Benvenuta Royal Baby Girl, William e Kate genitori di una bambina: si chiamerà Diana?

L'atteso lieto evento ha calamitato l'attenzione di media, scommettitori, sudditi britannici e cittadini di tutto il mondo: è nato il secondogenito di William e Kate

William e Kate genitori
William e Kate genitori: è nato il secondo royal baby

Il principe William e la moglie Kate Middleton sono diventati genitori per la seconda volta: il secondo royal baby d’Inghilterra, una femminuccia di 3,7 kg, è nata il 2 maggio 2015.

Il principino George con papà William
In centinaia tra giornalisti e semplici curiosi hanno atteso il lieto evento di fronte al St. Mary Hospital di Paddington, nel cuore di Londra, la struttura da 6mila sterline al giorno dove Kate Middleton è stata ricoverata in vista del parto e laddove partorì anche Lady Diana. Anche il principino George è stato portato in visita alla madre dal principe William, accolto dai flash dei fotografi cui ha sorriso ed elargito saluti.

La nascita è stata accolta come un momento di grande speranza dal popolo inglese. Il royal baby 2 era atteso già in occasione dell’89esimo compleanno della regina Elisabetta, il 21 aprile: una coincidenza che, se si fosse verificata, avrebbe mandato in delirio i fan della monarchia.

Invece c’è voluto un po’ di tempo in più perché la piccola venisse al mondo: “Sua altezza reale la duchessa di Cambridge ha dato alla luce una bambina alle 8.34 del mattino” ha fatto sapere un tweet da Kensington Palace, aggiungendo che madre e figlia stanno bene. Sul profilo sono apparse anche le prime foto della famiglia reale insieme alla piccola: ecco Kate, vestita di bianco e giallo, mostrare al mondo la sua secondogenita.

Già negli ultimi mesi sull’arrivo del secondo figlio di William e Kate si sono sprecate le teorizzazioni sociologiche sulle ricadute dell’evento: addirittura si stima una crescita del prodotto interno lordo come effetto della nascita del secondo royal baby, soprattutto in caso di fiocco rosa. Le stime per l’economia britannica parlano di una crescita pari ad un miliardo di sterline. Come a dire che, al di là dei costi enormi che comporta, la monarchia è ancora capace di generare valore economico per la società inglese.

L’annuncio della gravidanza della duchessa di Cambridge è arrivato lo scorso 8 settembre 2014: già genitori del piccolo George, nato il 22 luglio 2013 e terzo in linea di successione al trono dopo nonno Carlo e papà William, la coppia reale ha ufficializzato l’attesa del loro secondo figlio col tradizionale bollettino su un cavalletto posizionato davanti ai cancelli di Buckingham Palace. Ma nell’era dei social network anche Twitter e Facebook hanno fatto la loro parte nel far sapere al mondo del nuovo bebé reale in arrivo: ormai utilizzati regolarmente per le comunicazioni ufficiali ai sudditi di Sua Maestà, i profili ufficiali della monarchia e quello di di Clarence House (residenza di Carlo e Camilla) hanno ospitato l’annuncio della gravidanza di Kate.

La scelta del nome sarà nota, come di consueto, solo tra qualche giorno. nel frattempo impazza il toto-scommesse: alla vigilia del parto i nomi più gettonati sono Alice, Charlotte o Elizabeth nel caso di una bimba, James o Arthur erano invece in lizza nel caso in cui fosse nato un altro maschio.

Quel che pare certo è che la scelta non ricadrà né su Elizabeth in omaggio alla Regina né su Diana, la compianta madre di William ed Harry: simbolo di una femminilità controcorrente, capace di rompere le etichette e i protocolli più rigidi, la sua ombra continua ad aleggiare su una monarchia che negli anni ha conosciuto consensi in caduta libera e che oggi trova proprio in William e Kate i volti più freschi e credibili. Oggi Lady D avrebbe 53 anni, se quel terribile e controverso incidente nella galleria sotto il Ponte de l’Alma a Parigi non avesse stroncato la sua giovane vita insieme a quella del compagno Dodi Al-Fayed e dell’autista dell’autovettura Henri Paul.

Dopo il parto, Kate e William resteranno per qualche giorno con i due figli a Kensington Palace, prima di trasferirsi ad Anmer Hall, la residenza di campagna che è la loro seconda casa. Il principe avrà solo due settimane di congedo di paternità, come tutti i lavoratori britannici: già pratico del cambio del pannolino, non disdegnerà le notti in bianco al fianco della moglie Kate nei primi giorni dopo il parto.

La neonata principessa, già ribattezzata Royal Baby Girl, è quarta in linea di successione al trono: prima ci sono nonno Carlo, papà William e il fratello maggiore George. La nascita prima delle elezioni politiche in programma il 7 maggio è stata accolta come un segnale incoraggiante dai conservatori, che potrebbero trarre vantaggio dal rinnovato senso di orgoglio nazionale degli inglesi, con possibili ricadute nelle urne.

 


Vedi altri articoli su: Celebrity |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *