Tatuarsi sulle cicatrici

Scegliere un tatuaggio può essere un buon modo per coprire una cicatrice, ma bisogna prendere alcune precauzioni prima di procedere.

Le cicatrici sono segni che ci portiamo in seguito ad un intervento chirurgico, ad un incidente o caduta e , speso, vogliamo solo dimenticare il dolore e l’inestetismo fastidioso sul nostro corpo.

Tatuaggi per coprire le cicatrici

Questo metodo si sta diffondendo sempre più perché il tatuaggio può essere una valida alternativa e può rendere la nostra cicatrice sicuramente più accettabile sia per noi stessi che agli occhi degli altri. Ma si sa il tattoo è per sempre, per questo motivo chi fa questo tipo di scelta deve avere piena consapevolezza psicologica del passo che sta compiendo. Il primo passo è consultare un buon dermatologo e poi passare dal vostro tatuatore di fiducia che vi spiegherà e vi mostrerà il possibile risultato finale.

 

Per tutti i tipi di cicatrice?

Che la vostra cicatrice sia dovuta ad una addominoplastica, all’acne o una semplice appendicite, il tatuaggio può essere un trattamento per abbellire la cicatrice ma è da tenere presente che non potrà renderla invisibile! Di solito un bravo saturatore consiglia di aspettare almeno due anni, questo perché il tatuaggio non può essere eseguito su una cicatrice “fresca” e sconsigliano totalmente questo metodo per le cicatrici da bruciatura o sulle cicatrici cheloidee perché il risultato potrebbe non essere omogeneo. Il tatuaggio naturalmente può essere anche colorato proprio per rendere esteticamente più piacevole il disegno finale , a seconda dei gusti si può magari optare per fiori o stelline per mascherare le differenze cromatiche delle cicatrici.

Le zone sensibili

Le cicatrici possono ahimè trovarsi in qualunque parte del nostro corpo, ma ci sono sicuramente delle zone più sensibili di altre su cui conviene riflettere più a lungo prima di passare all’azione e coprirle con un tatuaggio accattivante. E’il caso delle cicatrici in testa magari dopo la chemioterapia o sul ventre, alcune donne scelgono anche di ridisegnare e rendere più belle le smagliature che restano comunque segni cutanei molto importanti.

Sebbene esistano altri validi trattamenti per nascondere le cicatrici, quali il laser o creme ad uso topico, il tatuaggio resta il metodo più allegro e divertente per “dimenticare” un brutto intervento o un evento traumatico che ci ha colpito.

Scegliete il soggetto più bello e affidatevi alle mani di un esperto tatuatore e la vostra cicatrice sarà solo un brutto ricordo!


Vedi altri articoli su: Tattoo |

Commenti

  • Emilia

    Salve io ho un cicatrce sulla schiena di un ustione di terzo grado avuta quando avevo due anni. si puo coprire con un tatuaggio? Adesso ho 27 anni.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *