Lifestyle

La ricetta di Sorrentino per una Grande Bellezza: Fellini, Scorsese, Maradona e i Talking Heads

Cosa hanno in comune le 4 fonti di spirazione di Sorrentino. Tra il “generatore automatico di discorsi per l’Oscar”, la vita e lo spettacolo

Fellini, Scorsese, Maradona e i Talking Heads. Queste le quattro fonti di ispirazione che Paolo Sorrentino ha ringraziato al momento di ricevere il premio Oscar per La grande bellezza. Quantomeno disparate, hanno pensato in molti. Tanto che, a distanza di un paio di giorni, ecco in rete un divertente “generatore automatico di ringraziamenti per l’Oscar”.

Ringraziamenti
Ringraziamenti "alla Sorrentino"

Anche se a spiegare che i quattro qualcosa in comune ce l’hanno è stato lo stesso Sorrentino, in sala stampa appena dopo la premiazione. Sono (o sono stati) dei campioni nel loro campo. “Mi hanno insegnato tutti che cos’è un grande spettacolo, che è la base dello spettacolo cinematografico”.

Del resto, qualche traccia – e perfino un po’ di più – queste passioni l’hanno lasciata, tra i film e i libri del neo premio Oscar. Dal mondo del calcio – e per un napoletano e tifoso del Napoli il mondo del calcio è (anche) Maradona – che compare nell’Uomo in più, all’analisi di ipocrisie e legami sentimentali dell’Amico di famiglia, fino ai Talking Heads, a una cui canzone This Must Be The Place deve perfino il titolo, al ricordo della Dolce vita di Fellini è più che evidente (anzi, troppo, per i detrattori) nella Grande Bellezza.

This Must Be the Place
This Must Be the Place
E questo empireo eterogeneo, in fin dei conti, è meno incongruo di quanto possa sembrare. Perché un fil rouge che percorre le opere di Sorrentino c’è. E forse l’Oscar casca a pennello proprio ora, perché è in questo ultimo film che si palesa più che mai. Raccontato, dichiarato, verso il finale.

Finisce sempre così. Con la morte. Prima, però, c’è stata la vita, nascosta sotto il bla bla bla bla bla. È tutto sedimentato sotto il chiacchiericcio e il rumore. Il silenzio e il sentimento. L’emozione e la paura. Gli sparuti incostanti sprazzi di bellezza. E poi lo squallore disgraziato e l’uomo miserabile. Tutto sepolto dalla coperta dell’imbarazzo dello stare al mondo. Bla. Bla. Bla. Bla. Altrove, c’è l’altrove. Io non mi occupo dell’altrove. Dunque, che questo romanzo abbia inizio. In fondo, è solo un trucco. Sì, è solo un trucco.

Toni Servillo, alias Jep Gambardella
Toni Servillo, alias Jep Gambardella

Parole del protagonista, Jep Gambardella. Che, come il Cheyenne di This Must Be the Place – “non sto cercando me stesso. Sono in New Mexico, non in India” – non si cura dell’altrove. E che sembra non vedere il mondo tanto diversamente da Tony Pagoda, protagonista del romanzo opera prima dell’autore e dei racconti del suo secondo libro:

L’umanità, dunque, è miserabile. Non si discute su questo. Eppure, non è stato inventato ancora niente di meglio. Perché, quando si palpita, si palpita. Tutte le emozioni della vita non hanno senso. Si addizionano tra loro, incongrue, per accumulo. Compongono la vita, come una lista della spesa. E questo, infine, è il senso.

E forse è questo anche il senso dei ringraziamenti di Sorrentino. Che ci fanno venire in mente la canzone forse più famosa di Lucio Dalla.

vedi caro amico cosa si deve inventare
per poterci ridere sopra,
per continuare a sperare.
E se quest’anno poi passasse in un istante,
vedi amico mio
come diventa importante
che in questo istante ci sia anch’io.

E questo è quello che di questo Oscar italiano vogliamo portare con noi.



Gaten Materazzo la malattia, i denti, età e film
Celebrity

Gaten Matarazzo: la malattia, i denti, età e film

Cambiare lavoro a 50 anni, si può!
Lavoro

Cambiare lavoro a 50 anni, si può!

Migliori serie Amazon Prime Video da vedere
TV

Migliori serie Amazon Prime Video da vedere

Vendemmia 2020, le destinazioni perfette per chi ama il vino
Viaggi

Vendemmia 2020, le destinazioni perfette per chi ama il vino

Forest Bathing, cos'è e dove farlo in Italia
Viaggi

Forest bathing, il benessere arriva dagli alberi

In bici per (ri)scoprire l'Italia, dall'Alto Adige alla Riviera Romagnola
Viaggi

In bici per (ri)scoprire l’Italia, dall’Alto Adige alla Puglia

Massimo Marino chi è il marito di Roberta Bruzzone
Celebrity

Massimo Marino: chi è il marito di Roberta Bruzzone

Festa dei nonni la giornata mondiale è il 2 ottobre
Attualità

Festa dei nonni: la giornata mondiale è il 2 ottobre

Festa dei nonni la giornata mondiale è il 2 ottobre
Attualità

Festa dei nonni: la giornata mondiale è il 2 ottobre

La festa dei nonni si avvicina. Il 2 ottobre lo festeggeremo. Ecco un po’ di storia, come è nata la festa e come festeggiare i nostri nonni.

Leggi di più