Idee viaggio per il ponte dell’Immacolata all’estero

Alcune idee per un weekend lungo in Europa in città a misura d'uomo durante il ponte dell'Immacolata: dove si va? In Estonia, Polonia, Austria o Lapponia?

I nanetti di Wroclaw
I nanetti di Wroclaw in Polonia.

Ecco alcune idee per chi desidera trascorre il ponte dell’immacolata all’estero, per chi invece preferisce restare in Italia, ecco le nostre proposte.

Immacolata a Rovaniemi al villaggio di Babbo Natale

La Lapponia, regione della Finlandia, è una buona idea per chi ma le atmosfere natalizie e sfida il freddo.

Rovaniemi è il capoluogo di questo territorio, città dove il sole splende solo sei mesi l’anno e si ammirano magnifiche aurore boreali, esige una visita con vestiti appropriati per il freddo ma premia con un’atmosfera natalizia d’eccezione.

Nei giorni del ponte dell’Immacolata i turisti in viaggio con i più piccoli potranno realizzare il loro sogno di un incontro ravvicinato con Babbo Natale presso il suo Villaggio; tra le attrazioni la scuola elfica per carpire tutti i segreti di questi instancabili aiutanti. Presso l’ufficio postale del Santa Park potrete spedire le vostre cartoline col timbro originale di Santa Claus. Le attività che non entusiasmino solo i bambini sono i giri in motoslitta o sulle slitte trainati da husky per vedere lo spettacolo dell’aurora boreale e una visita al Museo Arkiktum dedicato alla storia della Lapponia e a questo magico fenomeno naturale.

Merita una visita anche lo zoo più a nord del mondo, il Wildlife Park di Ranua, dove potrete osservare le specie animali che vivono nelle grandi regioni del Nord.

A Lione per il festival delle luci

La tradizione si rinnova anche quest’anno con la Fête des lumières, una manifestazione che farà brillare la città dalle 18 di ogni sera per i quattro giorni del ponte grazie a circa 70 installazioni luminose straordinarie. Per tutte le informazioni sulla manifestazione consultare il sito web: www.fetedeslumieres.lyon.fr. Da segnalare il ponte adibito a nave illuminata (Passerelle abbé Couturier), un cielo di lanterne Haitiane in Rue de la Republique e un grande bicchiere di cocktail che si illumina a ritmo di musica installato in Place Saint – Nizier. Da non perdere il mercatino natalizio, ovviamente un trionfo di luci, in Place Carnot.

A Innsbruch, gioiello tra le Alpi

La città non è lontana da raggiungere dall’Italia in auto ed è un indiscusso centro per gli sport invernali. Per gli amanti della cultura Innsbruch offre un interessante mix di moderno e storico:  la  stazione funicolare progettata da Hadid e il celebre trampolino per il salto con gli scii per le passate olimpiadi invernali si fondono nel medesimo paesaggio urbano con dimore in stile gotico- medievale. L’Avvento resta uno dei periodi dell’anno migliori per godere la magia della città grazie ai mercatini di Natale che in Austria, si sa, sono sempre particolarmente curati.

L’atmosfera invita ad assaggiare il Kiachl, speciale krapfen locale di origini contadine fritto al momento e riempito a scelta con una farcitura dolce o salata. La vera attrazione speciale per chi si reca a Insbruck è però lo Swarovski Kristallwelten Store, dove scoprire la storia centenaria della lavorazione dei cristalli con l’intera gamma dei prodotti di gioielleria offerti. La visita permette di vedere alcune installazioni artistiche realizzate con i celebri cristalli. Meravigliosa la cascata all’esterno dello Store. Per tutte le info.

A Tallin, alla scoperta dell’est

Chi l’ha visitata la definisce moderna, accogliente e adatta per un break di un weekend- L’Estonia si rivela nella sua piccola capitale dal centro storico medievale.  Il centro storico di Tallinn è diviso in due: Toompea, la parte superiore o la collina della Cattedrale e Vanaliin, la parte bassa o Città Vecchia, storicamente la città antica. Perdetevi passeggiando nel centro e tra le chicche non perdetevi una delle farmacie più antiche d’Europa in piazza Raeaoteek al n.11;  in attività dal 1422. Si può visitare la sua piccola esposizione gratuita di cimeli storici. Sempre nel centro città, nel quartiere Toompea, si trova l’imponente cattedrale ortodossa  dalle cupole nere. Fate un salto poi in Piazza della Libertà dove si innalza la colonna Vittoria, 25 metri di altezza composta da lastre di vetro.

In Polonia a caccia di nani

la piccola città di Wroclaw, quest’anno è stata nominata capitale europea della cultura e capitale mondiale Unesco del libro; tante le iniziative culturali e gli eventi previsti per celebrare quest’onorificenza. Il centro storico di sviluppa sul fiume Odra e si estende su diverse isole, tra cui l’isola dove si trova la cattedrale. La peculiarità di questa cittadina nordica verrà notato presto da chi passeggia per il centro. La città è “invasa” da statuine” di nanetti di bronzo disseminati in angoli nascosti. ne troverete arrampicati ai pali, vicino agli ingressi delle chiese, nei parchi e strade pubbliche… ognuno con la sua personalità e il suo stile.  Molto divertente anche la vita notturna con decine di locali e ristoranti animati dalla folta schiera di studenti dell’università cittadina.


Vedi altri articoli su: Viaggi |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *