Cicatrici e sole, come comportarsi e quali creme usare

Cicatrici e sole, come comportarsi e quali creme usare

Cicatrici e sole: come comportarsi quando ci si espone al sole, quali creme usare e i consigli da seguire per un’abbronzatura sicura.

Quello tra cicatrici e sole è un rapporto complesso, spesso sottovalutato e ingiustamente trascurato. In realtà, esporsi al sole quando si hanno cicatrici è molto rischioso, in quanto la pelle risulta molto più sensibile ai raggi UV e UVA. Le conseguenze sono antiestetiche e anche pericolose: è possibile, infatti, che il sole aggravi l’infiammazione della cicatrice se ancora “fresca” o che, in caso di cicatrice già guarita, provochi fenomeni difficili da tenere a bada come l’iperpigmentazione cutanea.

Per questo è fondamentale tenere conto di alcuni accorgimenti e proteggersi adeguatamente usando una crema con protezione solare alta. Dopo aver scelto la crema solare per cicatrici più adatta alle proprie esigenze, è opportuno riapplicarla più volte e in quantità adeguate.

Prendendo alcune piccole ma preziose precauzioni è possibile non privarsi del piacere di stare al sole anche se si hanno una o più cicatrici. Scopriamo insieme come fare per non correre rischi e prendere una bella tintarella in totale sicurezza.

Cosa sono le cicatrici

Spesso parliamo di cicatrici in modo improprio, specialmente quando ci riferiamo all’esposizione al sole. Si tende, infatti, a sottovalutare i rischi a cui si va incontro senza proteggersi in modo opportuno dai raggi UV e UVA. Facciamo, quindi, il punto su cosa sono le cicatrici e quali sono le loro principali caratteristiche.

Per cicatrice si intende una lesione cutanea, che può essere dovuta a tantissime cause differenti. Esistono cicatrici da acne, cicatrici derivate da operazioni chirurgiche e altre che, invece, sono state provocate da eventi traumatici come tagli e cadute. A prescindere dalla tipologia, gli accorgimenti da tenere presenti quando si parla di cicatrici e sole sono sempre gli stessi.

Tutte le cicatrici, infatti, seguono un’evoluzione simile e nella maggior parte dei casi piuttosto lineare. Negli stadi iniziali, per esempio, la cicatrice è rossa o tende al viola. Solitamente è umida e molto vistosa, particolarmente irritata e infiammata. Con il passare del tempo accade che la cicatrice si secca e gradualmente diventa una cicatrice bianca, molto più chiara e meno evidente.

Ciò non deve far pensare, però, che con queste non ci sia bisogno di proteggersi dal sole, anzi. Allo stesso modo è importante proteggere la cute e adottare in modo oculato alcuni comportamenti corretti che possono fare davvero la differenza.

Cicatrici al sole: cosa succede e quali sono i rischi

Il tema cicatrici e sole è da sempre piuttosto dibattuto e perfino estremizzato: c’è chi sconsiglia assolutamente di esporsi al sole mentre, alle volte, il problema viene trascurato in modo irresponsabile fino a quando non ci si imbatte in spiacevoli conseguenze su cui risulta difficile intervenire.

Partiamo da un presupposto: le cicatrici, di qualsiasi tipo, non dovrebbero mai essere esposte al sole in modo sconsiderato. Quando ci si espone, occorre sempre proteggersi con un’adeguata crema solare e, inoltre, bisognerebbe sempre e comunque evitare di esporsi durante le ore più calde. Questa regola, in realtà, è valida per chiunque, a prescindere dalla presenza o meno di cicatrici sulla pelle.

Il principio della non esposizione vale specialmente per le cicatrici rosse, “più fresche” e in fase di irritazione. Esporsi con una cicatrice di questo tipo è molto pericoloso perché il rischio che la situazione infiammatoria della pelle peggiori ulteriormente è davvero molto elevato.

Ma quali sono le conseguenze dell’esposizione ai raggi solari delle cicatrici? Le cicatrici, se esposte al sole, possono degenerare in diversi modi. Ecco i principali:

  • iperpigmentazione (si scuriscono)
  • ipopigmentazione (si schiariscono)
  • cheloide (peggioramento delle cicatrici rosse che richiede l’intervento di uno specialista)

In linea di massima, tutti questi problemi e spiacevoli effetti collaterali si possono tranquillamente evitare e tenere sotto controllo proteggendo adeguatamente la pelle e prendendo alcuni accorgimenti al momento dell’esposizione, che sia al mare, in piscina, nel giardino di casa o in qualsiasi altra occasione.

Le migliori creme solari per le cicatrici

La crema solare per le cicatrici migliore è quella con fattore di protezione solare elevato. Bisognerebbe sempre scegliere almeno un SPF 30, anche se in presenza di cicatrici la più idonea è la protezione solare a schermo totale, quindi con (almeno) SPF 50.

Alcune delle migliori creme solari per cicatrici si trovano in farmacia. Vi segnaliamo, per esempio, la Crema Solare Photoderm Spot Bioderma, che previene l’iperpigmentazione e protegge le cicatrici.

Vantano ottime recensioni anche tutte le creme solari viso e corpo della linea La Roche-Posay Anthelios SPF 50+, formulata appositamente per le pelli sensibili e reattive.

Per una protezione assoluta, consigliamo inoltre Rilastil MD 1OO+, una crema solare fluida e di facile assorbimento perfetta da riapplicare più volte durante l’esposizione solare.

Esistono poi, da usare in alternativa alla crema solare, dei cerotti per proteggere le cicatrici. Si tratta di cerotti color pelle e impermeabili, completamente resistenti all’acqua. Applicandoli sulla cicatrice si riesce a proteggere la pelle dal sole e, al contempo, a tenere al riparo la cute lesa dagli agenti esterni come la sabbia o il vento.

Per un’applicazione più mirata, vi consigliamo anche gli stick con protezione solare: hanno, solitamente, un SPF elevato e permettono di agire in modo localizzato.

Cicatrici e sole: consigli e accorgimenti

Qualsiasi cicatrice non andrebbe esposta al sole nei primi 3 mesi, onde evitare di rallentare o compromettere il processo di guarigione e rigenerazione della pelle. Una volta guarita, la zona colpita potrà essere esposta al sole, ma è bene ricordare che risulterà sempre più sensibile ai raggi solari del resto del corpo.

Vi ricordiamo che la crema solare va applicata almeno 10 minuti prima di esporsi al sole e che deve essere usata in quantità adeguate: non risparmiatevi e cospargete di crema la vostra cicatrice per proteggerla al meglio e in modo efficace.

L’esposizione solare va limitata a poche ore al giorno e andrebbero sempre e comunque evitate le ore più calde. Inoltre, è bene riapplicare la crema solare a intervalli regolari e molto ravvicinati, specialmente se si ha una cicatrice recente. La frequenza ideale è ogni 2 ore circa.

Dopo l’esposizione al sole, la cute va accuratamente detersa e poi idratata e ritemprata utilizzando prodotti elasticizzanti e nutrienti, dalla funzione lenitiva e idratante. Se la vostra cicatrice è l’esito di un intervento chirurgico, vi raccomandiamo di seguire sempre attentamente le indicazioni date dal medico.

Foto Credit: Armin Rimoldi da Pexels



Donna che sorride appena sveglia
Skincare

Filler labbra: a cosa serve e quanto dura

Donna allo specchio
Skincare

Biorivitalizzazione viso: come migliorare la qualità della pelle

Foto di donne con look al naturale
Skincare

Nude Beauty 2, riparte il format sulla bellezza senza filtri

Applicare la crema viso e corpo
Skincare

Crema viso e corpo: consigli e cosa sapere

Tipi di naso, alla francese, aquilino e altri ancora
Skincare

Tipi di naso, alla francese, aquilino e altri ancora

5 migliori trattamenti per il ringiovanimento del viso
Skincare

Trattamenti per il ringiovanimento del viso: i 5 migliori del momento

Come far crescere le ciglia, velocemente e in modo naturale
Skincare

Come far crescere le ciglia, velocemente e in modo naturale

Peeling viso per macchie
Skincare

Peeling viso per macchie: che cos’è e in che cosa consiste