Il cuore della moda a Pitti Bimbo

Pitti bimbo 2016: un’occasione per supportare le associazioni che si occupano di sostegno all’infanzia in ogni angolo del mondo.

Quando si pensa alla moda si pensa automaticamente ai riflettori, alle falcate delle modelle in passerella, agli eccessi di un mondo talvolta lontanissimo dalla realtà. Con i suoi pregi e i suoi difetti. Eppure la moda è anche tanto altro. O comunque: molto altro.

L’edizione numero ottantadue di Pitti Bimbo si è conclusa lo scorso 23 gennaio all’interno della tradizionale cornice fiorentina della Fortezza da Basso, con un totale di più di 10.000 visitatori registrati.

Un’edizione ricca di colori e di allegria, come si conviene al childrenswear ma anche un’occasione per riflettere sull’importanza che il settore moda – con il suo indotto, la sua visibilità e le sue cifre – può rivestire nella sensibilizzazione verso temi e problematiche relative al mondo dell’infanzia.


Solidarietà e sensibilizzazione

Protagonista assoluta di questa edizione di Pitti Bimbo è stata dunque la solidarietà e molteplici sono state le iniziative benefiche, promosse dai vari brand espositori, a favore di associazioni che si occupano di sostegno all’infanzia.

Eccone una breve rassegna:

Sarabanda – marchio childrenswear dell’azienda Miniconf – ha presentato il progetto a sostegno di Gold for Kids della Fondazione Umberto Veronesi, per il finanziamento della ricerca oncologica pediatrica. Madrina, Federica Fontana.

Il brand Miss Grant si è schierato a sostegno di Antropozoa Onlus, l’associazione nazionale che da oltre 17 anni promuove la Pet Therapy per i bambini nelle scuole e negli ospedali.

Original Marines ha ospitato nei propri stand la mostra fotografica PHO-TO AFRICA: una selezione di 15 scatti inediti del fotografo Sven Jacobsen, realizzati durante lo shooting per il catalogo P/E 2016 di Original Marines a Cape Town, in Sud Africa. I proventi della vendita delle fotografie è stato messo a disposizione dell’associazione AMKA Onlus, che sostiene progetti di educazione per il diritto allo studio dei bambini africani.

Maëlie, il nuovo nome del marchio Rubacuori – completamente rinnovato – ha accompagnato il lancio delle collezioni con uno speciale evento  a supporto dell’iniziativa “emergenza Siria” che ha visto protagonista la Pigotta, la bambola di pezza dell’Unicef, e madrina d’eccezione Melissa Satta.

E infine, in occasione del lancio della linea Cicciobello® Baby Care, Giochi Preziosi ha presentato in collaborazione con Vogue Bambini la Cicciobello® Fashion Walk: una collezione invernale, realizzata da un gruppo di stilisti di brand internazionali, i proventi della cui vendita (in esclusiva su yoox.com) saranno devoluti all’associazione Child Priority.

Non solo moda, dunque, ma anche solidarietà e sensibilizzazione. In un’edizione che, più di ogni altra, ha fatto del sorriso di ogni bambino il presupposto e l’obiettivo. Anche quello fotografico, come dimostra la nostra gallery inedita.

Photo credits: Martina Olivieri



Abbigliamento

I completi in stile maschile tornano alla ribalta

Inverno in tweed, i pezzi must have
Abbigliamento

Inverno in tweed, i pezzi must have

Non avete ancora una gonna in pelle? Prendetela ora!
Abbigliamento

Non avete ancora una gonna in pelle? Prendetela ora!

Second-hand fashion tutti i benefici
Abbigliamento

Second-hand fashion tutti i benefici

Il colore lavanda sarà il colore dell'inverno
Abbigliamento

Il colore lavanda sarà il colore dell’inverno

Abbigliamento

Quali colori indosseremo nell’autunno inverno 2019/2020?

Scarpe autunno 2019: tutte le tendenze
Scarpe

Scarpe autunno 2019: tutte le tendenze

Abbigliamento

5 look da sfoggiare in autunno

Inverno in tweed, i pezzi must have
Abbigliamento

Inverno in tweed, i pezzi must have

Ormai di moda da diversi anni il tweed scalderà i nostri look di questo inverno. Nella versione maxi e in total look sarà il tessuto cult di stagione.

Leggi di più