Caramelle alla placenta: l’ultima passione delle star

08/12/2023

L’ultima passione delle celeb? Le caramelle alla placenta. Kim Kardashian ne va pazza, January Jones le ha usate per combattere la depressione post-partum, Alicia Silverstone le ha definite “un dono della natura”.

Si tratta di caramelle gommose o dure, aromatizzate con frutta o spezie, che contengono una percentuale di polvere di placenta umana, l’organo che nutre il feto durante la gravidanza e che viene espulso dopo il parto. Ma perché mai queste star vorrebbero mangiare la propria placenta, e soprattutto trasformarla in caramelle? E quali sono i rischi e i benefici di questa pratica?

Le origini della placentofagia

La placentofagia, ovvero il consumo della placenta, è una pratica molto antica e diffusa in molte culture, soprattutto asiatiche e africane. Si ritiene che la placenta abbia proprietà benefiche per la salute della madre e del bambino, come favorire la produzione di latte, prevenire la depressione post-partum, accelerare il recupero fisico e rafforzare il legame tra madre e figlio.

Inoltre, la placenta è considerata un simbolo di vita e di fertilità, e in alcune tradizioni viene sepolta o usata in rituali sacri.

Caramelle alla placenta, ci sono rischi?

Tuttavia, non esistono prove scientifiche che confermino questi effetti positivi della placentofagia. Al contrario, ci sono alcuni rischi potenziali, come la trasmissione di infezioni, la contaminazione da sostanze tossiche, la reazione allergica o l’overdose di ormoni. Per questo motivo, la placentofagia non è raccomandata dalle autorità sanitarie, che sconsigliano anche di conservare la placenta in casa o di affidarla a terzi per la trasformazione.


Leggi anche: Placenta anteriore: tutto quello che devi sapere

Caramelle alla placenta: come si fanno

Le caramelle alla placenta sono una forma di placentofagia più “dolce” e appetibile, che si può fare in casa o acquistare da aziende specializzate, che offrono anche altri prodotti a base di placenta, come tisane, capsule, tinture o creme. Per fare le caramelle alla placenta, si deve prima essiccare la placenta in un forno o in un essiccatore, poi frullarla e setacciarla per ottenere una polvere fine. Questa polvere si può poi mescolare con zucchero, gelatina, aromi e coloranti per creare delle caramelle gommose o dure, a seconda del gusto.

Perché le celeb le amano

Le celebrity che usano le caramelle alla placenta lo fanno per vari motivi, spesso influenzate da altre star o da fonti non ufficiali. Alcune credono che le caramelle alla placenta possano aiutarle a recuperare le energie, a migliorare l’umore, a stimolare la produzione di latte e a prevenire l’anemia.

Altre pensano che le caramelle alla placenta possano favorire la bellezza della pelle, dei capelli e delle unghie, e contrastare l’invecchiamento. Altre ancora ritengono che le caramelle alla placenta siano un modo per onorare il proprio corpo e il proprio bambino, e per sentirsi più vicine a loro.

Le opinioni degli esperti

Cosa ne pensano gli esperti di questa tendenza? La maggior parte degli ginecologi, ostetrici e pediatri si dichiara contraria alla placentofagia, sia sotto forma di caramelle che di altri prodotti. Gli esperti ritengono che la placenta sia un organo di scarto, che ha svolto la sua funzione durante la gravidanza e che non ha alcun valore nutrizionale o terapeutico dopo il parto. Inoltre, avvertono che la placenta può essere contaminata da batteri, virus, funghi, metalli pesanti, pesticidi o farmaci, che possono essere dannosi per la madre e per il bambino.

Infine, gli esperti sottolineano che la placenta contiene ormoni, come l’estrogeno e la progesterone, che possono interferire con il normale equilibrio ormonale della donna e causare effetti indesiderati, come acne, irsutismo, cefalea o sanguinamenti. Il consiglio è di informarsi bene prima di decidere di usarle, e consultare sempre il proprio ginecologo o pediatra in caso di dubbi o problemi.


Potrebbe interessarti: La placenta previa, quello che c’è da sapere

 

Foto copertina: Unsplash