Il cuore della moda a Pitti Bimbo

Pitti bimbo 2016: un'occasione per supportare le associazioni che si occupano di sostegno all'infanzia in ogni angolo del mondo.

Pitti Bimbo 2016
Pitti Bimbo 2016
  • Pitti Bimbo 2016
  • Pitti Bimbo 2016
  • Pitti Bimbo 2016
  • Pitti Bimbo 2016
  • Pitti Bimbo 2016
  • Pitti Bimbo 2016
  • Pitti Bimbo 2016
  • Pitti Bimbo 2016
  • Pitti Bimbo 2016
  • Pitti Bimbo 2016
  • Pitti Bimbo 2016
  • Pitti Bimbo 2016
  • Pitti Bimbo 2016

Quando si pensa alla moda si pensa automaticamente ai riflettori, alle falcate delle modelle in passerella, agli eccessi di un mondo talvolta lontanissimo dalla realtà. Con i suoi pregi e i suoi difetti. Eppure la moda è anche tanto altro. O comunque: molto altro.

L’edizione numero ottantadue di Pitti Bimbo si è conclusa lo scorso 23 gennaio all’interno della tradizionale cornice fiorentina della Fortezza da Basso, con un totale di più di 10.000 visitatori registrati.

Un’edizione ricca di colori e di allegria, come si conviene al childrenswear ma anche un’occasione per riflettere sull’importanza che il settore moda – con il suo indotto, la sua visibilità e le sue cifre – può rivestire nella sensibilizzazione verso temi e problematiche relative al mondo dell’infanzia.

Solidarietà e sensibilizzazione

Protagonista assoluta di questa edizione di Pitti Bimbo è stata dunque la solidarietà e molteplici sono state le iniziative benefiche, promosse dai vari brand espositori, a favore di associazioni che si occupano di sostegno all’infanzia.

Eccone una breve rassegna:

Sarabanda – marchio childrenswear dell’azienda Miniconf – ha presentato il progetto a sostegno di Gold for Kids della Fondazione Umberto Veronesi, per il finanziamento della ricerca oncologica pediatrica. Madrina, Federica Fontana.

Il brand Miss Grant si è schierato a sostegno di Antropozoa Onlus, l’associazione nazionale che da oltre 17 anni promuove la Pet Therapy per i bambini nelle scuole e negli ospedali.

Original Marines ha ospitato nei propri stand la mostra fotografica PHO-TO AFRICA: una selezione di 15 scatti inediti del fotografo Sven Jacobsen, realizzati durante lo shooting per il catalogo P/E 2016 di Original Marines a Cape Town, in Sud Africa. I proventi della vendita delle fotografie è stato messo a disposizione dell’associazione AMKA Onlus, che sostiene progetti di educazione per il diritto allo studio dei bambini africani.

Maëlie, il nuovo nome del marchio Rubacuori – completamente rinnovato – ha accompagnato il lancio delle collezioni con uno speciale evento  a supporto dell’iniziativa “emergenza Siria” che ha visto protagonista la Pigotta, la bambola di pezza dell’Unicef, e madrina d’eccezione Melissa Satta.

E infine, in occasione del lancio della linea Cicciobello® Baby Care, Giochi Preziosi ha presentato in collaborazione con Vogue Bambini la Cicciobello® Fashion Walk: una collezione invernale, realizzata da un gruppo di stilisti di brand internazionali, i proventi della cui vendita (in esclusiva su yoox.com) saranno devoluti all’associazione Child Priority.

Non solo moda, dunque, ma anche solidarietà e sensibilizzazione. In un’edizione che, più di ogni altra, ha fatto del sorriso di ogni bambino il presupposto e l’obiettivo. Anche quello fotografico, come dimostra la nostra gallery inedita.

 

Photo credits: Martina Olivieri

 

 


Vedi altri articoli su: Abbigliamento | Sfilate |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *