Ludopatia, un disturbo dilagante tra giovani e adulti

Un fenomeno che coinvolge sempre più persone a ogni età. Vediamo come riconoscerne i sintomi e come curarla

gioco azzardo

Il gioco d’azzardo patologico è un problema veramente serio che investe ogni ceto sociale e purtroppo adulti e anche giovani.
Oggi è anche legalizzato dallo Stato che con la sua pubblicità su gratta e vinci, lotterie che promettono la fortuna e giochi più pesanti come quelli on line e scommesse di vario genere rovinano intere famiglie per non citare le classiche slot-machine presenti in quasi tutti i bar che catalizzano anche l’attenzione anche di adolescenti che possono tranquillamente spendere i loro soldi indisturbati.
Questo disturbo rientra a tutti gli effetti nella categoria diagnostica dei disturbi del controllo degli impulsi. È paragonabile a una forma di dipendenza in quanto il giocatore non riesce a fare a meno di giocare. Anche se perde cerca di recuperare il giro successivo puntando ancora più soldi. Inoltre ci sono una serie di altri problemi secondari a questo devastante impulso come la ricerca continua di denaro, il ricorrere a prestiti ad amici e colleghi con la promessa fasulla di restituzione.

Ludopatia in Italia

Tra gli uomini in genere il disturbo inizia negli anni dell’adolescenza, mentre nelle donne inizia più tardi, verso i 20-40 anni, per prolungarsi anche da anziane quando i soldi puntati sono quelli della propria pensione.
I giovanissimi sono anch’essi presenti nelle stime e percentuali di questo fenomeno. Sono eccitati dalla dimensione illusoria di onnipotenza che deriva dal gioco compulsivo, specialmente online dove è più facile superare i divieti dovuti alla minore età, e costituiscono dunque più di altre fasce d’età una categoria a rischio di soggetti facilmente definibili come giocatori patologici. Per fortuna, in base ai dati dell’istituto di fisiologia clinica del consiglio nazionale delle ricerche (Ifc-Cnr) di Pisa, negli ultimi 5 anni c’è stata un’inversione di tendenza e si è registrato un calo di interesse da parte degli studenti.

Sintomi

Quali sono le caratteristiche che possiede il giocatore d’azzardo? Il soggetto con questo disturbo è spesso irascibile, aggressivo e totalmente preso nella spirale di come riuscire a procurarsi i soldi per l’ennesima giocata, mandando letteralmente in rovina economicamente la famiglia. I rapporti sociali e affettivi con i propri partner si deteriorano fino all’isolamento. Sono ottimi bugiardi e nascondono spesso e volentieri le loro reali intenzioni o fanno promesse che non riescono a mantenere quasi mai.

Come uscirne

Come si possono aiutare soggetti affetti da ludopatia? In alcune regioni i Sert (servizi per le dipendenze patologiche delle Asl) hanno messo a disposizione equipe multidisciplinari composte da medici, psicologi,assistenti sociali, ecc.. per far fronte al dilagare di questo fenomeno e per essere un punto di riferimento importante per chi soffre di questo problema e per le numerose famiglie che si trovano letteralmente sul lastrico a causa di questo disturbo. È importante uscire dall’isolamento e lasciarsi aiutare.

Dottoressa Sara Ronchi
psicologasararonchi@virgilio.it


Vedi altri articoli su: Myself | Salute |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *