Egocentrismo: un bene o un male?

Mettersi al centro del mondo attira le ostilità degli altri, ma non è per forza un difetto

egocentrismo e vanità

L’egocentrismo non è per forza un difetto: sentirsi al centro del mondo dona maggiore consapevolezza, malgrado presenti effetti collaterali non spesso piacevoli, con ripercussioni terribili sul rapporto con gli altri. Nell’accezione della psicanalisi classica è egocentrico chi si pone al centro di ogni accadimento e considera la sua percezione come unica o prevalente, lasciando poco spazio al punto di vista altrui. Questo atteggiamento mentale è tipico del bambino piccolo che ne ha un’istintiva necessità, perché non ha ancora sviluppato la socializzazione, con la conseguente scoperta degli altri. Crescendo capirà di essere al mondo insieme ad individui differenti da lui e, se è fortunato e maturo, comprenderà diventando grande che la diversità non è gerarchica, ma piuttosto un elemento di ricchezza.

Un adulto egocentrico quindi assume dei comportamenti che possono essere fastidiosi anche perché ha un comportamento innaturale e infantile: per sentirsi al centro ha necessità di guadagnare l’autorità, mantenere il dominio, perché non riesce a sviluppare l’empatia e non si mette mai nei panni altrui. Questa incapacità lo porta a non aiutare nessuno e a dover gestire problemi relazionali perfino con le persone più care. A ben guardare la chiusura da e verso l’esterno riserva anche aspetti paradossalmente positivi, perché quello che non si prova non può far soffrire. A volte l’egocentrico è talmente concentrato su se stesso che vorrebbe addirittura che tutti gli altri pensino ai suoi problemi e vedano le cose solo dalla sua prospettiva.

selfie ed egocentrismo
Se poi si aggiungono atteggiamenti narcisistici la combinazione diventa ancora più problematica: in questo caso essere al centro significa sentirsi indubbiamente migliori, più in gamba e più belli degli altri, magari condividendo post sui social network e traendo soddisfazione dalle interazioni/venerazioni anche dagli sconosciuti. Questo lato dell’egocentrismo non fa poi tanto male all’autostima: se è vero che vantarsi non attira la simpatia, è altrettanto provato che chi si “autoincensa” ha meno timore di affrontare le situazioni e le persone. Chi non fa altro che raccontare i suoi successi è infantile, un po’ odioso, ma probabilmente lo fa per stare bene con se stesso. Questa “finta” serenità deriva però dal non riuscire ad entrare in sintonia con chi lo circonda, non aver mai provato a condividere nel vero senso della parola un’emozione o un evento. La collocazione su un “trono centralizzato” comporta un senso di solitudine che per alcuni è gradevole, ma per molti altri è un fardello pesante da sopportare, persino al centro dell’universo.


Vedi altri articoli su: Myself |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *