Cucina, 5 colori da evitare: i motivi

07/12/2023

La cucina è il cuore della casa, il luogo dove si preparano i pasti, si condividono le emozioni e si trascorrono momenti di convivialità con le persone che amiamo. Per questo motivo, la scelta dei colori della cucina è molto importante, perché influisce sull’umore, sullo stile e sull’armonia dell’ambiente.

Tuttavia, non tutti i colori sono adatti alla cucina, soprattutto se si vuole avere una superficie facile da pulire e da mantenere nel tempo. Ecco cinque colori che sarebbe meglio evitare e perché.

Gli svantaggi del bianco

Il colore della purezza, della luminosità e della semplicità. Molte persone lo scelgono per la cucina perché dà un senso di spaziosità e di pulizia. Tuttavia, il bianco ha anche diversi svantaggi: si sporca facilmente, mostra ogni macchia e ogni graffio e richiede una pulizia costante e accurata. Inoltre, può risultare freddo e anonimo, se non abbinato ad altri colori o a elementi decorativi.

Il nero in cucina? Ecco perché no

Il colore dell’eleganza, della raffinatezza e del contrasto. In cucina potrebbe dare un tocco di modernità e di design. Tuttavia, il nero assorbe la luce, rendendo la cucina più buia e meno accogliente, e mostra ogni impronta, ogni polvere e ogni alone. Inoltre, può risultare pesante e opprimente, se non abbinato ad altri colori o a elementi luminosi.


Leggi anche: Organizzare la cucina: ma come organizzarla in modo funzionale?

Rosso, quante tentazioni!

Il colore della passione, dell’energia e della vitalità. Molte persone lo scelgono per la cucina perché dà un senso di calore e dinamismo. Perché sarebbe meglio evitarlo? Stimola l’appetito, rendendo più difficile resistere alle tentazioni. Inoltre crea uno stress visivo, aumentando la pressione sanguigna e il battito cardiaco. Può risultare aggressivo e invadente, se non abbinato ad altri colori o a elementi neutri.

Giallo, in cucina si sporca facilmente

Il colore della gioia, della creatività e della comunicazione. In cucina dà un senso di allegria e di ottimismo. Tuttavia, si sbiadisce facilmente, perdendo la sua brillantezza, e si macchia facilmente, soprattutto con le sostanze grasse e oleose. Inoltre, può risultare eccessivo e stancante, se non abbinato ad altri colori o a elementi sobri.

Verde, che monotonia!

Il colore della natura, della freschezza e della tranquillità. In cucina dà un senso di armonia e di benessere. Ma si sporca facilmente, soprattutto con le sostanze organiche e vegetali, e richiede una pulizia frequente e approfondita. Inoltre, può risultare monotono e noioso, se non abbinato ad altri colori o a elementi vivaci.

Ma una soluzione c’è

Ovviamente, evitare questi colori non è una regola assoluta. Chi ama particolarmente uno di essi, può sempre scegliere di usarlo in piccole dosi, magari su un solo elemento della cucina, come una parete, una credenza o un elettrodomestico. Oppure, si può optare per tonalità più chiare o più scure, che ne attenuano gli effetti negativi. L’importante è creare una cucina che rispecchi il proprio gusto, il proprio stile e la propria personalità.

Foto copertina: Unsplash