Demi Moore e le figlie danno il via all’estate. E le temperature diventano bollenti

05/06/2022

Il mese di giugno ha dato il via ufficialmente all’estate, con un po’ di anticipo. Lo sa bene Demi Moore, che sul suo profilo Instagram pubblica la prima foto al mare insieme alle tre figlie avute da Bruce Willis: Rumer, Scout e Tallulah, rispettivamente 33, 30 e 28 anni.
“Di nuovo quel periodo dell’anno”, scrive l’attrice per indicare che la bella stagione è finalmente arrivata ed è tempo di costumi, creme solari, bagni, esposizioni al sole e abbronzature. E quale modo migliore per celebrare questo momento se non mettendosi in posa con i costumi coordinati?

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Demi Moore (@demimoore)

Demi e le figlie testimonial di una linea di costumi

Per la loro prima giornata al mare, Demi Moore e le figlie hanno scelto il bianco. Tutte in costume intero del brand Andie Swim, tranne Scout, che ha preferito un bikini con il reggiseno a triangolo. Madre e figlie condividono la passione per la moda e lo scorso anno proprio questo brand le aveva scelte come testimonial.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Andie (@andieswim)

 

Visualizza questo post su Instagram

 


Leggi anche: Costumi da bagno per cani

Un post condiviso da Andie (@andieswim)

L’inno alle donne di Scout Willis

Scout di recente ha accompagnato Demi Moore alle sfilate a Parigi: tra le ragazze è quella che somiglia di più a mamma Demi. Fa la cantante e di recente ha lanciato il suo nuovo brano, “Woman At Best”, un inno alla forza delle donne e al loro istinto. Nel vide Scout sfoggia capi genderless, che tutte le donne e gli uomini hanno nell’armadio: slip e canotta bianca, calzettoni, un pullover in lana, pantaloni neri. La canzone è un manifesto per la libertà delle donne, infatti nel videoclip la biancheria che indossa, e che è simbolo di intimità, viene sporcata ad arte con ciliegie mature per simboleggiare il ciclo mestruale e la fertilità. “La canzone è una lettera d’amore alla sacra furia femminile e alla sensualità”, spiega su Instagram Scout, che con i lunghi capelli neri e i lineamenti scolpiti ricorda tanto sua madre, “un’ode alla creatività e alla libertà delle donne, all’idea che io posso essere tutto ciò che voglio allo stesso tempo, senza nascondere nessuna parte di me. Questo brano parla della sovranità che ognuna di noi ha sul corpo e dell’esprimere liberamente se stessi senza riserve”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Scout laRue Willis (@scoutlaruewillis)

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Andie (@andieswim)

La battaglia di Rumer contro il body shaming

Anche Rumer spesso accompagna Demi Moore sui red carpet, e i flash sono tutti per loro. Inoltre, è molto seguita sui social network, dove si mostra al naturale e spesso prende posizioni contro il body shaming. Sa di che cosa parla: fin da piccole lei e sua sorella Tallulah sono state giudicate e criticate da chi le accusava di non somigliare alla loro bellissima madre e di avere ereditato, invece, l’aspetto “mascolino” del padre. Questo le ha fatte soffrire molto: Rumer ha anche sofferto di disturbi alimentari, ma ha lottato molto e oggi ha un rapporto molto più sano e consapevole col proprio corpo.


Potrebbe interessarti: Estate anni 90, tutti i capi di moda tornati di tendenza

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Andie (@andieswim)

Tallulah ha superato i problemi con alcol e droghe

Anche Tallulah ha sofferto molto a causa di tutti coloro che le dicevano apertamente di non essere bella e femminile come Demi Moore. Lei stessa ha raccontato di avere avuto problemi di droga, alcol e disturbi alimentari che l’hanno messa a dura prova. Inoltre, ha sofferto molto per la separazione dei suoi genitori.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Andie (@andieswim)

Demi Moore: con Bruce Willis un amore infinito

Bruce Willis e Demi Moore erano la coppia più affiatata e invidiata di Hollywood. Conosciutisi nel 1987 a una premiere, quattro mesi dopo si erano sposati a sorpresa a Las Vegas dove, nei fine settimana, si divertivano ad assistere assistere agli incontri di boxe. Pochi mesi dopo, nell’agosto del 1988, venne alla luce Rumer, poi le altre due figlie. Nel 1998 la notizia del loro divorzio sconvolse il mondo.
Demi e Bruce sono, comunque, rimasti molto uniti: non è insolito vederli insieme, lui ha trascorso tutto il lockdown per il Covid con la sua ex moglie e di recente, quando ha annunciato di doversi ritirare dalle scene a causa di un grave problema di salute, Demi e le ragazze gli si sono strette attorno. Ma le figlie hanno sofferto per la loro separazione, soprattutto Tallulah che ha un carattere più chiuso e riservato. Oggi, però, anche lei ha fatto pace con il suo corpo e il suo passato e al mare con sua madre e le sue sorelle appare più serena che mai.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da tallulah (@buuski)

Demi Moore e le figlie: il prezzo dei costumi

Demi e le sue figlie indossano costumi del brand di beachwear Andie Swim, di cui l’attrice è socia e che già lo scorso anno le aveva scelte come testimonial. Si tratta di capi della nuova collezione. Demi Moore ha scelto un costume intero bianco che sottolinea le sue curve perfette confermandola ancora una volta “icona di bellezza”. Il costume ha un’ampia scollatura, bretelle sottili e un fiocco annodato all’altezza del seno. Tallulah sfoggia il modello Mykonos, caratterizzato da una profonda scollatura a V. Sul sito del brand costa 107 euro. Rumer ha scelto un modello basic e Scout un due pezzi a costine. Il top Valencia a triangolo costa 60 euro, gli slip a vita bassa 46.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Andie (@andieswim)

Foto copertina: Credit Agenzia Fotogramma