caratteristica, in un quadro dive la lancetta del barometro sarà comunque molto più orientata “al brutto”, sarà la notevole variabilità della situazione che spesso sarà poco prevedibile e muterà nel giro di poche ore: per esempio, la perturbazione agirà più intensamente il sabato sul versante Tirrenico e la domenica su quello Adriatico, lasciando parecchie zone “ibride” dove schiarite e piovaschi si potranno alternare con una certa facilità.

Difficile dunque decidere cosa fare nel fine settimana… ma per sicurezza, ovunque si decida di andare è d’uopo farsi accompagnare da un bell’ombrello…

meteo tendenze

Cominciamo da sabato 23, dunque: la ormai nota perturbazione sarà già fin dalle prime ore del mattino stabilmente “piazzata” sull’Italia: piogge anche intense e continue spesso trasformate anche in temporali  saranno presenti su tutte le regioni del nord, da ovest ad est, lungo tutta la costa tirrenica dalla Liguria alla Campania e lungo la dorsale appenninica. Più contenute, anche se mai del tutto assenti, le precipitazioni sull’Emilia e lungo l’Adriatico. Saranno sostanzialmente risparmiate dal maltempo solo la Calabria, la Sicilia e la Sardegna, anche se pure in queste regioni i cieli saranno meno limpidi dei giorni precedenti e più caratterizzati dalle nubi. Le temperature saranno in decisa diminuzione ovunque.

Domenica 24, come già accennato, la situazione sarà analoga ma con l'”epicentro spostato sul centro Italia e sulla fascia Adriatica. Maggiori schiarite si verificheranno sul nord-ovest e sulla Sardegna, mentre il sole splenderà in Sicilia. Altrove piogge e temporali con qualche rischio nubifragio e grandine sulla Lombardia, sulle Marche, la Romagna e gli Abruzzi. Il maltempo subirà una leggera attenuazione in serata con il progressivo “ritiro” dell’area ciclonica verso il centro dell’Europa.

 

Meteo della settimana dal 18 al 22 aprile

Bel tempo stabile ed un caldo addirittura precursore dell’estate fino a giovedì. Poi un progressivo peggioramento della situazione che, complice una nuova perturbazione instabile, si manifesterà completamente nel prossimo week-end che, specialmente nelle regioni del nord, si annuncia ben più instabile. Questa in sintesi la situazione meteorologica sull’Italia nella nuova settimana che ci introduce nella seconda metà di aprile.

La colonnina di mercurio del termometro sarà la principale protagonista dei prossimi giorni: fra lunedì e mercoledì, infatti, salirà decisamente arrivando a punte decisamente fuori stagione soprattutto al sud, dove in alcune zone della Sicilia finirà per sfondare addirittura i trenta gradi che, in aprile, non è evento da poco. A partire da giovedì, invece, tornerà decisamente nei ranghi segnando una diminuzione sia reale che percepita assai decisa che per il sud si potrebbe anche attestare nell’ordine della decina di gradi.

meteo tendenze

In dettaglio ecco la situazione dei diversi giorni della settimana: lunedì 18, martedì 19 e mercoledì 20 si possono in realtà associare in un unico stabile quadro riassuntivo. Il sole sarà deciso protagonista con temperature decisamente primaverili ovunque e, come detto, addirittura estive al sud. Pochissime le eccezioni: un passaggio di piogge con qualche temporale sulle Alpi lunedì, qualche piovasco isolato e poco convinto sul Veneto, la Romagna e le Marche martedì e poco altro.

Giovedì 21, invece, sarà la giornata del “cambio di rotta”: pur senza precipitazioni di rilievo, l’imminente perturbazione che sta per raggiungere la Penisola porterà un notevole aumento della nuvolosità praticamente su tutte le regioni, fatta salva la Sicilia e la Calabria, seppur in diverse ore del giorno. Gli addensamenti, accompagnati da qualche rovescio, arriveranno fin dal mattino da nord-ovest partendo dal Piemonte e dalla Sardegna per poi spingersi nel corso della giornata su tutto il paese e coprendone quasi interamente i cieli in serata. In conseguenza di ciò le temperature, specie al centro-sud saranno in decisa diminuzione.

Le piogge arriveranno nella notte fra giovedì e venerdì 22: in giornata saranno soprattutto il nord e la fascia Toscana-Lazio-Umbria-Emilia-Marche ad esse battute da una pioggia decisa a volte temporalesca, ma anche le zone limitrofe potranno essere interessate da rovesci più radi ma intensi. Prevalentemente nuvoloso sul resto delle regioni con eccezione della Sardegna che vedrà la situazione migliorare con il trascorrere delle ore della giornata. Da Sabato sarà poi soprattutto il centro-nord ad essere battuto dalla pioggia. Ma questa è un’altra storia…

 

Meteo del week-end 16-17 aprile

Sole prevalente sabato, qualche nuvola in più e la pioggia la nord domenica. Questa in estrema sintesi dovrebbe essere la situazione metereologica per il prossimo week-end di aprile, un fine settimana che in linea di massima finirà per confermare il trend tutto sommato positivo che la situazione climatica sull’Italia ha conosciuto in questo primo scorcio di primavera. Le temperature, in maniera stabile e diffusa in tutte le aree italiane, a prescindere dalla presenza o meno della pioggia resteranno decisamente miti se non tendenti al caldo nelle regioni meridionali. Insomma, un fine settimana che si annuncia come piuttosto propizio…

meteo tendenze

Scendendo rapidamente nei dettagli, ci imbattiamo subito nella giornata di sabato16 aprile – come un lampo è già volato anche la metà del mese… – una giornata che dal punto di vista climatico si presenterà a diverse facce. Se il sole ed il bel tempo sarà decisamente prevalente su gran parte della fascia centrale dello stivale, sulle regioni meridionali e sulle isole maggiori, il nord, specie la fascia alpina, sarà invece più direttamente interessato dal lembo di una perturbazione stazionante sul centro Europa e che porterà qualche pioggia fin dal mattino sulla Valle d’Aosta, quasi tutto il Piemonte eccettuata la “fascia” confinate con la Liguria e la Lombardia alpina e prealpina. Qualche nuvola, tendenzialmente senza pioggia, si vedrà anche sulle Venezie, mentre al centro l’eccezione al bel tempo generalizzato sarà rappresentata dalla costiera laziale dove potrà anche verificarsi qualche isolato rovescio. Domenica 17 la situazione sarà simile a quella del giorno precedente. Due saranno le variazioni più significative: l’uniformazione quasi generale al bel tempo nelle regioni del centro-sud e partire dall’Emilia per scendere fino al Mediterraneo ed un contestuale peggioramento al nord, dove la perturbazione arriverà stabilmente anche sul Veneto, sul Trentino e sul Friuli, oltre che sulla Liguria e dove i rovesci, a volte temporaleschi, saranno più intensi del giorno precedente. L’instabilità dovrebbe esaurirsi nella notte fra domenica e lunedì, lasciando spazio al bel tempo fin dall’inizio della nuova settimana.

 

Meteo della settimana dall’11 al 15 aprile

 

Solo una breve e blanda perturbazione al nord fra la notte di martedì e la giornata di mercoledì. Questa l’unica “eccezione” di rilievo ad una situazione metereologica che, per l”Italia, si annuncia decisamente felice per la settimana che ci apprestiamo a condividere. Tanto sole, cieli tersi e sereni, nuvole per lo più passeggere e temperature decisamente miti – dove non calde e quasi estive – saranno gli assoluti protagonisti della scena, confermando la tendenza di questa prima parte di primavera che, salvo rari e poco convinti peggioramenti saltuari, ha fino ad ora tenuto la lancetta del barometro con molta costanza sulla tacca del bel tempo e promette di continuare così anche per i prossimi giorni. Clima piacevole e bel tempo dunque, lungo tutto l’arco della settimana con, soprattutto al sud e sulle isole, una temperatura che sovente sarà ai margini superiori dei livelli medi stagionali, se non qualche linea al di sopra.

meteo tendenze

Scendiamo dunque nel dettaglio delle singole giornate, il cui racconto questa volta è piuttosto semplice. Già lunedì 11 il sole sarà decisamente prevalente su tutto lo stivale con pochissime e circoscritte eccezioni: qualche rovescio di pioggia non particolarmente convinta sulla Valle d’Aosta e sul Piemonte prealpino e sul Trentino, qualche nuvola “in più”, ma senza rovesci, sull’arco alpino e sulla Sardegna. Per il resto poco o nulla da segnalare con temperature massime spesso intorno e oltre i venti gradi e clima spiccatamente primaverile.

Anche martedì 12 la situazione non cambierà particolarmente, se non per una intensificazione della nuvolosità al centro ancora priva di manifestazioni piovose. Qualche rovescio ancora sulle alpi piemontesi e sul Ponente Ligure. Mercoledì 13 sarà il giorno segnato dalla già citata mini-perturbazione che giungerà sulle regioni del nord della notte: Piemonte, Lombardia, Veneto e Trentino – e saltuariamente anche la Liguria – saranno così battute da precipitazioni piuttosto continue che di quando in quando potranno trasformarsi in temporali. La situazione sarà tuttavia in graduale miglioramento nel corso della giornata, fino a scomparire quasi completamente a sera. Qualche pioggia si potrà verificare anche sulla Campania e sul basso Lazio.

Giovedì 14 la pioggia sarà solo un ricordo – se non qualche residuo mattutino sul Friuli – ed il sole di nuovo generale protagonista, con una situazione che tornerà analoga a quella di lunedì e che si manterrà senza cambiamenti anche venerdì 15. E, tendenzialmente, anche nel successivo week-end…

 

Meteo del week-end del 9 e 10 aprile

Sabato instabile e piovoso, domenica decisamente più serena o poco nuvolosa. Questa in estrema sintesi la situazione sull’Italia per il prossimo week-end, il secondo del mese di aprile. Sarà infatti decisamente “a due facce” il fine settimana meteorologico sullo Stivale, con la piuttosto rilevante ma “velocissima” perturbazione atlantica arrivata nel corso della serata di venerdì che farà sentire le sue “bagnate” conseguenze sabato per poi dileguarsi piuttosto in fretta nella notte facendo scomparire quasi del tutto la sua influenza. Insomma, il prossimo fine settimana può essere vissuto come un bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto, a seconda di come lo si vede o, forse, della giornata che si era pianificato di sfruttare per una eventuale gita primaverile…

meteo tendenze

Sabato 9 aprile, dunque, sarà una giornata caratterizzata dal maltempo su gran parte dell’Italia. Fin dal mattino un forte corrente instabile ed un doppio fronte di bassa pressione proveniente sia dall’Atlantico che dall’Europa del Nord causerà piogge insistenti e non radi temporali su molte regioni. Pioggia diffusa su tutto il nord con la possibilità di nevicate sulle Alpi, e lungo tutta la dorsale appenninica fino alla Basilicata. Rovesci ed acquazzoni saranno costanti anche sulla costa tirrenica e sulla Sardegna ed il maltempo arriverà, specialmente a sera, anche sulla Sicilia.

Leggermente migliore la situazione sul versante adriatico, anche se soprattutto si Marche ed Abruzzi il rischio-pioggia rimane elevato. Sul centro nord tra la sera e la notte la situazione comincerà rapidamente a migliorare: domenica 10, infatti, il cielo su queste regioni sarà – inaspettatamente, potremmo dire – sereno o poco nuvoloso con piogge del tutto assenti. I residui rovesci saranno limitati all’appennino Campano e Lucano in mattinata ad alcune zone della Puglia Jonica e alla Calabria, con parziale interessamento della Sicilia.

 

Meteo della settimana dal 4 all’8 aprile

Una prima parte  votata al bel tempo e una seconda parte dove torna la pioggia ed il fresco. Questa in estrema sintesi la situazione metereologica che si verificherà sull’Italia nella settimana entrante, la prima “interamente” di proprietà del mese di aprile. Se infatti lo Stivale sarà “protetto” da una ampia area di alta pressione che garantirà il bel tempo almeno fino a mercoledì – fatta salva l’influenza di una residua perturbazione sul nord-ovest e sulla fascia alpine – da giovedì la tendenza si invertirà a causa dell’arrivo di una corrente di aria ben più umida e fresca proveniente dall’Atlantico che progressivamente trasformerà la situazione spingendo l’ago del barometro molto più decisamente sul variabile per il fine settimana. Il week-end, infatti, sarà segnato soprattutto dalla pioggia su gran parte dell’Italia, con un progressivo miglioramento che dovrebbe iniziare però solo nella serata di domenica. Come si suol dire però, questa è un’altra storia…

meteo tendenze

Tratteggiato il quadro generale, scendiamo come di consueto nel dettaglio dei singoli giorni che compongono la settimana. Lunedì 4 sarà una giornata a larga prevalenza di clima mite e primaverile, fatta eccezione per il Piemonte, la Valle d’Aosta, la Liguria di Ponente e la parte occidentale della Lombardia che saranno invece interessate dal residuo della perturbazione che le ha lambite anche nei giorni precedenti e che continuerà a causare su queste regioni piogge intermittenti a volte anche di intensità rilevante, qualche temporale e cieli plumbei e coperti. Sul resto della penisola sereno o poco nuvoloso ovunque, con temperature decisamente piacevoli e molto primaverili praticamente senza eccezioni.

Poche le modifiche allo status quo degne di nota per martedì 5, se non una leggera modifica dell’area interessata dalle piogge da cui “uscirà” la Liguria ed entrerà la fascia alpina sul Veneto e parte del Trentino ed una intensificazione dell’alta pressione sul resto della Penisola che vedrà temperature anche in leggero aumento. Mercoledì 6 sarà la giornata migliore dell’intero “lotto” settimanale: le piogge saranno, se presenti, assolutamente isolate e poco convinte, mentre il sole sarà offuscato solo da qualche nuvola in più in serata solo in Sicilia e Sardegna.

Giovedì 7 sarà invece la giornata della “svolta”: l’annunciata perturbazione atlantica arriverà sullo Stivale interessando fin dal primo mattino l’intero nord, le regioni Tirreniche, la Sardegna, la Sicilia occidentale e, gradatamente, tutto il centro. Più intense le precipitazioni sul Piemonte e sul Ponente Ligure nonché sulla zona del Trapanese e del Palermitano, ma il peggioramento del clima sarà in rapida estensione nel corso della giornata fino a coprire quasi tutta l’Italia nella notte fra giovedì e venerdì 8. L’ultimo giorno della settimana sarà quindi caratterizzato da un diffuso maltempo: piogge e temporali si verificheranno per tutto il giorno con continuità su gran parte delle regioni e da esso saranno risparmiate le zone joniche, parte della Sicilia e della Sardegna. Un maltempo che porterà una sensibile diminuzione della temperatura e proseguirà anche nei giorni successivi.

 

Meteo del week-end del 2 e 3 aprile

Incertezza. Se si dovesse scegliere un termine per definire sinteticamente lo stato del tempo nel prossimo fine settimana, il primo del primaverile mese di aprile, sarebbe probabilmente questo quello più appropriato. E l’incertezza potrebbe anche essere interpretata in due modi diversi: da una parte quella del tempo stesso, indeciso se aprirsi ad una primavera tiepida e soleggiata – come probabilmente accadrà nelle zone del centro-sud – o rifugiarsi in uggioso clima dal sapore autunnale, come invece altrettanto probabilmente si verificherà nelle regioni settentrionali e soprattutto in quelle del nord-ovest. Ma l’incertezza è soprattutto dei meteorologi che, nonostante si parli solo di qualche giorno di previsione, non si sbilanciano più di tanto.

Ed il motivo di questa prudenza è presto detto: nelle prossime ore una corrente di aria più fredda e umida – che non ha proprio le caratteristiche di una perturbazione ma è comunque capace di influire sulla situazione generale – transiterà sul Mediterraneo a partire dall’Atlantico, puntando verso la nostra Penisola. La sua traiettoria non è ancora completamente prevedibile: l’ipotesi più probabile è quella migliore, ossia che essa prosegua nella sua corsa “deviando” verso l’Africa prima di arrivare sopra alle nostre teste e lambendo soltanto i confini italiani con la Francia. Si tratta di un buon auspicio, ma la cui realizzazione non è certa al 100%…

meteo tendenze

Stante le doverose premesse sopra effettuate, proviamo dunque a capire cosa succederà nei cieli italiani per sabato 2 e domenica 3 aprile. Se dunque la zona di instabilità si comporterà secondo le attese, il week-end si aprirà con una giornata piuttosto bella, con netta prevalenza del sereno o, al massimo, di una nuvolosità blanda e/o intermittente. Le piogge saranno limitate alle zone occidentale del Piemonte e della Liguria e alla Valle d’Aosta, anche se nel pomeriggio e a sera qualche scroscio isolato potrebbe verificarsi anche sulla Sicilia. Per il resto poco altro da segnalare, se non una possibile intensificazione della nuvolosità in Sardegna e sulla fascia del basso Tirreno nel corso della giornata.

Un quadro generale che dovrebbe mantenersi pressoché invariato anche per domenica: piogge un po’ più intense solo sulle solite Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta e clima decisamente primaverile altrove con, anzi, un miglioramento complessivo che vedrà prevalere il sereno rispetto alle nuvole assai più nettamente di quanto non sia successo sabato. In diverse aree del centro-sud si sfioreranno i 25 gradi ed anche in Sardegna e Sicilia tornerà stabilmente il sole.

 


Vedi altri articoli su: Meteo |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *