La ricompensa del gatto: il nuovo film d’animazione di Studio Ghibli in un evento imperdibile

Nelle sale il 9 e il 10 febbraio, La ricompensa del gatto nasconde tra le pieghe di una trama giocosa e non particolarmente complessa una sottotraccia simbolica originale.

La ricompensa del gatto di Hiroyuki Morita – già animatore di Kiki consegne a domicilio e I racconti di Terramare rispettivamente al fianco di Hayao e Goro Miyazaki – è il nuovo film d’animazione di Studio Ghibli che uscirà al cinema come evento speciale nei giorni 9-10 febbraio 2016.

In piena sintonia con la mania collettiva per mici micetti e micini ma per nulla banale e sdolcinato, La ricompensa del gatto è un film che segue il filone onirico e fantastico tipico di Studio Ghibli, nascondendo tra le pieghe di una trama giocosa e non particolarmente complessa, una sottotraccia simbolica molto interessante.

Haru è una ragazzina in quella fase dell’adolescenza fatta di poca autostima, noia e insoddisfazione. Un giorno salva un curioso gatto parlante che sta per essere investito da un camion. Durante la notte, va a farle visita l’inquietante corteo del Re dei Gatti: il gatto che la ragazza ha salvato è nientemeno che il Principe dei Gatti e suo padre, immensamente grato la vuole ricompensare. Haru comincia a ricevere doni particolarmente bizzarri e insistenti: quando cerca di sfuggire a attenzioni che sarebbero più gradite a un felino che a una ragazza, una voce misteriosa le suggerisce di rivolgersi all’Ufficio del Gatto per trovare aiuto. Nonostante il gatto Baron, il gattone Muta e il corvo Toto – personaggi già presenti ne “I sospiri del mio cuore” e che assomigliano a una banda di fuorilegge con compiti da A-Team- si adoperino per lei, Haru viene rapita e portata nel Regno dei Gatti per andare in sposa al principe ereditario.


Nel Mondo dei Gatti, Haru comincia la sua trasformazione: scopre un mondo bellissimo ma inquietante, con personaggi dai lati oscuri come accade ad Alice nel Paese delle Meraviglie. Il dilemma per lei è decidere se accettare di rimanere in una dimensione parallela, rinunciando a crescere nel mondo reale o prendere in mano la sua vita. La tentazione è forte: Haru deve scegliere tra una vita apparentemente facile e confortevole, anche se priva di libertà, e l’incognita di “passare oltre” e diventare grande.

Bellissimi i gatti che sembrano provenire da tutti i paesi e da tutte le favole: naturalmente ci sono i gatti egiziani (civiltà che ancor più di quella giapponese ha fatto assurgere i gatti a divinità), gatti mediorientali che sembrano uscire dalle Mille e una Notte e gatti che ricordano le guardie di Richelieu nei Tre Moschettieri.

Il gatto Baron, affascinante malandrino che richiama il Gatto con gli stivali, tra peripezie e colpi di scena, traghetta Haru verso una maggior consapevolezza, anche sentimentale.

A chi piacerà questo film? Naturalmente a tutte le appassionate di gatti dai cinque ai cinquant’anni, alle ragazzine alle prese con i primi battiti di cuore e ancora poco sicure di sé, alle mamme delle suddette ragazzine e, naturalmente, alle fan di Studio Ghibli.

Per conoscere i cinema in cui sarà proiettato, potete consultare il sito italiano di StudioGhibli.



Qual è il monastero toscano dov'è stata girata La Casa di Carta
TV

Qual è il monastero toscano dov’è stata girata La Casa di Carta

Luoghi delle riprese di Carnival Row con Orlando Bloom e Cara Delevigne
TV

Luoghi delle riprese di Carnival Row con Orlando Bloom e Cara Delevingne

Sfera Ebbasta: tutti i tatuaggi sul corpo e i loro significati
TV

Sfera Ebbasta: tutti i tatuaggi sul corpo e i loro significati

5 monumenti da vedere almeno una volta nella vita
Viaggi

Cinque monumenti da vedere almeno una volta nella vita

Natale a New York: cosa fare e cosa visitare
Viaggi

Natale a New York: cosa fare e cosa visitare

L'alienista: serie tv, libro e cast
Cultura

L’alienista: serie tv, libro e cast

Si possono tenere le gomme estive in inverno?
UnaDONNA al volante

Si possono tenere le gomme estive in inverno?

TV

Mara Maionchi: tutte le scoperte della talent scout

5 monumenti da vedere almeno una volta nella vita
Viaggi

Cinque monumenti da vedere almeno una volta nella vita

Se state pianificando un viaggio sappiate che ci sono almeno cinque monumenti da vedere una volta nella vita! Non vi resta che prendere un biglietto e partire!

Leggi di più