Palpebre cadenti rimedi naturali e ginnastica

Palpebre cadenti: rimedi naturali e ginnastica da fare per prevenirle

Le palpebre cadenti vi buttano giù? Non temete: esistono rimedi naturali per migliorare questo inestetismo

La ginnastica facciale e alcuni semplici esercizi vi aiuteranno a prevenire le palpebre cadenti.

Palpebre cadenti

Le palpebre cadenti sono un fastidioso inestetismo del contorno occhi. Consistono in un abbassamento parziale o totale delle palpebre, inferiori o superiori, e le cause che provocano questo disturbo possono essere diverse. La ptosi palpebrale, oltre a essere insidioso da un punto di vista estetico, può anche causare problemi importanti alla vista. Non sono solo le donne a soffrirne e la sua comparsa non dipende solo da fattori legati all’invecchiamento.

Sintomi delle palpebre cadenti

Il segno più evidente dell’insorgere di questo problema è l’abbassamento di una o di entrambe le palpebre. La ptosi palpebrale può essere appena percepibile o andare addirittura a coprire l’iride, la pupilla o altre parti dell’occhio, rendendo difficoltosa la vista. Spesso si tratta solo di un problema estetico, ma altre volte può compromettere la vista e può essere un segnale di avvertimento di altri disturbi, che possono interessare muscoli, nervi, occhi o cervello.

Palpebre cadenti: le cause

Le cause delle palpebre cadenti possono essere di diverso tipo. La ptosi palpebrale può essere congenita e quindi essere presente sin dalla nascita. In questo caso la condizione è dovuta allo scarso sviluppo dei muscoli che sollevano o chiudono la palpebra. La maggior parte delle ptosi palpebrali sono però acquisite e insorgono con l’invecchiamento, poiché i muscoli delle palpebre s’indeboliscono. Esistono poi una serie di patologie che possono provocare questo inestetismo; tra queste ci sono il diabete e la distrofia muscolare. Ma anche un’eccessiva esposizione diretta al sole, la mancanza di cura nella routine di bellezza quotidiana, il consumo eccessivo di alcol e fumo possono favorire l’insorgere del problema.

Rimedi per le palpebre cadenti

Il problema delle palpebre cadenti, se in stadio non avanzato e se non legato a disturbi medici, può essere alleviato con rimedi naturali. Certo, se si vuole eliminare del tutto l’inestetismo è necessario ricorrere alla chirurgia plastica. Ma esistono metodi più soft e meno invasivi che possono rappresentare una valida alternativa. Alcuni rimedi naturali e la ginnastica facciale, per esempio, sono due buoni metodi per prevenire e alleviare il disturbo. In commercio, inoltre, esistono delle strisce adesive per un effetto lifting immediato. Si tratta di adesivi da applicare sulle palpebre, trasparenti e impermeabili, che possono essere indossati per diverse ore consecutive anche sopra il make up. Infine le mascherine gel per occhi e le creme e i sieri specifici per questo inestetismo.

Rimedi naturali: l’albume d’uovo

Un ottimo rimedio naturale contro le palpebre cadenti è l’albume d’uovo. L’albume infatti è molto ricco di proteine ​​e offre un effetto lifting. Inoltre aiuta a stringere i pori e rassodare la pelle. Detergete bene il viso; dopodiché immergete un batuffolo di cotone in due albumi montati e applicate il composto sulle palpebre. Tenete gli occhi chiusi finché l’albume non si asciuga completamente, quindi pulite in modo accurato e applicate una crema idratante apposita intorno agli occhi. Il trattamento va ripetuto una o due volte alla settimana.

Maschere facciali

Grazie alle proprietà di alcuni alimenti si possono ottenere delle maschere facciali ricche di antiossidanti e minerali essenziali che aiutano a rassodare la pelle delle palpebre cadenti. Una, per esempio, è quella a base di fichi e limone. Lavate e tritate finemente tre fichi neri, poi mescolate con un cucchiaino di succo di limone e stendete la maschera sulle palpebre cadenti. Lasciate agire per mezz’ora, poi sciacquate. Ripetendo l’applicazione tre volte alla settimana, dovreste notare dei miglioramenti.

Un altro rimedio efficace contro la perdita di tonicità è la maschera miele e mele. La sua applicazione regolare riduce la flaccidità e previene il cedimento della pelle e la formazione di rughe premature. Frullate una mela, poi mescolate due cucchiaini di miele. Lasciate agire tra i 20 e i 30 minuti, poi risciacquate con acqua fredda e ripetete tre volte alla settimana.

Camomilla e cetriolo

Il cetriolo e la camomilla aiutano la pelle a rimanere in salute ma anche a tonificarla e sono ricchi di proprietà antinfiammatorie e di vitamine che servono a contrastare i radicali liberi. Oltre a ridurre le palpebre cadenti, quindi, questi due alimenti uniti assieme servono a combattere le borse e le occhiaie. Preparate una tazza bollente di camomilla e lasciatela riposare finché non si raffredda. Quando è pronta, mettete nel frullatore con mezzo cetriolo. Riponete il trattamento in frigorifero e lasciatelo agire per 2 o 3 ore. Una volta trascorso questo tempo, applicate il tonico sulle palpebre e su tutto il contorno occhi. Lasciate agire per mezz’ora poi sciacquate. Ripetete l’applicazione due volte al giorno, la mattina e la sera.

Altri rimedi

Per contrastare l’inestetismo delle palpebre cadenti è utile anche seguire altri accorgimenti. Per esempio, sciacquare il viso e la zona degli occhi con acqua fredda è utile per mantenere la pelle elastica e per la tonicità muscolare. Dormire un numero sufficiente di ore, poi, è fondamentale. L’inattività e il riposo decontraggono la muscolatura facciale, migliorando il drenaggio e la detossificazione dei tessuti. Infine l’idratazione: la disidratazione causa perdita di elasticità e maggior fragilità tessutale.

Ginnastica facciale

Esistono alcuni esercizi specifici per il muscolo perioculare. Un esercizio molto utile è quello di sbattere ripetutamente le palpebre. Il passo successivo è quello di tenere chiusi gli occhi per venti secondi. Infine, mantenete gli occhi il più possibile spalancati per altri venti secondi.

Un altro esercizio è quello di tirare con i polpastrelli delle dita gli angoli degli occhi verso l’esterno e contemporaneamente provare ad aprire e chiudere gli occhi per almeno dieci volte. Gli esercizi di contrazione favoriranno nell’immediato il drenaggio linfatico locale dall’interno e nel tempo permetteranno di ottenere un rafforzamento della struttura muscolare. Per provare ad avere palpebre più toniche, infine, corrugate la fronte, aggrottando le sopracciglia. Contate fino a 10, poi rilassate il viso. Alzate le sopracciglia spalancando gli occhi e ripetete il ciclo 10 volte.



Biorivitalizzazione fai da te
Bellezza fai da te

Biorivitalizzazione fai da te

Pulizia del viso fai da te step e prodotti naturali per una detersione perfetta
Bellezza fai da te

Pulizia del viso fai da te: step e prodotti naturali per una detersione perfetta

Burrocacao fai da te miele, rimpolpante o aloe vera
Bellezza fai da te

Burrocacao fai da te: miele, rimpolpante o aloe vera

Pedicure curativo fai da te, consigli e prodotti
Bellezza fai da te

Pedicure curativo fai da te, consigli e prodotti

Sopracciglia folte rimedi naturali e cura
Bellezza fai da te

Sopracciglia folte: rimedi naturali e cura

Ginnastica facciale, esercizi fai da te per tonificare il viso
Bellezza fai da te

Ginnastica facciale, esercizi fai da te per tonificare il viso

Labbra belle e voluminose con prodotti naturali
Bellezza fai da te

Labbra belle e voluminose con prodotti naturali

Come allungare le ciglia con prodotti naturali
Bellezza fai da te

Come allungare le ciglia con prodotti naturali

Piercing capezzolo: donna e uomo, controindicazioni
Bellezza

Piercing capezzolo: donna e uomo, controindicazioni

Gli step da seguire per decorare in tutta sicurezza questa parte del corpo così delicata: ecco la guida al piercing capezzolo.

Leggi di più