Piante in camera da letto: quali scegliere

Secondi numerosi studi tenere delle piante in camera da letto concilierebbe il sonno e favorirebbe il benessere. Ecco alcuni esemplari da scegliere.

Nonostante vecchie leggende metropolitane indicassero che mettere le piante in stanza da letto fosse nocivo per la salute, recenti studi hanno dimostrato che certe piante da interni migliorano la qualità del sonno, purificano l’aria, e riducono i livelli di stress.

Aloe Vera

L’Aloe Vera è una pianta succulenta appartenente alla famiglia delle Aloaceae, molto facile da mantenere in vita, che richiede poca acqua e che non va mai potata. Risulta ottima da mettere in camera da letto, perché rilascia continuamente ossigeno e agisce contro le tracce di formaldeide, ammoniaca, xilene e tuolene.

Spatafillo

Si tratta di una pianta sempreverde che ama il clima caldo e umido ed è piuttosto semplice da coltivare. Molto graziosa per via delle sue foglie verdi lucenti e i suoi fiori bianchi, lo Spatafillo riduce i livelli di tossine nell’aria. Unico accorgimento: se avete cani e gatti in casa, evitate di tenere questa pianta perché risulta tossica per loro.

Pothos

Pothos.

Un altro esemplare da scegliere è sicuramente il Pothos, poiché ha la capacità di purificare l’aria dalle tossine nocive, in particolare formaldeide e benzene. Si tratta di una pianta erbacea originaria delle isole del Pacifico, molto facile da coltivare e che sopravvive anche in luoghi bui.

Edera

Uno dei motivi per cui anche l’edera è una delle piante adatte da mettere in camera da letto (e non solo in terrazza) è il fatto che aiuta a ridurre la muffa nell’aria fino al 94%. Un’altra rilevante caratteristica è la capacità di assorbire gli agenti inquinanti, soprattutto la formaldeide.

Lavanda

Se decidete di mettere una pianta di lavanda in camera, dite pure addio ad ogni altro tipo di essenza o di profumatore. Si tratta di un ottimo rilassante naturale che aiuta a ridurre l’insonnia, lo stress e l’ansia.

Dracena Marginata

Se siete fumatori (ecco come smettere), la Dracena Marginata è proprio la pianta ideale da mettere nella stanza da letto. Questa pianta infatti, riesce a risucchiare anche le particelle del fumo dannose per la salute. Inoltre, si tratta di una pianta molto resistente e che richiede poche cure, quindi perfetta per chi non ha il pollice verde.

Areca

Altra pianta adatta alla camera da letto è senz’altro l’Areca, una tipologia sempreverde che appartiene alla famiglia delle Arecaceae. Questa pianta è in grado di assorbire sostanze tossiche come lo xilene, il toluene e la formaldeide e di umidificare l’ambiente.

Maranta

Anche la Maranta è perfetta come pianta da camera da letto. Si tratta di un arbusto sempreverde originario delle zone tropicali americane con un fogliame variegato nelle tonalità di verde, grigio, rosa e rosso-porpora che funzionano come potenti filtri naturali e che la rende una pianta molto decorativa.

Pilea

Una piantina sempreverde succulenta ideale per la camera da letto è la Pilea o pianta delle monete cinesi (per via della forma delle sue foglioline). Molto facile da coltivare, questa pianta a portamento cespuglioso occupa poco spazio, è ornamentale, minuta ed essenziale e una delle piante che va più di moda oggi.


Vedi Anche


Ti potrebbe interessare anche

Come arredare il terrazzo in stile Grecia
Arredamento

Come arredare il terrazzo in stile Grecia

Arredamento

Come arredare il vostro giardino in stile Marocco

Giardino salotto esterno: idee su come crearlo
Arredamento

Giardino salotto esterno: idee su come crearlo

Piante per il bagno: quali sono le più adatte
Arredamento

Piante per il bagno: quali sono le più adatte

Arredamento

Come sistemare i quadri sulla parete: alcune soluzioni

Arredamento

Urban jungle: 3 idee per il salotto

Arredamento

Parete dietro il letto, 3 soluzioni per rinnovarla

Arredamento

5 idee per un ingresso moderno

Tutti pazzi per le scope elettriche senza fili: ma convengono?
Elettrodomestici

Tutti pazzi per le scope elettriche senza fili: ma convengono?

La popolarità delle scope elettriche senza fili, alimentate cioè a batteria, non ha fatto che crescere negli ultimi anni. Ma convengono?

Leggi di più