5 formaggi senza lattosio

Anche se soffri di intolleranza al lattosio puoi comunque consumare alcuni formaggi. Ecco qualche esempio e qualche ricetta davvero sfiziosa

5 formaggio senza lattosio

Lintolleranza al lattosio è una patologia molto comune che riguarda l’incapacità di alcuni soggetti di digerire il lattosio, ossia lo zucchero principale contenuto nel latte. Questa è determinata da una mancanza di lattasi, un enzima che lavora il lattosio trasformandolo in zuccheri semplici per farli assorbire dal tratto gastrointestinale.
I sintomi di questo disturbo sono molto facili da riconoscere, solitamente basta consumare solo qualche alimento derivato dal latte per essere vittime di fastidiosi problemi di digestione, gonfiore addominale, meteorismo e fortissimi dolori di stomaco. Molti però non sanno che anche le persone che soffrono di intolleranza al lattosio possono consumare alcuni formaggi.

Senza lattosio

Chi soffre di tale intolleranza dunque non deve necessariamente eliminare qualsiasi prodotto caseario dalla sua tavola, perché rischierebbe di sviluppare dei problemi dovuti alla carenza del calcio nella dieta quotidiana. Basta scegliere meglio i formaggi da consumare e mangiarli nelle dosi indicate. Abbiamo già parlato del gorgonzola, vediamone altre:

  • Parmigiano: i formaggi stagionati a lungo, al contrario di quelli a pasta molle, presentano un basso contenuto di lattosio pari quasi a zero. Questa tipologia di formaggi fornisce più di 1300 mg di calcio ogni 100 grammi, dunque un consumo regolare può aiutare a supplire la carenza di latte dovuta alla mancata assunzione dei latticini. Oltre al parmigiano reggiano puoi consumare anche il grana padano. Prova allora gli sformatini vegetariani di parmigiano reggiano.
  • Pecorino: lo stesso discorso vale per il pecorino, che fornisce una buona quantità di calcio e può essere consumato tranquillamente. In generale, anche chi soffre di una forma grave di intolleranza, può assaporare senza problemi qualsiasi tipologia di formaggio con una stagionatura di oltre 36 mesi. A questo punto concediti un classico ovvero gli spaghetti cacio e pepe.
  • Provolone: anche questo formaggio ha subito una lunga stagionatura quindi presenta un quantitativo nullo di lattosio, dovuto al processo di lavorazione e puoi mangiarlo tranquillamente senza problemi.
  • Feta: è leggera, fresca e gustosa, ma soprattutto contiene pochissimo lattosio. Mangiala nelle insalate (come l’insalata greca o l‘insalata di quinoa con verdure e feta) o a tocchetti nella pasta per assumere il giusto quantitativo di calcio necessario per il benessere delle ossa e dei muscoli.
  • Tofu: si tratta di un formaggio preparato con la cagliatura del latte di soia (e non dal latte) per questo è adatto anche a chi presenta un’intolleranza al lattosio. La realizzazione è molto simile a quella degli altri prodotti caseari, il sapore è un po’ particolare, ma piacevole. Con la nostra ricetta potete fare il tofu in casa, scoprite come!


Vedi altri articoli su: Salute |

Commenti

  • Rosanna

    Ormai si sa che il calcio dei latticini non é assimilabile e come addirittura depauperi le riserve di calcio del corpo umano. Il paese che consuma piú latte al mondo é la scandinavia, infatti presenta anche il tasso di incidenza di osteoporosi piú alto del mondo. Inoltre nel formaggio (in tutti i latticini) é presente la caseina che innesca il tumore (china study). Quindi pare proprio che non sia vero che il latte faccia bene e soprattutto il calcio del latticino é fasullo: non incrementa assolutamente il calcio nelle ossa! Lo toglie!!!!

  • Annalisa

    Chi è intollerante al lattosio, può mangiare alimenti che ne contengano solo tracce? O è meglio evitare?

  • Annalisa

    Quanto copre la pillola silact fast prima dell assunzione di latticini?

  • Ugo

    Scusate se mi intrometto, sono uomo e non donna, ma l’argomento “lattosio” riguarda tutti. Io soffro di grave intolleranza al lattosio, caseina e latticini in genere ed ho provato di tutto, anche le soluzioni da voi espresse, ma con esito negativo. Addirittura ho provato un formaggio stagionato (12-18 mesi) “senza lattosio” o meglio con contenuto di 0,01 (percentuale che permette ai produttori di formaggi di poterlo indicare “senza lattosio”) ed anche questo mi ha dato dei problemi non così forti come gli altri (per due volte mi hanno dovuto portare al pronto soccorso). Ho parlato telefonicamente con la D.ssa del reparto ricerca di quel produttore ed alla fine mi ha consigliato di non mangiare neppure il loro formaggio e mi ha detto che le stagionature lunghe dei formaggi non eliminano assolutamente il lattosio.

  • Paolo

    Scusate, perchè non provate i formaggi vegetali a base di anacardi (senza derivati latte): zero glutine, zero colesterolo, zero lattosio, zero caseina… ? Si chiamano “fromaggi” e sono prodotti a Roma: sono sia spalmabili che stagionati…

  • Fabio

    ha h ahaha hahahaha i formaggi a base di anacardiii ahah ah ah ah ah ,quella e’ la schifezza delle schifezze ,se volete un consiglio nelle erboristerie non entrate proprio !!! L’uomo ha bisogno per il suo nutrimento ed e’ indispensabile per la salute vi faccio l’elenco. : CARNE NATURALE GENUINA COL GRASSO GIALLO, PESCE NON DI ALLEVAMENTO , VERDURE FRUTTA NOCI NOCCIOLE E MANDORLE legumi vari lenticchie ceci fagioli TUTTO IL RESTO E’ IMMONDIZIA !!!!!! Tutti quegli integratori le alghe e le varie schifezze delle erboristerie e0′ tutta popo’

  • Fabio

    i formaggi fanno benissimo ,ma non fanno certamente bene tutta quella accozzaglia di formaggi dei supermercati, quelli buoni ve li elenco io e datemi retta se volete la salute, parmigiano ma quello buono e stagionato lo dovete pagare almeno 24 euro al kg altrimenti e’ immondizia, pecorino sardo doc senza additivi, mozzarella di bufala e credetemi che ci sono

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *