È morta Joan Rivers: attrice e comica irriverente

L'America piange una delle sue star più amate, leggenda della tv: una donna carismatica dallo stile e dal sarcasmo inarrivabili

Autoironia e grande stile: impossibile dimenticare Joan Rivers
Autoironia e grande stile: impossibile dimenticare Joan Rivers
  • Autoironia e grande stile: impossibile dimenticare Joan Rivers
  • Los Angeles: un fan lascia dei fiori in memoria di Joan Rivers
  • Il Gothan Comedy Club di New York rende omaggio all'attrice
  • La star in posa con il suo ultimo libro
  • Splendide insieme: Joan Rivers e sua figlia Melissa

È morta, all’età di 81 anni Joan Rivers, star della tv americana. Molti di voi se la ricorderanno a Fashion Police, il programma di E!Online, in cui commentava senza pietà e con irriverenza i look delle star, altri l’avranno vista sicuramente in questi giorni in un video virale in cui prendeva in giro Michelle Obama, definendola un trans. Non a caso una delle sue più celebri citazioni è: «Prendo in giro tutti, senza distinzione di razza, colore o religione».
La comica e conduttrice televisiva si è spenta al Mount Sinai Hospital di New York, dove era stata ricoverata in stato di coma farmacologico il 28 agosto scorso. La Rivers si era sottoposta ad un banale intervento alle corde vocali durante il quale però qualcosa era andato storto, la donna era andata in arresto cardiaco e poi in coma.

Ad annunciarne la morte è stata la figlia Melissa che, dopo esserle rimasta accanto in questi lunghi giorni di coma, ha chiesto a tutti coloro che la amavano di non piangere ma ridere, proprio come avrebbe voluto sua madre. La notizia della morte della comica, amatissima in tutta America, è stata accolta con sconcerto e grande tristezza da tutti i fans per i quali Joan Rivers era un vero mito. In 50 anni di carriera infatti è stata una fra le prime donne a salire su un palco e a far ridere il pubblico, superando anche il suo mentore, Johnny Carson.

Oggi tutti la ricordano come una donna che sapeva ridere di tutto e di tutti, senza alcuna distinzione. Tanto che, con grande autoironia, prendeva in giro se stessa per i troppi interventi di chirurgia plastica praticati negli anni.  Restano da chiarire le cause che hanno portato alla morte della conduttrice dopo un intervento alla gola che doveva essere di routine. Il dipartimento della Salute dello Stato di New York ha avviato un’indagine per chiarire cosa possa aver provocato quel terribile arresto cardiaco che ha strappato all’America una delle sue comiche più amate.

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *