Chiara Ferragni, indagato anche il suo braccio destro

30/01/2024

Non solo Chiara Ferragni. Nell’inchiesta della Procura di Milano sui pandoro e sulle uova di Pasqua, è indagato anche Fabio D’Amato, stretto collaboratore dell’influencer. L’ipotesi di reato è quella di truffa aggravata.

È quanto risulta dal provvedimento con il quale il procuratore generale della Corte di Cassazione ha deciso che, tra Cuneo e Milano, dovrà essere la Procura del capoluogo lombardo a indagare sul caso. Motivo: i contratti tra le società dell’influencer e l’azienda Balocco sono stati siglati in questa città.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Chiara Ferragni ✨ (@chiaraferragni)

“Chiara Ferragni ha rafforzato la sua immagine”

Dal provvedimento del pg della Corte di Cassazione si evince che la Procura di Milano starebbe accertando se Chiara Ferragni abbia rafforzato mediaticamente la sua immagine grazie alle operazioni legate ai pandoro Balocco, alle uova di Pasqua Dolci Preziosi e alle bambole Trudi.

In particolare, per i magistrati milanesi il “profitto” delle presunte truffe contestate a Chiara Ferragni potrebbe essere “consistito anche nel rafforzamento mediatico dell’immagine della influencer”. L’imprenditrice digitale, infatti, secondo gli investigatori potrebbe avere guadagnato “dal crescente consenso ottenuto veicolando una rappresentazione di se stessa strettamente associata all’impegno personale nella beneficenza”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Chiara Ferragni ✨ (@chiaraferragni)

L’inchiesta resta a Milano

Il procuratore generale della Cassazione ha deciso di lasciare a Milano l’indagine su Chiara Ferragni sulla base del criterio “suppletivo” sul luogo in cui sono stati siglati i contratti fra l’azienda dolciaria dei pandoro Balocco e le società dell’influencer: Fenice srl e TBS Crew srl.


Leggi anche: Pandoro farcito con crema pasticcera e cioccolato

Prima di decidere, il magistrato avrebbe studiato a fondo il fascicolo, ricevuto circa due settimane fa, e la memoria depositata dal procuratore aggiunto di Milano, Eugenio Fusco. Da quest’ultima risulta che i magistrati hanno acceso i fari anche sui casi di “beneficenza” delle uova di Pasqua Dolci Preziosi e sulla bambola Trudi. Chiara Ferragni, che ha appena trascorso una vacanza sulla neve con gli amici, finora si è detta serena e fiduciosa nella giustizia.

Foto copertina: Credit Agenzia Fotogramma