Parto eutocico o distocico, quali sono le differenze

Il parto naturale può essere classificato in eutocico o distocico, secondo che ci sia o meno l'intervento di ausili esterni per l'espulsione del bimbo.

parto eutocico
Parto eutocico o fisiologico: parto naturale spontaneo senza l'ausilio di strumenti ostetrici o induzione del travaglio.

A fine gravidanza giunge il momento decisivo, si tratta del momento più bello ed emotivamente intenso di tutti i tempi.

La preparazione al parto è molto importante: respiro, mobilità pelvica ed esercizi mirati, queste alcune delle attività e nozioni affrontate in un corso preparto. Quando arriverà il momento decisivo sarà la natura, insieme con il ginecologo ed il suo staff, a decidere quale via percorrere tra parto naturale e cesareo.

Ma oltre a queste due varianti principali, esistono due classificazioni diverse per il parto naturale: eutocico e distocico.

Eutocico e distocico, le differenze

parto distocico
Parto distocico: quando l'espulsione del bambino richiede l'intervento ostetrico e l'uso di strumenti quali forcipe e ventosa.
Il parto naturale è detto eustocico quando l’espulsione tramite il canale vaginale avviene spontaneamente senza che vi sia il ricorso a strumenti come la ventosa, per esempio. In questo caso specifico, il travaglio non è indotto (solitamente per induzione si intende il ricorso a ossitocina, gel o fettuccia).
Il parto distocico, invece, è detto anche operativo e prevede l’impiego di strumenti come la ventosa o il forcipe per facilitare il processo di espulsione. È possibile ricorrere anche alla manovra Kristeller, ossia una spinta sul pancione per far fuoriuscire il bambino.

Fasi di un parto naturale eustocico

Elenchiamo per punti le fasi principali che caratterizzano un parto naturale fisiologico o eustocico.

1. Fase preparatoria o prodromica: la mamma comincia ad avvertire una serie di contrazioni irregolari e poco dolorose, i tessuti si preparano al lieto evento;

2. Fase dilatante: è l’inizio del travaglio, che consiste nell’aumento delle contrazioni, sempre più frequenti e regolari, e nella dilatazione del collo dell’utero;

3. Fase espulsiva: coincide con la fine del travaglio e con l’espulsione del bimbo;

4. Secondamento: espulsione della placenta.

Motivi del parto distocico

I motivi che inducono al parto distocico, e quindi all’intervento ostetrico tramite strumenti appositi, possono essere diversi. Per esempio, l’utero può registrare difficoltà a contrarsi (distocia dinamica) o essere il canale cervicale ad avere difficoltà dilatative (distocia meccanica), altri fattori incidenti sono la conformazione del bacino della mamma, la posizione del piccolo o il suo peso eccessivo.


Vedi altri articoli su: Gravidanza | Parto |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *