Capelli belli e curati grazie alle erbe indiane

Chiome meravigliosamente sane e voluminose sono un desiderio diffuso. La loro bellezza si basa anche sull'uso di prodotti naturali come oli ed erbe di provenienza esotica

Nei paesi orientali, nella tradizione e nella medicina popolare il ricorso a preparazioni a base di erbe medicinali è piuttosto diffuso, come risaputa è l’antica tradizione dei monaci benedettini, che nei monasteri, dedicavano particolare attenzione alla coltivazione di erbe e piante medicinali e aromatiche, finalizzata al trattamento fitoterapico di malattie e alla produzione di distillati e bevande. L’uso moderno di erbe e piante officinali è non solo legato alla salute e benessere di uomini e animali ma è esteso anche alla cucina ed alla cura del corpo in termini estetici. E un momento in cui queste piante possono risultare particolarmente utili è nella cura dei capelli.

Fra quelle più complete sotto questo aspetto spicca l’amla, una comune pianta officinale indiana usata in particolare nella medicina ayurvedica che se ne avvale da 5000 anni: è maggiormente nota per l’alto principio attivo di vitamina C in esso contenuta, in particolare i bioflavonoidi che hanno funzione antiossidante. Utilizzata per diversi usi nella medicina indiana, è utile per il rafforzamento del cuoio capelluto poiché produce collagene, che contribuisce alla crescita dei tessuti e a rallentare il processo di invecchiamento della pelle e dei capelli. La regolare applicazione di un olio a base di amla porta ad una riduzione delle doppie punte ed una diminuzione della perdita dei capelli. Massaggiandolo sul cuoio capelluto si rilassa la mente, si elimina lo stress rinforzando inoltre le radici e rendendo i capelli forti e lucenti. L’olio è in genere usato sui capelli dalle tonalità castane e nere: il suo uso prolungato su capelli più chiari può portare a un leggero scurimento del colore naturale.

La cura dei capelli si fa quotidianamente con lo shampoo, che dovrebbero essere il più possibile naturale magari a base di erbe, o meglio gli infusi che se ne traggono, sono ottimi detergenti naturali per i capelli. Con la rucola ad esempio si fa un ottimo shampoo fai da te. Ottima anche l’ortica, soprattutto se si ha la forfora. Per i capelli secchi si possono usare l’aloe vera, l’avocado, l’olio di germe di grano o di jojoba e l’uovo, mentre per i capelli grassi, ma in realtà va bene per tutti i tipi di capelli, si può adoperare la farina di ceci. Una base importante per un lavaggio fai da te è lo Shikakai (Acacia concinna): si tratta di un miscuglio di erbe di tradizione ayurvedica. E’da secoli usata nel subcontinente indiano per rendere i capelli più morbidi e brillanti. Si utilizza mescolando con dell’acqua tiepida e si ottiene un effetto rinforzante e lucidante.

Il diradamento del cuoio capelluto colpisce soprattutto le donne ed una parte di persone in giovane età. Per alleviare il problema della caduta dei capelli, con conseguente diradamento esistono alcuni rimedi naturali a cui poter ricorrere, come i semi di fieno greco ed il succo di aloe vera, entrambi metodi che rinforzano i capelli e combattono la formazione di forfora. Ci sono poi gli impacchi di Henné da applicare sul cuoio capelluto così come la polpa di avocado che può essere utile da applicare sulla chioma, prima dello shampoo. Da segnalare anche il succo di arancia, l’olio di oliva e quello di cocco dalle proprietà anti-caduta e rinforzanti.

Anche lo zafferano può essere utili ai capelli. La polvere rossa li rende luminosi e fa risplendere le chiome bionde. Sciogliendo la punta di un cucchiaio di zafferano in mezzo litro di acqua calda, sciacquando i capelli dopo lo shampoo e lasciando asciugare all’aria (niente phon), il biondo naturale o il castano chiaro si esalterà, mentre quello tinto assumerà riflessi meno artificiali. Per purificare il cuoio capelluto in caso di chiome che si ingrassano facilmente, o per chi vive a contatto con lo smog, creare una miscela di succo di limone e zafferano, addensate con poco amido di riso per ottenere una consistenza omogenea, e applicare il composto alla radice dei capelli, massaggiando bene.


Vedi altri articoli su: Chirurgia Estetica | Hairstyle | Rimedi Naturali |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *