Angelina Jolie incontra Papa Francesco

La Signora Pitt ha incontrato questa mattina Papa Francesco, in occasione della presentazione della pellicola dedicata a Louis Zamperini

08/01/2015

E’ atterrata a Roma ieri, 7 Gennaio 2015, insieme a Zahara e Siloh, due dei suoi figli. Angelina Jolie è venuta in Italia per presentare il suo Unbroken, film dedicato alla vita di Louis Zamperini, morto a 97 anni lo scorso anno.

Il ricordo di una vita ricca ed incredibile

[dup_immagine align=”alignleft” id=”151510″]Ammirato da Hitler alle Olimpiadi di Berlino per le sue imprese da mezzofondista (fu ribattezzato dagli americani “Torrance Tornado”), Zamperini è sopravvissuto agli squali quando il suo areo precipitò nelle acque del Pacifico e perfino alle torture, una volta catturato dai giapponesi durante la Seconda Guerra Mondiale, fu dato per disperso prima, considerato morto poi e invece tornò a casa salvo per sposare l’amore della sua vita: Cynthia. Un uomo dalla vita difficile e un grande esempio umano per la sua capacità di perdono nei confronti del prossimo.

Angelina si è appassionata alla sua storia, ha avuto modo di stringere amicizia con Louis quando era ancora in vita e ha deciso di vestire per la seconda volta i panni di regista per raccontare il suo percorso, trasformando in sceneggiatura il libro scritto da Laura Hillenbrand Sono ancora un uomo. Una storia epica di resistenza e coraggio.

L’incontro in Vaticano

Si è incontrata ieri con il figlio di Zamperini, Luke e travolta dall’emozione è stata ricevuta anche da Papa Francesco. Insieme hanno guardato la pellicola e Angelina, commossa, ha commentato così l’incontro con il Pontefice: ‘Essere invitata con il mio film in Vaticano è un onore oltre che un grande tributo per la storia che ho raccontato in Unbroken, la vicenda dell’eroe “Louie” è un grande esempio di forza e perdono“.

[dup_immagine align=”aligncenter” id=”151513″]

Per la Signora Pitt, già nota per il suo impegno umanitario come ambasciatrice per L ‘Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR)  si è trattato dell’ennesima occasione per dimostrare la sua sensibilità e la profondità dei suoi valori, chiudendo in un cassetto i ricordi di un’ Angelina ribelle, che sembra essere parte di un passato lontano e ormai dimenticato.


Leggi anche: La vera storia del presepe