Whirpool attenta alle quote rosa in azienda

Un'impresa che guarda oltre e offre vere opportunità alle donne

donne-manager

Se è vero che l’83 per cento dei beni di consumo è scelto da donne, va da sé che le aziende produttrici debbano modificare il proprio assetto manageriale dando maggiore spazio alle quote rosa. Da queste considerazioni è partita la nuova era di Whirpool, che nel giro di due anni ha visto triplicare la componente rosa tra i top talent. Un percorso appena iniziato che porterà a raggiungere il 30 per cento di donne in ruoli manageriali entro il 2015.

Esther Berrozpe, la prima donna presidente

Questo quanto stabilito dal programma delle pari opportunità EMEA Gender Diversity Program, iniziato nel maggio 2011. Intanto, l’azienda ha nominato la prima donna presidente della sua storia: Esther Berrozpe. Di origine spagnola, 43 anni, sposata con un figlio, Berrozpe è presidente Whirpool EMEA. Tanto per dire che si fa sul serio.
La nuova manager assume una delle cariche più importanti nella multinazionale ma sono diverse le donne in posizioni chiave o di comune appannaggio maschile. L’azienda applica il valore della Diversity come forma mentis di meritocrazia senza arrivare a discriminazioni nei confronti degli uomini. Alle donne vengono proposti percorsi di recruiting specifici che hanno condotto fino alla nomina della prima donna in assoluto nella posizione di direttore di stabilimento: Stella Chieffo. Accade in Italia tra l’altro. Altro ruolo chiave al femminile è quello di Elena Betto, direttore logistica magazzino centrale ricambi EMEA.

Formazione e comunicazione

Non solo selezione del personale, ma anche una formazione e una buona comunicazione continua supportata da training e seminari pensati appositamente per la crescita professionale delle donne. Come spiega Francesca Morichini, direttore HR Industrial Operations & Industrial Relations& Head of talent, Whirlpool EMEA «occorre rispondere alle reali esigenze delle donne». Interventi importanti per promuovere la presenza della donna in azienda. Non per moda ma per valore. «La donna deve essere preparata – continua Morichini – perché la diversity deve incrementare la qualità del lavoro». Proprio con l’intento di formare le donne in modo adeguato ed efficace ai ruoli manageriali, Whirlpool ha ideato il primo progetto di leadership al femminile per le donne di talento.


Vedi altri articoli su: Lavoro |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *