Come lavare il cotone

E' il tessuto più diffuso, dunque sono gli indumenti più numerosi nel nostro cesto della biancheria sporca: vediamo come mantenerli puliti e sempre al top.

Può sembrare una cosa facile mantenere belli e splendenti i nostri capi in cotone, lavaggio dopo lavaggio. E difatti non è un’impresa ardua, basta seguire pochi ma preziosi consigli per non incorrere in brutte sorprese, tipo colori stinti e capi improvvisamente ristretti. Una regola generale è quella di separare gli indumenti da lavare in base al colore e di seguire attentamente le indicazioni sull’etichetta.

Il lavaggio perfetto

Prima regola d’oro: i capi di cotone vanno, o meglio, andrebbero lavati sempre a mano proprio per evitare che le fibre si restringano nella fase del lavaggio e dell’asciugatura. Certo, non proprio una notizia piacevole per chi, come oggi spesso accade, ha poco tempo a disposizione per i lavori di casa, ma tant’è se non vogliamo ritrovarci con magliette e canottiere improvvisamente di taglia XXS. Lavare a mano, dunque, e in acqua fredda, senza usare saponi particolari e steso in un luogo non eccessivamente soleggiato. Se ci troviamo di fronte a uno sporco veramente sporco allora usiamo pure dei prodotti smacchianti, magari trattando soltanto i punti macchiati, anche usando la comune acqua ossigenata oppure l’aceto. Altro trucchetto per evitare che l’indumento in cotone si restringa consiste nel lavarlo in acqua fredda usando come sgrassante il borotalco che formerà una sorta di crema molto utile nel quale il capo deve restare in ammollo per un paio d’ore. Poi risciacquiamo abbondantemente e facciamo asciugare in casa. Quando dobbiamo lavare capi non d’abbigliamento, tipo lenzuola e simili, possiamo usare anche prodotti diversi visto che in questo caso l’eventuale restringimento non ne pregiudicherà l’utilizzo.

Lavaggio in lavatrice

Le moderne lavatrici sono dotate di programmi di lavaggio delicato che trattano come si deve anche i capi di cotone, l’importante è lavarli a una temperatura massima di 30°, con risciacquo breve e centrifuga ridotta allo stretto necessario. Per gli indumenti più delicati, per esempio biancheria intima, alcuni consigliano di lavarli al rovescio e all’’interno di un apposito sacchetto specifico per i lavaggi in lavatrice. Si consiglia di usare detersivo liquido, ovviamente delicato, e l’ammorbidente.

 


Vedi altri articoli su: Consigli per la casa |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *