Occhi stanchi davanti al computer: esercizi e rimedi

I consigli e gli accorgimenti per una vista riposata anche dopo tante ore al computer

stanchezza occhi al computer

Difendere la vista dalle ore trascorse davanti al computer è indispensabile se non si vuole andare incontro a spiacevoli inconvenienti come la Computer Vision Syndrome (CVS), una vera e propria patologia che possiamo considerare “figlia” dell’epoca moderna e che colpisce un numero sempre più crescente di persone, compresi i ragazzi che usano quotidianamente il pc, per studio o per gioco. Il tempo che spediamo davanti allo schermo di un pc è davvero tanto, che sia per motivi di lavoro o meno, quindi è importante assumere delle sane abitudini nell’arco della giornata che permettono di mantenere la vista sana, evitando così disturbi più o meno fastidiosi, come gli occhi secchi e stanchi che causano inevitabili mal di testa, emicranie e intorpidimenti del collo. Sforzare la vista infatti comporta una serie di problemi anche ad altri parti del corpo e dell’apparato scheletrico, quest’ultimo costretto spesso ad assumere anche posizioni sbagliate e posture pericolose. Se fate parte della folta schiera dei lavoratori al computer allora i consigli che vi stiamo per dare sono per voi!

“Regole” ed esercizi semplici per la vista

Innanzitutto è importante sapere che quando si sta seduti davanti al computer bisogna stare ad una distanza di sicurezza di circa 50/80 cm dallo schermo e che è altrettanto necessario adottare un tavolo di appoggio ed una seduta ergonomici e comodi per lavorare diverse ore senza assumere posizioni scorrette. In secondo luogo, è consigliato ogni mezz’ora circa distogliere lo sguardo dallo schermo e fissare un oggetto lontano per diversi secondi in questo modo si da la possibilità agli occhi di riprendere contatto con la realtà circostante e di allungare la vista tenendola allenata. Sarebbe l’ideale fissare un paesaggio fuori dalla finestra… Altro piccolo esercizio che può risultare benefico per la vista è quello di “pulire” gli occhi strizzandoli a mo’ di occhiolino, in questo modo si agevola la lacrimazione e si impedisce la secchezza. Far roteare gli occhi, inoltre, serve per mantenere allenati i muscoli extra orbitali, mentre appoggiare con lieve pressione i palmi delle mani sugli occhi chiusi serve a rilassare la vista affaticata. Si tratta di gesti semplici e naturali che nell’arco della giornata andrebbero fatti assiduamente per ottenere giovamento.

Rimedi naturali per occhi stanchi

Anche la natura viene in aiuto con impacchi delicati  a base di cetrioli o tè nero, entrambi rinfrescanti e decongestionanti, adatti per defaticare lo sguardo stanco ma anche per sgonfiare le palpebre gonfie. Perfetti sono i colliri a base di camomilla, eufrasia o malva.


Vedi altri articoli su: Salute |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *